Trebisacce-01/07/2013: In Festo Pretiosissimi Sanguinis D. N. J. C. (di Walter Astorino)

Nuova immagine1

Proprium de Sanctis – Die 1 Julii

In Festo Pretiosissimi Sanguinis D. N. J. C.

Dominica V Post Pentecosten

I Classis – Ruber

Introitus (Ap. 5, 9-10; Ps. 88, 2)

Redemísti nos, Dómine, in sánguine

tuo, ex omni tribu, et lingua, et

pópulo, et natióne: et fecísti nos Deo

nostro regnum.Ps. Misericórdias

Dómini in aetérnum cantábo: in

generatiónem et generatiónem

annuntiábo veritátem tuam in ore

me o . V / . Gl ó r i a P a t r i , e t

Fílio, et Spirítui Sancto. Sicut erat in

princípio, et nunc, et semper, et in

s æ c u l a sæc u l ó r u m .Ame n .

Redemisti nos, Domine…

Oratio Omnípotens sempitérne

Deus, qui unigénitum Fílium tuum

mundi Redemptórem constituísti, ac

eius Sánguine placári voluísti:

concéde, quaésumus, salútis nostrae

prétium solémni cultu ita venerári

atque a praeséntis vitae malis eius

virtúte deféndi in terris: ut fructu

perpétuo laetémur in coelis. Per

eúmdem Dóminum nostrum Iesum

Christum, Fílium tuum, qui tecum

vívit et regnat in unitáte Spíritus

Sancti, Deus, per ómnia saécula

saeculórum. Deus, qui diligéntibus te

bona invisibília praeparásti: infúnde

córdibus nostris tui amóris afféctum:

ut te in ómnibus et super ómnia

diligéntes, promissiónes tuas, quae

omn e d e s i d é r ium s ú p e r ant ,

consequámur. Per Dóminum nostrum

Iesum Christum, Fílium tuum, qui

tecum vívit et regnat in unitáte

Spíritus Sancti, Deus, per ómnia

saécula saeculórum. Amen.

 

Léctio Epístolæ Beáti Pauli

Apóstoli ad Hebraéos (Hebr. 9, 11-

15) Fratres: Christus assístens

Póntifex futurórum bonórum, per

ámplius et perféctius tabernáculum

non manufáctum, id est, non huius

creatiónis: neque per sánguinem

ircórum, aut vitulórum, sed per

própium sánguinem introívit semel in

Sancta, aetérna redemptióne invénta.

Si enim sánguis hircórum, et

t a u r ó r u m , e t c in i s v í tu l a e

aspérsus, inquinátos sanctíficat ad

emundatiónem carnis: quanto magis

sánguis Christi, qui per Spíritum

Sanctum semetípsum ó b t u l i t

immaculátum Deo, emundábit

consciéntiam nostram ab opéribus

mórtuis, ad serviéndum Deo vivénti?

Et ideo novi testaménti mediátor est:

u t m o r t e i n t e r c e d é n t e , i n

r e d e m p t i ó n e m e á r u m

praevaricatiónum, quae erant sub

prióri testaménto, repromissiónem

accípiant, qui vocáti sunt aetérnae

haereditátis in Christo Iesu Dómino

nostro. Deo Gratias

Graduale (Jo. 1, 5-6 et 7-8) Hic est

qui venit per aquam et sánguinem,

Iesus Christus: non in aqua solum,

sed in aqua et sánguine. Tres sunt,

qui testimónium dant in coelo: Pater,

Verbum et Spíritus Sanctus: et hi tres

unum sunt . Et tres sunt, qui

testimónium dant in terra: Spíritus,

aqua et sánguis: et hi tres unum sunt.

Alleluja alleluja. (Jo. I, 5, 9) Si

t e s t i m ó n i u m h ó m i n u m

accípimus, testimónium Dei maius

est: Allelúja.

Sequéntia Sancti Evangélii

secúndum Joannem (Jo, 19, 30-35)

In illo témpore: Cum accepísset Iesus

acétum, dixit: Consummátum est. Et

inclináto cápite trádidit spíritum.

Iudaei ergo, quóniam Parascéve erat,

ut non remanérent in cruce córpora

sábbato, (erat enim magnus dies ille

sábati), rogavérunt Pilátum ut

frangeréntur eórum crura, et

tolleréntur. Venérunt ergo mílites: et

primi quídem fregérunt crura, et

altérius, qui crucifíxus est cum

eo. Ad Iesum áutem cum veníssent,

ut vidérunt eum iam mórtuum, non

fregérunt eius crura, sed unus

mílitum láncea latus eius apéruit, et

contínuo exívit sanguis et aqua. Et

qui vidit, testimónium perhíbuit: et

verum est testimónium eius.

Laus tibi, Christe

Offertorium (Cor I, 10, 16) . Calix

benedictiónis, cui benedícimus,

nonne communicátio sánguinis

Christi e st ? et pan i s , quem

frángimus, nonne participátio

córporis Dómini est?

