Trebisacce-10/09/2013:La mappa della convenienza di Altroconsumo. Inchiesta anche in Calabria, risparmi fino a 1400 euro all’anno

                           

Via Gergeri n°48-Cosenza- tel. e fax 0984.22750 Casella Postale n° 300

 

 6 settembre 2013

COMUNICATO STAMPA

 

La mappa della convenienza di Altroconsumo. Inchiesta anche in Calabria, risparmi fino a 1400 euro all’anno

 

Una famiglia italiana usa un quarto dell’intero budget a disposizione per la spesa alimentare e prodotti per l’igiene personale e per la casa, dichiara Pietro Vitelli Responsabile Altroconsumo Regione Calabria .  Per l’Istat nel 2012 ogni famiglia ha speso complessivamente in media in un mese 2.419 euro, -2,8% rispetto all’anno precedente.

 

Una voce consistente del bilancio, su cui è possibile realizzare risparmi concreti, fino a 1400 euro in un anno se si sceglie il punto vendita meno caro nella propria città.

 

È chiara la mappa della convenienza per la spesa che Altroconsumo ha disegnato con la ventiquattresima edizione dell’inchiesta annuale sui supermercati. Visitati 907 punti vendita, anche tra le città Calabresi  rilevando un milione di prezzi. L’indice di convenienza è stato calcolato sui prezzi di un paniere di 500 prodotti di marca, costruito su 105 tipologie merceologiche e ponderando l’acquisto e l’utilizzo più frequente (latte e pasta, per esempio) nella spesa tipo degli italiani.

 

I risultati dell’indagine, prosegue Prietro Vitelli, sono disponibili sul sito dell’organizzazione http://www.altroconsumo.it/supermercati

 

La città in media più conveniente è Pistoia: qui in un anno una famiglia spende 5.876 euro. Anche altre città toscane si distinguono per gli ottimi prezzi sulla spesa media, come Firenze e Pisa, confermando la Toscana la regione dove le tensioni concorrenziali da sempre frizzanti tra i diversi punti vendita, super e iper, svolgono un ruolo virtuoso e salutare per le tasche dei consumatori. Buone possibilità di risparmio anche nei super e iper a Cuneo e Verona.

 

Al contrario, dove c’è un’offerta povera – poche insegne, punti vendita solitari, la concorrenza non esiste e i prezzi si livellano verso l’alto: è il caso di Aosta, la città più cara dell’inchiesta, con 6.850 euro per la spesa tipo. I consumatori non hanno scelta e a rimetterci è il budget familiare.

 

Le grandi città si posizionano tutte poco sopra la media nazionale: Napoli, Torino (6.400 euro di spesa) poco meglio di Milano (6.500 euro) e Roma. Care anche Messina, Siracusa, Reggio Calabria, Sassari, per poi chiudere con Aosta.

 

Se si sceglie di acquistare negli hard discount prodotti non di marca o a marchio commerciale il risparmio s’impenna di oltre il 50%. Altroconsumo ribadisce che risparmiare è possibile: consultate le tabelle dell’inchiesta, scegliete il punto vendita meno caro nella vostra città e siate costanti nel frequentarlo, invece che seguire lo specchietto per la allodole dell’offerta stagionale o occasionale.

http://media.altroconsumo.it/images/751CC54F92328FFD99841B76ABA8E2FC74FB640F/w465-c4/a78783bf-38b7-40ba-8cda-9be7513a0aaaimmagine-per-comunicato-supermercati-2013.pngFo

178total visits,1visits today