Trebisacce-28/02/2014:vibrata protesta per l’ingiusta soppressione di un servizio essenziale di trasporto pubblico e chiedono, con urgenza, l’immediata riattivazione della linea veloce di autobus Rocca Imperiale –Trebisacce-Catanzaro con fermate intermedie nei comuni lungo il percorso

 

 

 

 

 

On.
Riccardo Nencini
Vice Ministro delle Infrastrutture
Piazza della Croce Rossa
ROMA

Sig.

Presidente Giunta Regionale

Palazzo Alemanni

Via Senales

CATANZARO

On.

Luigi  Fedele

Assessore regionale ai Trasporti

Via Molè

CATANZARO

On.li

Sandro Principe

Mario Franchino

Gianluca Gallo

Giovanni Dima

LL.SS

On.li Deputati

Delegazione parlamentare Calabrese

LL.SS.

Oggetto: Determinazioni e protesta contro soppressione linea diretta Autobus Rocca Imperiale-Trebisacce-Catanzaro.

 

A seguito della sentenza del Consiglio di Stato N. 889 depositata il 25.02.2014, che ha confermato la scelta della Giunta Regionale di effettuare dei tagli alle linee di autobus regionali con la conseguente soppressione del prolungamento fino a Catanzaro della tratta Rocca Imperiale-Trebisacce-Cosenza, si è riunita la Conferenza dei sindaci della Sibaritide-Alto Ionio

(Trebisacce, Cassano I., Villapiana, Plataci, Francavilla M., Cerchiara di C., San Lorenzo B., Plataci, Albidona, Alessandria del C.,Castroregio,Oriolo, Amendolara, Canna, Nocara, Montegiordano, Roseto C.S. e Rocca Imperiale)  al fine di  discutere  tali tagli alle linee di trasposto su gomma operate dalla Regione Calabria e, in particolare, quelli relativi ai collegamenti veloci tra l’Alto Ionio-Sibaritide e Catanzaro.

Tutti i partecipanti hanno fortemente stigmatizzato le scelte della Regione Calabria che, ancora una volta, penalizza la zona della Sibaritide e dell’Alto Ionio Cosentino, relegandolo sempre più  al ruolo di periferia.

E’ un danno enorme per gran parte dei Comuni del nostro comprensorio, soprattutto per quelli interni, già emarginati per la mancanza e la precarietà di  vie di comunicazione (stradale e ferroviaria), che non potranno più usufruire di un collegamento automobilistico pubblico, diretto e veloce per il Capoluogo di Regione, peraltro attivo da circa quarant’anni, con conseguenti risvolti negativi anche di natura economica ed occupazionale.

Per tali motivi,ritenendo la scelta fortemente lesiva dei diritti delle popolazioni, tutti i sindaci presenti esprimo forte e vibrata protesta per l’ingiusta soppressione di un servizio essenziale di trasporto pubblico e chiedono, con urgenza, l’immediata riattivazione della linea veloce di autobus Rocca Imperiale –Trebisacce-Catanzaro con fermate intermedie  nei comuni lungo il percorso.A tal fine, chiedono anche ai rappresentanti politico-istituzionali del  territorio e alla delegazione parlamentare calabrese di avviare ogni utile, necessaria e opportuna iniziativa politica presso gli organi competenti, diretta alla soluzione del problema e  ad evitare l’ulteriore spoliazione di servizi propri del  comprensorio, già duramente provato dalla chiusura dell’ospedale di Trebisacce, dalla soppressione delle linee ferroviarie e dalla mancanza di una seria programmazione di interventi strutturali e infrastrutturali.

 

Trebisacce lì 28.2.2014

F.to i sindaci di:

Trebisacce,Cassano I.,Villapiana,Plataci,Francavilla M.,Cerchiara di C.,San Lorenzo B.,Plataci,Albidona,Alessandria del  C. Castroregio,Oriolo,Amendolara,Canna,Nocara,Montegiordano ,Roseto C.S. e Rocca Imperiale.

487total visits,3visits today