Roma-29/06/2013: Patrizio e Alessandra Lofrano SPOSI (1°Parte/5°)

Patrizio LofranoFoto4640Foto4641Foto4642Foto4643Foto4644Foto4645 Foto4646Foto4631Foto4638Foto4632Foto4633Foto4634Foto4635Foto4636Foto4637Foto4638Foto4639

Roma:29/06/2013

Patrizio Lofrano e Alessandra Gili hanno pronunciato il “sì” unendosi in matrimonio, coronando, così, il loro sogno d’amore, lo scorso sabato 29 giugno. Con una solenne cerimonia all’interno dell’incantevole Abbazia di Farfa, in Fara in Sabina (Ri), il celebrante, Padre Agostino, con il suo modo di fare giovanile, cordiale e simpatico ha unito in matrimonio i due giovani e ganzi sposi: Patrizio e Alessandra. “Chi ama è stato generato da Dio”, ha esordito Padre Agostino. E ancora : “Solo l’amore ci fa crescere. L’amore è tutto, senza l’amore non esiste nulla. La Bibbia esalta il matrimonio:-L’uomo non separi ciò che Dio ha unito. E rivolgendosi al giovane chierichetto Manuel Maria Di Martino, cuginetto dello sposo, e ai numerosi intervenuti: “Voi siete testimoni di questo dono d’amore”. Ha poi ricordato i doveri che il sacramento del matrimonio impone alla coppia sottolineando anche che la fedeltà gioca un ruolo importante nella coppia. Un modo per inviare un messaggio educativo e di principi cristiani agli sposi ,ma anche un modo per ricordare a tutti i presenti che essere cristiani significa vivere il vangelo tutti i giorni, senza deviare dopo un po’ di tempo, come oggi accade, con la separazione che si evita con la tolleranza e amando i difetti del partner, è stato detto. Lo scambio delle fedi ha attenzionato tutti e sicuramente ha regalato ai più un momento di forte emozione, e anche agli sposi. L’atmosfera che si era creata aveva il sapore del ‘magico’ e in più al sacro si è unita la splendida ugola del soprano Maria Masciulli che ha intonato canti a tema: Aria sulla 4° corda (J.S.Bach), marcia nuziale dall’opera “Sogno di una notte di mezza estate”(F. Mendelsshon), Alleluia (Gregoriano), Ave Maria (C. Gounod), ecc. Rigorosi nel portamento e rispettosi del ruolo anche i testimoni: Luigi, Mauro, Roberto, Eleonora, Ilaria e Stefania. Protagonisti nel ruolo di pubblic relations anche i nonni (Tetta e Dino Pezzuto) e  gli zii degli sposi. In particolare la zia dello sposo Natalia Pezzuto con il marito Rodolfo Di Martino e il fratello della sposa Gianluigi Gili non si sono sottratti un solo attimo a girare per tutti i tavoli per cercare di soddisfare tutti i desideri dei voluti e graditi ospiti. Protagonisti ancora full time i genitori degli sposi che si sono seduti al tavolo per consumare a tratti le gustose portate perché sempre in giro per ricoprire il ruolo di cerimonieri. Come da consuetudine baci, abbracci, e Auguri a iosa sono piovuti agli sposi e anche all’uscita dall’Abbazia il bravissimo fotografo della “fphotoa”romana, ha avuto il suo bel da fare a far posare i tanti parenti e amici intervenuti a cui non è dispiaciuto immortalare la loro presenza ad un evento sacro vissuto in una cornice suggestiva e con protagonisti giovani e belli. Cordialità, rispetto e gentilezza sono stati gli ingredienti usati dai genitori degli sposi ,Alessandro Lofrano, Rita Pezzuto, Ilo Gili e Silvana Piccinno, che hanno avuto la sensibilità di non trascurare nessuno degli intervenuti e di valorizzare ogni singola persona nella consapevolezza che tutti hanno impreziosito e contribuito a cementificare il loro già esistente rapporto di sincera amicizia e affetto. Presente alla solenne cerimonia e partito da Trebisacce (CS) anche Franco Lofrano (direttore responsabile del mensile “La Palestra”), zio dello sposo, che ha voluto gustarsi ogni attimo dell’evento come in un bel film:”Il sogno”. Si è giunti così al trasferimento in auto per il pranzo presso “La Tacita Country Club”,in località Miniera di Poggio Mirteto. Ancora qualche saluto e stretta di mano nei pressi del parcheggio e ai più credo sia passato per la mente di dire: ”C’ero anch’io”. In mezzo al verde tra alberi vari e raggiunti da un soave profumo di rose si è dato il via ad un ricco aperitivo molto vario nelle portate, con un servizio a dir poco eccellente. Il nutrito gruppo è stato invitato a portarsi ai tavoli nella lussuosa sala. Il menù è di quelli che soddisfa il palato anche dei più esigenti: Risotto radicchio e funghi mantecato al caciocavallo di Grotta; Maltagliati al salmì di coniglio, fili di zucchine al timo e pomodorini pachino; Scamone di vitello con tartufo e pistacchi-patate alle mandorle-insalatina di stagione-buffet di golosità e di frutta,ecc,ecc. il tutto sotto il vigile controllo della bella e determinata direttrice Mrs.Monica Indaco e  di Mr.  Antonio Sciullo “Maestro di cucina” chef di fama internazionale. Alla fine una bella chicca: un sigaro e un bicchiere di wishy per tutti da consumare rigorosamente insieme allo sposo. Che trovata originale per rafforzare la socializzazione! Una giornata di sole, immersi in una piacevole atmosfera, tra amici e con gli sposi giovani dal cuore sorridente e generoso: è l’amore. Il programma degli sposi prevede un viaggio di nozze che è un sogno nel sogno e nel momento in cui si scrive giunge notizia che si trovano in Australia e con il freddo che hanno trovato stanno provando il calore del loro amore. Dal sol leone italiano al freddo intenso australiano, un bel passo! Ma se non si vivono ora certe emozioni particolari..quando? Ma proprio appena saliti sull’aereo all’aeroporto romano gli sposi sono stati investiti da una piacevolissima sorpresa: I genitori di Patrizio, Alessandro e Rita, hanno pensato di essere ancora presenti a sorpresa con una torta e una bottiglia di champagne per augurare loro buon viaggio. La cosa ha sortito l’effetto sperato perché la giovane coppia ha avuto modo di condividere con il personale di volo in aereo il momento di sorpresa e di felicità e i genitori sono rimasti contenti di sentirli telefonicamente ancora un attimo prima della partenza. Agli sposi Patrizio e Alessandra gli Auguri più belli e sentiti per un futuro sempre uniti e pieno d’amore dalla redazione del mensile “La Palestra”.

Nuova immagine2Nuova immagine3

640total visits,2visits today