Secreta Per haec divína mystéria,

ad novi, quaésumus, testaménti

mediatórem Iesum accedámus: et

super altária tua, Dómine virtútum,

aspersiónem sánguinis mélius

loquéntem, quam Abel, innovémus.

Per eúmdem Dóminum nostrum

Iesum Christum, Fílium tuum,

qui tecum vivit et regnat in unitate

Spíritus Sancti, Deus , per omnia

saecula sæculorum. Propitiáre,

Dómine,supplicatiónibus nostris: et

h a s o b l a t i ó n e s f a m u l ó r u m

famularúmque tuárum benígnus

assúme; ut, quod sínguli obtulérunt

ad honórem nóminis tui, cunctis

profíciat ad salútem. Per Dóminum

nostrum Iesum Christum, Fílium

tuum, qui tecum vívit et regnat

in unitáte Spíritus Sancti, Deus, per

ómnia saécula saeculórum. Amen.

Praefatio de Sancta Cruce Vere

dignum et iustum est, aéquum et

salutáre, nos tibi semper et ubíque

grátias ágere: Dómine, sancte Pater,

omnípotens aetérne Deus: Qui

salútem humáni géneris in ligno

Crucis constituísti: ut, unde mors

oriebátur, inde vita resúrgeret: et,

qui in ligno vincébat, il ligno

quoque vincerétur: per Christum

Dóminum nostrum. Per quem

maiestátem tuam láudant Angeli,

adórant Dominatiónes, trémunt

Potestátes. Coéli, coelorúmque

Virtútes, ac beáta Séraphim, sócia

exsultatióne concélebrant. Cum

quibus et nostras voces, ut admítti

iúbeas, deprecámur, súpplici

confessióne dicéntes: Sanctus,

Sanctus…

Communio (Hebr. 9, 28) Christus

semel oblátus est ad multórum

exhauriénda peccáta: secúndo

s i n e p e c c á t o a p p a r é b i t

exspectántibus se in salútem.

Postcommunio Ad sacram,

Dómine , mens am a dmí s s i ,

háusimus aquas in gáudio de

fóntibus Salvatóris: sanguis eius fiat

nobis, quaésumus, fons aquae in

vitam aetérnam saliéntis: Qui tecum

vivit et regnat in unitáte Spíritus

Sancti, Deus, per ómnia saécula

saeculórum. Quos coelésti, Dómine,

dono satiásti: praesta, quaésumus;

ut a nostris mundémur occúltis, et

ab hóstium liberémur insídiis. Per

Dóminum nostrum Iesum Christum,

Fiiium tuum, qui tecum vivit et

regnat in unitate Spíritus Sancti,

D e u s , P e r o m n i a s a e cu l a

saeculorum. Amen

 

***************************

Introito (Ap. 5, 9-10; Ps. 88, 2) O

Signore, ci hai redento col tuo

Sangue, noi di ogni tribú, e lingua,

e popolo, e nazione: e hai fatto di

noi un regno pel nostro Dio.

Ps. Le misericordie del Signore

vanterò in eterno: di generazione in

g e n e r a z i o n e l a mi a b o c ca

annunzierà la tua verità.V /. Gloria

al Padre, al Figlio e allo Spirito

Santo, com’era nel principio ed ora

e sempre, nei secoli dei secoli.

Amen. O Signore..

Colletta O Dio onnipotente ed

eterno, che hai costituito il tuo

Figlio unigenito Redentore del

mondo, e hai voluto essere

placato dal suo Sangue, concedici,

ti preghiamo, di venerare con culto

solenne il prezzo della nostra

salvezza e, per sua virtú, essere

difesi dai mali presenti in terra, in

modo da allietarci eternamente del

suo frutto in cielo. Per lo stesso

Signore nostro Gesú Cristo, tuo

Figlio, che è Dio, e vive e regna con

Te, nell’unità dello Spirito Santo,

per tutti i sécoli dei sécoli. O Dio,

che a quanti Ti amano preparasti

beni invisibili, infondi nel nostro

cuore la tenerezza del tuo amore,

affinché, amandoti in tutto e sopra

tutto, conseguiamo quei beni da Te

promessi, che sorpassano ogni

desiderio. Per il nostro Signore

Gesú Cristo, tuo Figlio, che è Dio, e

vive e regna con Te, nell’unità dello

Spirito Santo, per tutti i sécoli dei

sécoli. Amen.

Lettura della Lettera del Beato

Paolo Apostolo agli Ebrei (Hebr. 9,

11-15) Fratelli: Il Cristo, venuto

quale Pontefice dei beni futuri,

attraversò un piú grande e piú

perfetto tabernacolo, non fatto da

mano d’uomo, cioè non di questa

creazione: né per mezzo del sangue

di capri e di vitelli, ma mediante il

proprio sangue entrò una volta per

sempre nel Santuario, avendo

ottenuto una redenzione eterna.

Infatti, se il sangue dei capri e dei

tori, e la cenere di vacca, sparsa su

quelli che sono immondi, li

santifica, dando loro la purità della

carne, quanto piú il Sangue del

Cristo, che in virtú dello Spirito

Santo offrí sé stesso immacolato a

Dio, puri f i c h e r à l a nost r a

coscienza dalle opere di morte,

onde serviamo il Dio vivente?

