Torre di Albidona-18/03/2013: Il Comitato dei cittadini dell’Alto Jonio riunisce le associazioni

Foto3989Foto3990Foto3991Foto3992Foto3993Nuova immagine12Nuova immagine21Nuova immagine43Nuova immagine45Nuova immagine67

Torre di Albidona: 18 /03/2013

La priorità assoluta per il comitato dei cittadini dell’Alto Jonio è la variante alla progettazione definitiva del terzo Megalotto della superstrada 106 del tratto Roseto Capo Spulico-Trebisacce. Durante l’incontro, presieduto dal portavoce del comitato dei cittadini, Rinaldo Chidichimo, dello scorso lunedì 18 marzo, tenutosi presso la Biblioteca Torre di Albidona, si è convenuto, tra le diverse associazioni del territorio presenti, sulla necessità di sollecitare la convocazione con l’ANAS, richiesta anche da tre comuni interessati, per una soluzione più rispettosa della salvaguardia del territorio secondo le richieste degli stessi comuni che, consentirebbe la realizzazione dell’opera con meno tempo, meno spese, meno devastazione, meno pericoli (incrocio metanodotto, smog, ecc.). In proposito è stato anche discussa la possibilità di invitare i parlamentari neoeletti, compresi i ”grillini”, a visitare la zona per rendersi personalmente conto delle proposte avanzate e dei pericoli inerenti il tracciato ANAS, vecchio di oltre 10 anni. Apprezzamento è stato rivolto all’iniziativa nel comune di Amendolara con la raccolta di firme a sostegno del cambiamento del tracciato. Con forza il Comitato dell’Alto Jonio ha sollevato poi il pericolo che nella zona di nuova espansione urbana della Pagliara di Trebisacce si venga a realizzare con il viadotto progettato a non molta distanza da quello esistente, una vera e propria “camera della morte”, chiudendo le nuove numerose palazzine tra due fonti di inquinamento pericoloso. Il Comitato ha poi esaminato la proposta dell’Associazione di Amendolara ASAI “Umberto Pagano” di una maggiore collaborazione fra le Associazioni della società civile presenti nell’Alto Jonio, sulla base di un protocollo d’intesa, tra le associazioni firmatarie. Infine è stata annunciata la volontà di una ripresa di attività dell’Associazione dell’Arco Jonico di Sibari per la tutela, la promozione e lo sviluppo del territorio, costituita alla fine degli anni novanta con programmi precisamente coincidenti con quelli di valorizzazione e tutela del territorio. Sono intervenuti al dibattito con utili suggerimenti:  l’avvocato Salerno e il geologo Laschera, portavoce dell’associazione Anas di Amendolara che ha illustrato il protocollo d’intesa, Vincenzo La Camera-direttore di Paese 24-,Vincenzo Arvia, presidente dell’Aps “Vacanzieri insieme per l’Italia e….”, Costantino Bellusci e Stamato per l’associazione culturale “Bashke-Insieme” di Plataci, la redazione del mensile “Confronti” con Giuseppe Rizzo, Genise Giuseppe, Vincenzo Filardi ed Ettore Angiò, Francesca Panio per l’associazione “Santa Maria” di Francavilla, il portavoce della dirigente scolastica del Filangieri, Domenica Franca Staffa-,lo scrittore Antonio Gerundino di Amendolara, Michele Lofrano, presidente dell’associazione combattenti e reduci di Trebisacce, Michele Cammarota e Dante Brunetti in rappresentanza dell’Unitre e dell’Età Serena,ecc.

Francesco Lofrano

 

285total visits,1visits today