Category Archives: Canna

Canna-28/10/2017: La Castagnata

Canna-23/08/2017: IL TASTIERISTA DEI BEE GEES A CANNA

NOTA STAMPA N.98 – FONTE: COMUNE DI CANNA – 22 AGOSTO 2017

 

IL TASTIERISTA DEI BEE GEES A CANNA

COVER BAND UFFICIALE SI ESIBITÀ DOMANI, 23.8

SI ESIBIRANNO I FRATELLI EGIZIANO E BLUE WEAVER

 

CANNA (Cs), Martedì 22 Agosto 2017 – Blue WEAVER, lo storico tastierista della famosa band internazionale dei GIBB BROTHERS, i BEE GEES, sarà protagonista DOMANI, MERCOLEDÌ 23 AGOSTO, insieme ai fratelli EGIZIANO a CANNA. L’evento vedrà esibire la cover band in piazza MERCATO dalle ORE 22.

 

A darne notizia è il Sindaco Giovanna PANARACE ricordando che l’importante spettacolo The LEGEND of The BEE GEES chiuderà la ricca programmazione socio culturale estiva RESTARE A CANNA 2017 che ha visto protagonista il centro storico del Paese dei Portali. – (Fonte: Lenin MONTESANTO – Comunicazione & Lobbying – 345.9401195)

Canna-30/03/2017:LA BABY STAR DI CANNA CESARE KRISTIAN FAVOINO NEL FILM “ RAFFAELLO –IL PRINCIPE DELLE ARTI “ che sarà proiettato nelle sale cinematografiche italiane il 3,4 ed il 5 aprile

LA BABY STAR DI CANNA CESARE KRISTIAN FAVOINO NEL FILM  “ RAFFAELLO –IL PRINCIPE DELLE ARTI “  che sarà proiettato  nelle  sale cinematografiche italiane  il 3,4 ed il 5 aprile

Dopo l’enorme successo riscosso nelle quattro edizioni della fiction  RAI  “ Che Dio ci aiuti “  la baby star sul set di Canna ,  Cesare  Kristian Favoino ,farà l’ingresso ufficiale il  3,4 ed il aprile p.v. nelle sale cinematografiche italiane e  di quelle di 60 paesi  del mondo  con il film “ Raffaello – il Principe delle Arti – in 3 D “ , distribuito da Nexo Digital e prodotto da SKY  3D,Cinema  ed Arte . Egli darà il volto a Raffaello  Sanzio  quand’era fanciullo,mentre l’attore-regista  Flavio Parenti rappresenterà istantanee della vita dell’artista  nell’età della maturità . Tra l’altro, va sottolineato che la digressione artistica sarà affidata al commento di tre celebri  storici dell’arte,quali  Antonio Paolucci, Antonio Natali  e Vincenzo   Farinella . La notizia è stata accolta con viva soddisfazione  in tutti gli ambienti culturali ed artistici  non solo dell’Alto   Jonio cosentino,  ma anche  a livello regionale perché   Cesare Kristian , con questa  nuova affermazione  sul set ,sarà il vero “talent “ della nostra terra.

Benito  Lecce

 

 

Canna-07/08/2016:Francesco e Cesare Kristian presentano il loro nuovo album

book 1 (1)

UN’ ESTATE ALL’ INSEGNA DELL’ ARTE A CANNA

 

Francesco e Cesare Kristian presentano il loro nuovo album

 