Appunto per questo Egli è il

mediatore di un nuovo patto,

affinché, morto per la remissione

dei trascorsi commessi sotto il patto

antico, i chiamati ricevano l’eterna

eredità loro promessa in Cristo

Gesù nostro Signore. Rendiamo

grazie a Dio.

Graduale (Jo. 1, 5-6 et 7-8) Questi è

colui che è venuto con l’acqua e

col sangue: Gesú Cristo; non

solo con l’acqua, ma con l’acqua

e col sangue. Tre sono che

rendono testimonianza in cielo:

il Padre, il Verbo e lo Spirito

Santo: e questi tre sono uno. E

t r e s o n o c h e r e n d o n o

testimonianza in terra: lo Spirito,

l’acqua e il sangue: e questi tre

sono uno.

Alleluia alleluia. (Jo. I, 5, 9) Se

ammettiamo la testimonianza

degli uomini, la testimonianza di

Dio è piú grande: Al l e lúia

Seguito del S. Vangelo secondo

Giovanni (Jo, 19, 30-35) In quel

tempo: Gesú, quando ebbe preso

l’aceto, disse: È consumato! E

chinato il capo rese lo spirito.

Allora i Giudei, dato che era la

Parasceve, affinché i corpi non

rimanessero in croce durante il

sabato (e un gran sabato era

quello!), chiesero a Pilato che si

rompessero loro le gambe e

fossero tolti. Vennero quindi i

soldati, e ruppero le gambe ai due

che erano stato crocifissi con lui.

Ma giunti da Gesú, videro che era

già morto, e non gli ruppero le

gambe, ma uno dei soldati gli

aperse il fianco con la lancia, e

súbito ne uscí sangue e acqua. E

chi vide lo attesta: e la sua

t e s t i m o n i a n z a è v e r a .

Lode a te, o Cristo.

Offertorio (Cor I, 10, 16) Il calice

d i b e n e d i z i o n e , c u i n o i

b e n e d i c i a m o , n o n è l a

partecipazione al Sangue di

Cristo? E il pane che spezziamo,

non è la partecipazione al Corpo

del Signore?

Segreta Per questi tuoi divini

misteri, fa, Te ne preghiamo, che

c i p o s s iamo a c cos tare al

Mediatore del Nuovo Testamento,

Gesú,e sui tuoi altari, o Signore,

rinnovare l’offerta di un sangue

assai piú eloquente di quello di

Abele. Per lo stesso Signore nostro

Gesú Cristo, tuo Figlio, che è Dio,

e vive regna con Te, nell’unità

dello Spirito Santo, per tutti i

sécoli dei sécoli. Sii propizio, o

Signore, alle nostre suppliche, e

accolgi benigno queste oblazioni

dei tuoi servi e delle tue serve,

affinché ciò che i singoli offersero

a gloria del tuo nome, giovi a tutti

per la loro salvezza. Per il nostro

Signore Gesú Cristo, tuo Figlio,

che è Dio, e vive regna con Te,

nell’unità dello Spirito Santo, per

tutti i sécoli dei sécoli.Amen

Prefazio della Santa Croce È

veramente degno e giusto,

conveniente e salutare, che noi,

sempre e in ogni luogo, Ti

rendiamo grazie, o Signore Santo,

Padre Onnipotente, Eterno Iddio:

Che hai procurato la salvezza del

genere umano col legno della

Croce: cosí che da dove venne la

morte, di là risorgesse la vita, e chi

col legno vinse, dal legno fosse

vinto: per Cristo nostro Signore. Per

mezzo di Lui la tua maestà lodano

gli Angeli, adorano le Dominazioni

e tremebonde le Potestà. I Cieli, le

Virtú celesti e i beati Serafini la

célebrano con unanime esultanza.

Ti preghiamo di ammettere con le

loro voci anche le nostre, mentre

supplici confessiamo dicendo:

Santo, Santo…

Antifona alla Comunione (Hebr.

9, 28) Cristo s’è offerto una volta

Per cancellare i peccati di molti:

verrà un’altra volta, non per espiare

i peccati, ma per dare la salvezza a

coloro che lo attendono.

.P

ostcommunio Ammessi alla

sacra mensa, o Signore, abbiamo

attinto con gioia le acque allefonti

del Salvatore: il suo sangue, Te ne

preghiamo, sia per noi fonte

d’acqua viva che zampilli per la vita

eterna: Egli che è Dio, e vive e

regna con Te, nell’unità dello

Spirito Santo, per tutti i sécoli dei

sécoli. O Signore, che ci hai saziato

col dono celeste; fa che siamo

mondati dalle nostre occulte

mancanze, e liberati dalle insidie

dei nemici. Per il nostro Signore

Gesú Cristo, tuo Figlio, che è Dio, e

vive e regna con Te, nell’unità dello

Spirito Santo, per tutti i sécoli dei

sécoli. Amen

258total visits,1visits today