Trebisacce-29/03/2013: Assegnate le cariche sociali nel Comitato Promotore del Club Unesco. Franco Maurella Presidente

in piedi AgnusdeiriunioneSindaco Franco Mundo-Agnusdei- OdoguardiFoto4102Foto4103Foto4104Foto4106Foto4109Foto4110

Trebisacce:29/03/2013

Si è svolta la prima riunione del Comitato Promotore del Club Unesco di Trebisacce e dei soci aderenti, lo scorso giovedì, 28 marzo, nella saletta riunioni del Miramare Palace Hotel. Al via quindi l’anno di prova previsto dall’Unesco per raggiungere l’obiettivo ambizioso di avere il Club Unesco di Trebisacce a partire dal 2014, dopo aver superato la fase di ingresso del Club nella Ficlu (Federazione Italiana dei Club e Centri Unesco). Serietà, competenza e impegno di tutti i soci sul corposo programma già redatto, tracceranno le basi per un futuro di appartenenza a pieno titolo ad una famiglia mondiale. Difatti l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura (Unesco, dall’acronimo inglese United Nations Educational, Scientific and Cultural Organization) è stata fondata dalle Nazioni Unite il 16 novembre 1945 per incoraggiare la collaborazione tra le nazioni nelle aree dell’ istruzione, scienza,  cultura e comunicazione. Il tutto si è svolto alla presenza del Vice Presidente Nazionale vicario della Ficlu, dottore Piero Agnusdei.  Assegnate anche le cariche sociali per il corrente anno:  Presidente Franco Maurella (giornalista), vice presidenti (Carmela Maradei (pediatra),  Tullio Masneri (dirigente scolastico dei licei), Domenica Franca Staffa (dirigente scolastica dell’ITS Filangieri), Segretario Vincenzo Arvia, Direttore Piero De Vita e Tesoriere Francesco Lofrano. Alla guida, quindi, l’arte della comunicazione e il mondo della cultura ben rappresentati. Ha coordinato i lavori il cardiologo Leonardo Odoguardi che ha illustrato le varie fasi, molto formali, per raggiungere solo il primo obiettivo di un lungo percorso. ”Non sono ammessi errori di superficialità e di disimpegno in questa grande famiglia”, ha ribadito più volte l’Odoguardi. Il sindaco Franco Mundo ha dichiarato la disponibilità a sostenere le varie iniziative e ha promesso di assegnare una sede idonea al costituendo Club Unesco, che pur avendo la sede su Trebisacce in realtà è aperto, seppure con criteri selettivi su cultura e solidarietà, all’intero Alto Jonio. L’adesione al Club implica la disponibilità del socio a fare Volontariato con la V maiuscola, ha spiegato ai presenti Agnusdei. Bisogna avviare un dialogo consapevole con tutti, per far conoscere l’importanza dei valori che porta avanti l’organizzazione mondiale. Lo stesso simbolo Unesco indica-ha spiegato Agnusdei- con la spirale il percorso lungo da seguire e che poi tutti devono unirsi sotto la stessa casa madre che ha sede a Parigi. “Occorre far conoscere ai giovani, attraverso la scuola, quanto sono importanti le bellezze naturali del nostro territorio. Bisogna, cioè, lanciare un inno alla bellezza, perché è solo questa la speranza per il  futuro”, ha affermato Maria Rita Acciardi neo governatore del Rotary per la Calabria e la Campania. In sintonia di pensiero sono intervenuti, seppure con argomentazioni diverse: Tullio Masneri, Giuseppe Carelli Vice presidente della Pro Loco, Luzzi del Parco Nazionale della Sila , De Vita Piero e Mirella Franco (docenti dell’Ipsia), Angelo Malatacca (Italia Nostra), Rosella Garofalo di Cassano All’Ionio, Vincenzo Arvia (presidente dell’Aps “Vacanzieri insieme per l’Italia e…), Faillace di San Lorenzo Bellizzi, Giuseppe Delia (Rizoma),ecc.

Franco Lofrano

402total visits,3visits today