E’ uscito , in questi giorni , il nuovo album del cantautore cannese Francesco Favoino firmato anche dal suo primogenito Cesare Kristian ,la baby star sul set protagonista della fiction RAI “ Che Dio ci aiuti “ . Personalizza il CD ,da un lato , un bel profilo  di Cesare Kristian con il titolo della canzone  prescelta “ Io diverso “ e della band “ Kriss and Extroverts “; dall ‘altro, da sinistra , il chitarrista Saverio Marino,il compositore  Francesco  Favoino  e lo stesso Cesare Kristian nelle vesti ,questa volta , di batterista .Le dodici composizioni, che saranno presentate in anteprima il prossimo 9 agosto  nella piazza antistante il municipio e con il patrocinio della stessa amministrazione comunale, sono davvero “rivoluzionarie “  nel mondo della musica leggera dell’Alto Jonio  Cosentino ,sia  per  quanto riguarda i contenuti e le immagini poetiche ,sia  per quanto concerne le musiche molto originali. Perché la denominazione “ Io diverso “ ?  Il titolo potrebbe far pensare al  tema dei diversamente abili ,ma ciò non è : l’artista canta ,a tutto spiano,l’amore per tutte le cose belle del creato ,in particolare per la sua secondogenita ,Lidia,un fiore di bimba tanto attesa e bene  accolta ,che “come un lampione mi guardi e mi osservi “. E più avanti : “  Mi sveglio  al mattino, vedo te , mi sveglio al mattino , ci sei tu ! “Diversamente,quindi, dagli altri papà , l’artista è completamente astratto dalla realtà, non vuole  lavorare ,non vuole dipingere o scolpire ,ma solo sfiorare con la mano il viso  della piccola Lidia. No solo . Francesco Favoino è cantautore impegnato e non può  e non deve  restare “indifferente “ di fronte alla violenza che dilaga un po’ dovunque .” In riva al mare sto fermo e guardo  le stelle , l’azzurro del cielo…in Tv distruzioni ,bombe,ISIS ,morti,disastri  ambientali .” E più avanti : “ Vorrei capire il perché ,dietro quella maschera  nascondi   e vendi  il tuo corpo…Infine, la passione struggente per la donna amata e l ‘amore  ancestrale per il suo paese  natio : “Guardo i tuoi occhi ,stanno guardando me …”  “ Vogl ‘ ste semb ‘  na Cann  “. Tutto questo sono i due artisti  di Canna e noi auguriamo loro il meritato  successo .

     Benito Lecce

Canna-03/07/2016: L’ IMPROVVISA SCOMPARSA DELL’ISPETTORE SCOLASTICO FRANCESCO FUSCA (di Benito Lecce)

Francesco Fusca

Francesco Fusca

L’ IMPROVVISA  SCOMPARSA DELL’ISPETTORE SCOLASTICO  FRANCESCO  FUSCA

 

Viene a mancare  con l’improvvisa scomparsa  dell’ispettore scolastico Francesco Fusca non solo un  punto di riferimento del mondo della scuola calabrese,ma anche  un uomo dai molteplici interessi culturali . Il suo proverbiale sorriso metteva subito a proprio agio qualsiasi interlocutore ,che ammirava di lui lo  sguardo lungimirante ed il suo grande afflato umano.Noi,che lo abbiamo conosciuto sin da quando,negli anni ’80 ,  collaborava assiduamente ,sia al mensile di Domenico Licursi “  Rinascita Sud “ che alla rivista nazionale di cultura ed arte “L’Ellade “ ,  lo rimpiampiamo  come attento osservatore dei costumi del tempo e come  poeta  dall’animo incantato di un eterno fanciullo . Non solo . La sua partecipazione  era assidua ed appassionata alle diverse tavole rotonde sui numerosi ed annosi problemi della scuola del nostro Alto  Jonio ,in particolare ,   e su quelli di indole squisitamente culturale. Primo  fra tutti  il  suo robusto contributo  offerto, in ogni estate , ai dibattiti promossi  dall’amministrazione comunale di Nocara in stretta collaborazione con l’università della Calabria  su “ Tracce joniche  e miti  della  Magna  Grecia “. Ora non c’è più ed il suo ricordo resterà indelebile in tutti coloro  che ebbero la fortuna di conoscerlo.

 

Benito Lecce

 

Canna-02/07/2016:Nuove rivelazioni degli artisti Favoino nella manifestazione scolastica di fine anno in seno all’istituto comprensivo A.Moro a Policoro

4-06-2016 244 (1)4-06-2016 128

Nuove rivelazioni   degli artisti  Favoino nella manifestazione scolastica di fine anno  in  seno all’istituto comprensivo A.Moro  a Policoro

 

Accanto a Cesare Kristian ,la baby star sul set della fiction  “Che Dio ci aiuti “ , si è esibito  il papà Francesco nell’atmosfera tutta magica della Pala Ercole dell’istituto comprensivo  A.Moro .L’occasione si è offerta loro nell’ambito  della manifestazione di fine anno ,cui hanno  partecipato anche gli alunni e le  famiglie dell’ISIS e del liceo  scientifico  Fermi . Ideatore del progetto è stato  il prof. Carmine Ascente ,che,con la sua band “Tracce Joniche “ ,ha accompagnato numerosi e bei canti , da quelli di natura etnico popolare  al classico  francese,dal rock al reggae. Nel momento culminante dell’intrattenimento il cantautore  Francesco Favoino ha presentato  in anteprima  il brano nuovo di zecca   “Vogl ‘  ste  semb’   na  Cann ‘ “ ( Voglio stare sempre  a Canna ) ,che fa parte  del suo  CD  ,che  uscirà proprio in questi giorni .L’esecuzione è stata salutata da un prolungato applauso e si è avvalsa della stessa band dell’artista cannese  “ Kriss snd exstoverts “  .  E’ seguito un brano a solo   per batteria dello stesso Cesare Kristian  che ha rivelato   le sue eccellenti doti ,oltre che di attore ,di  batterista ,scatenando l’entusiasmo dei giovanissimi .”Amo tanto da grande essere un affermato batterista ,oltre che un bravo protagonista del set –ci ha detto Cesare Kristian .Per il momento,sono contento di prendere parte  anche alla quarta edizione della fiction  RAI  “Che  Dio ci aiuti “.

