ALBIDONA-17/08/2013: Presentato l’aggiornamento del Piano Comunale di Protezione Civile.

IFIFtn_Image00003

ALBIDONA: Presentato l’aggiornamento del Piano Comunale di Protezione Civile.

 

E’ stato presentato sabato 17 agosto alle ore 18:00, presso la Sala Consiliare del Comune di Albidona, l’aggiornamento del Piano Comunale di Protezione Civile. Erano presenti: Biagio Diana Assessore alla P.C. Provincia di Cosenza; tutta l’Amministrazione Comunale di Albidona con il Sindaco Salvatore Aurelio, l’Assessore alla P.C. Leonardo Golia e il Resp. dell’Ufficio Tecnico

Ing. Rosanna Leonetti; il Sindaco di Trebisacce nonchè consigliere provinciale Avv. Franco Mundo; il Presidente dell’Associazione Volontari Protezione Civile di Trebisacce Geom. Nilo Rossi unitamente a tutti i volontari di Trebisacce e della Sezione Staccata di Albidona e l’Associazione Rosa dei Venti di Cerchiara. Dopo l’apertura dei lavori da parte del Sindaco di Albidona S. Aurelio, è intervenuto l’Assessore al ramo L. Golia che ha illustrato il Piano ricordando che Albidona è uno dei primi Comuni dell’Alto Ionio che ha aggiornato il Piano ed ha predisposto gli opuscoli per i cittadini inoltre ha chiesto una migliore organizzazione del Sistema di Protezione Civile. Interviene il Sindaco di Albidona che ringrazia tutti per la partecipazione ricordando che il Comune di Albidona era già dotato di un Piano dall’anno 2007 e che lo stesso è stato aggiornato nel mese di novembre 2012 in riferimneto alla legge n.100/2012. Aggiornare il piano di protezione

civile – continua il sindaco – non è solo un obbligo di legge ma è soprattutto un obbligo morale verso i cittadini per la tutela dell’incolumità. Prende la parola l’Avv. Franco Mundo ringraziando tutti i volontari che quotidianamente svolgono un prezioso lavoro collaborando con le istituzioni lo stesso ricorda che anche l’Amministrazione Comunale di Trebisacce ha provveduto ad aggiornare il Piano e distribuito gli opuscoli ai cittadini lo scorso anno. Successivamente interviene l’Assessore Provinciale Biagio Diana che si complimenta con l’Amministrazione di Comunale di Albidona per il lavoro svolto ricordando che molti comuni non hanno ancora provveduto ad aggiornare il Piano ed invita tutti i comuni a seguire l’esempio di Albidona, lo stesso ricorda che la competenza sulla protezione civile ricade sulla Regione Calabria e che la Provincia di Cosenza comunque partecipa attivamente al sostegno del volontariato ed è sempre presente a tutte le riunioni anche in questo periodo di agosto. Inoltre ringrazia tutto il Settore Protezione Civile Regionale per il lavoro svolto durante questi anni. L’Ing. Rosanna Leonetti illustra la parte tecnica del Piano indicando le aree di protezione civile sul territorio comunale ricordando che lo stesso è stato aggiornato dal suo Ufficio con la preziosa collaborazione di due ingegneri tirocinanti Michele Rizzo e Lucia Potenza. Chiude gli interventi l’On. Antonio Mundo che si complimenta con tutta l’Amministrazione Comunale di Albidona per il lavoro svolto ricordando che purtroppo le emergenze sono all’ordine del giorno e necessita quindi maggiore prevenzione ma le risorse sono insufficienti pertanto invita gli enti preposti a predisporre i propri bilanci con maggiori risorse per la protezione civile. Nello stesso incontro è stata presentata la guida pratica del cittadino “COME COMPORTARSI IN CASO DI CALAMITA’ NATURALI predisposta dall’Amministrazione Comunale di Albidona. La guida è stata distribuita ai presenti e  dal mese di settembre verrà consegnata ad ogni famiglia da parte  dei volontari dell’Associazione Volontari Protezione Civile di Trebisacce – Sezione Staccata di Albidona. La stessa servirà a dare a tutti i cittadini una basilare informazione ed una serie di consigli utili per meglio conoscere i comportamenti da assumere nel caso di eventi calamitosi che potrebbero verificarsi. Nella guida sono indicate le aree di attesa, le aree dei soccorittori e l’area di ricovero per la popolazione. La popolazione deve essere informata dei comportamenti da assumere al verificarsi di situazioni di emergenza. Bisogna cambiare la cultura e la filosofia di pensiero si deve acquisire quella cultura della consapevolezza e non quella della speranza che la calamità non si verifichi.

Ricorda: la Protezione Civile siamo tutti noi!

 

270total visits,1visits today