Trebisacce-18/08/2013:“Sulle rotte dell’Arte”

1170697_3377651617508_1240142201_n1150181_3377652377527_1230812080_n1044741_3377653057544_1588855733_nFoto4983Foto4982

Trebisacce:18/08/2013

 

Ha riempito d’orgoglio gli organizzatori della suggestiva e originale manifestazione egregiamente riuscita “Sulle rotte dell’Arte”, organizzata dall’associazione “La Dama di Broglio”, di cui è presidente Domenico Cataldi e dall’amministrazione comunale guidata dal sindaco Franco Mundo, la scorsa domenica, 18 agosto, nello specchio d’acqua antistante la piazzetta Laviola, di fronte il chiosco di Guttieri, sul lungomare. “Sulle rotte dell’Arte” è il titolo-tema imposto alla manifestazione che si è rivelata ricca di musica, di poesia e di arte in genere, sempre rigorosamente in tema sia per un fatto puramente professione e sia per non deludere le aspettative dei numerosi intervenuti. Intanto l’idea creativa è stata quella di avere un palcoscenico particolare, non comune, perché la performance dell’artista Domenico Cataldi di Trebisacce, in arte Epeo, si è consumata , per più di due ore di continuo spettacolo, a bordo del motopeschereccio, ‘a Paranza i Pepè’ nel linguaggio popolare, di Andrea e Nicola Guttieri, ancorata a pochi metri dalla spiaggia. Ottimo anche il service di Esposito Alessandro di Cassano all’Ionio. Infatti l’operatore Enrico, con l’occhio di bue, sempre puntato sull’artista e sulla barca, ha consentito al pubblico seduto sulla spiaggia di poter vedere, sentire e gustare tutti gli emozionanti momenti che la serata in crescendo regalava. Presente in spiaggia tra il pubblico anche il primo cittadino Franco Mundo, mentre il presidente del consiglio, Giampiero Regino, è salito a bordo della Paranza per porgere i saluti dell’amministrazione agli organizzatori e ai presenti, oltre a complimentarsi per la bella iniziativa.  Il Maestro Epeo durante l’esibizione ha affrontato diversi temi: arte, poesia, filosofia, vita. Attraverso le domande poste dalla bravissima conduttrice Adele Filice, l’artista ha parlato di sé, della sua filosofia di vita che ha maturato nel corso degli anni, del suo rapporto personale con l’arte in genere e con quella pittorica in particolare e la musica. Ha declamato con voce suadente delle liriche di Franco De Marco, di Dante Maffia, ecc. Ha interpretato tantissimi successi degli anni ’60 ai quali il pubblico ha riservato applausi corali a ripetizione al punto che qualche coppia si è alzata dalla sedia con il preciso intento di ballare, tentativo però subito rivisto e corretto a causa dei sassi che non creano certamente la location adatta ad una pista da ballo. Epeo, ha anche spiegato che la barca rappresenta l’isola, ma forse ha voluto anche ricordare a se stesso che da marinaio-militare è stato imbarcato sull’Airone a Taranto, un modo quindi per ritrovare il suo immutato amore per il mare. Supporter instancabile per la comunicazione, sempre rigorosamente accanto all’artista la giovanissima Floriana Pucci, che ricopre anche il ruolo di segretaria dell’associazione “La Dama di Broglio”. L’artista, dopo aver salutato tutti, ha chiuso il suo vasto repertorio e la serata con un pezzo di Charles Aznavour, l’Istrione, dove ha usato variazioni di toni e di ugola che hanno richiamato un mare mosso di applausi. La coreografia originale, l’ugola d’oro di Epeo, il mare calmo, un leggero e piacevole venticello che evitava la sudorazione, il professionale impianto fonico hanno consentito un ottimo ascolto ed è il caso di dire che la serata canora-poetica è ben riuscita per la soddisfazione di tutti.

Franco Lofrano

 

259total visits,1visits today