Rocca Imperiale-19/05/2018: Presentato il libro: L’Archiatra

Rocca Imperiale: 20/05/2018

Presentato il romanzo  L’Archiatra

E’ stato presentato il romanzo storico dal titolo “L’Archiatra” di Giampiero F. Adornato, lo scorso sabato 19 maggio, nella sala conferenze del Monastero dei Frati Osservanti. L’incontro culturale è stato organizzato dall’amministrazione comunale, guidata dal Sindaco Giuseppe Ranù. Al tavolo di presidenza nel ruolo di moderatrice la Prof.ssa Antonella Palladino, la dott.ssa Anita Caroselli (Psicologa), la Dott.ssa Gilda Marsicano (Psicologa), la dott.ssa Rossella Coriglione, l’autore del libro Dott. Giampiero F. Adornato, l’assessore alla Cultura Rosaria Suriano, l’assessore al Turismo Antonio Favoino, l’assessore alla Sicurezza Marino Francesco. Antonella Palladino ha aperto i lavori  introducendo il contenuto del libro che ha definito un giallo nel giallo, omettendo la conclusione per non far perdere la curiosità al lettore di scoprirla. Per Anita Caroselli il libro presenta un taglio storico che riporta il lettore nel 1600, con un personaggio che svolgeva la professione di medico persino del Papa. In particolare il  romanzo prende spunto da un pauroso incidente nei pressi della cittadina di Bernalda. Attraverso l’esito del coma a cui va incontro l’ingegner Pedrelli, egli viene proiettato attraverso una specie di metempsicosi nel 1600. Quest’ultimo incarna un rinomato medico del feudo dei De’ Bernaudo che, attraverso mille peripezie, diviene primo medico prima del viceré di Napoli e poi dei pontefici romani. L’epoca in cui si svolge la vicenda è contrassegnata da congiure, delitti, adulteri e persecuzioni da parte della Santa Inquisizione. Un mix di emozioni che trasforma il racconto in un giallo in cui, solo nell’ultimo rigo del romanzo, con un colpo di scena, viene svelato l’arcano. Per Rosaria Suriano si tratta di un libro mai banale dal finale schioppettante. Per Antonio Favoino è importante riproporre l’evento di presentazione del libro e inserirlo nel programma Estate rocchese 2018 e ha dato il benvenuto ai presenti in uno dei Borghi più belli d’Italia e ha ricordato con orgoglio che lo scorso 17 maggio Rocca Imperiale ha ricevuto la prestigiosa Bandiera. Per il lettore è importante sapere che Gianpiero F. Adornato, originario di Cittanova, bellissima cittadina preaspromontana, è al suo terzo romanzo. Ha conseguito, dopo la maturità classica a Roma, la laurea in Medicina e Chirurgia, presso l’Ateneo di Perugia. È specializzato in Ostetricia e Ginecologia e presta servizio in qualità di dirigente medico presso l’Ospedale San Giovanni Paolo II di Policoro nell’AsM di Matera. Oltre alla passione per la scrittura, è compositore di numerosi brani di musica e di due musical. L’autore Adornato ha raccontato che per scrivere il libro è dovuto stare sempre con il cervello vigile per evitare qualche contraddizione storica. Aveva dentro un forte desiderio di scrivere un romanzo riscoprendo un personaggio. Nel libro si scopre una similitudine con i Promessi Sposi, nel senso che Renzo e Lucia hanno vissuto tante peripezie per il loro contrastato matrimonio. Anche nell’Archiatra si legge una grande e lunga storia d’amore con ben tra fasi di amore che percorrono i personaggi. Gilda Marsicano ha letto, catturando l’attenzione dei presenti, qualche pagina del romanzo dove il medico importante durante uno dei suoi viaggi è riuscito a sedurre una contessa dell’epoca. Al grande Amore per Beatrice si accostava l’amore occasionale che comunque accettava. Sostanzialmente il romanzo racconta una storia vera senza invenzioni di personaggi. In conclusione si tratta di un libro da leggere perché ricco di spunti per una sana riflessione e conoscenza storica dei contenuti proposti dall’autore.

Franco Lofrano

dav

dav

dav

dav

dav

dav

dav

dav

bty

dav

dav

dav