 

Benito  Lecce

Canna-17/06/2016: Accorato appello di un genitore che perde i servizi riabilitativi per il figlio disabile.

Pace e Liguori

Pace e Liguori

Canna:17/06/2016

Accorato appello di un genitore che perde i servizi riabilitativi per il figlio disabile.

A questo urlo di dolore e di aiuto di un genitore si è unita la sensibilità della Misericordia di Trebisacce, di cui è Governatore Enzo Liguori, che considera inopportuno il disagio creato alle famiglie che si erano rivolte a questa struttura. Ma raccontiamo storicamente i fatti. C’era una volta a Canna, nel 2010, una struttura riabilitativa, ottenuta su richiesta dell’AIAS (Associazione Italiana Assistenti Spastici) di Potenza e l’amministrazione comunale l’aveva riconvertita da asilo nido, per mancanza di bambini, a struttura riabilitativa. La Regione Calabria autorizzava tale struttura denominata AIAS di Canna per l’erogazione di n. 36 prestazioni domiciliari e n. 36 prestazioni ambulatoriali, con le seguenti aree d’intervento: Fisioterapia e terapia neuromotoria, Neurospichimotricità e terapia cognitiva, Logopedia, Terapia occupazionale e sostegno Psico-terapeutico. La presenza di una simile struttura unica nel suo genere, in un territorio dove l’assistenza specialistica è sempre stata un miraggio, aveva suscitato entusiasmo e vi era stata la partecipazione attiva anche degli enti locali che misero a disposizione di tutti gli aventi bisogno i propri mezzi di trasporto. L’allora Direttore Sanitario Dott. Giuseppe Rossi si prodigò molto e il centro funzionò molto bene. Il genitore, che ci racconta la storia, ricorda che il direttore Rossi fece affiggere una targhetta con su scritto: “Tutti assieme per tutelare e potenziare la salute in ogni fase della vita”. Come in tutte le belle storie arriva la triste fine, così nel 2011 il Commissario per l’attuazione del Piano di rientro revocava l’autorizzazione e chiudeva il centro riabilitativo. I medici continuarono a garantire le prestazioni su impegno personale. Le difficoltà però erano sempre in crescita e alla fine rimasero solo due fisioterapisti che assicuravano le prestazioni ad alcuni pazienti più gravi e non autonomi. Ora nessuna prestazione è più possibile. Ecco l’urlo di dolore del genitore che si rivolge ai politici per chiedere la possibilità di attivarsi per rendere possibile su Canna il recupero funzionale per il proprio figlio. “E’ possibile nel 2016 considerare i nostri figli degli invisibili?”,si chiede il genitore addolorato. E ancora: “Le istituzioni si nascondono sempre dietro la crisi economica che mette a rischio il Welfare, sono sempre le fasce sociali più deboli a perire, solo che i disabili sono indifesi e sono deboli”. Chi scrive spera che la nuova legge sul “dopo di noi” possa dare una utile risposta a questo genere di problemi.

Franco Lofrano

 

Canna-15/04/2016:NUOVA VITA PER GLI ORTI A TERRAZZA, 9 ETTARI SEMINATI A CANAPA

SEMINA-CANNA-140416 (8)

SEMINA-CANNA-140416 (8)

SEMINA-CANNA-140416 (7)SEMINA-CANNA-140416 (9)SEMINA-CANNA-140416 (6)SEMINA-CANNA-140416 (5)

COMUNICATO STAMPA FONTE: COMUNE DI CANNA N.9 – 14 APRILE 2016

 

ISTITUZIONI LOCALI INVESTANO SUL RITORNO ALLA TERRA

PANARACE: ANTIDOTO ALL’ISOLAMENTO DEI TERRITORI

NUOVA VITA PER GLI ORTI A TERRAZZA, 9 ETTARI SEMINATI A CANAPA

 

ENOGASTRONOMIA, IL 21 E 22 MAGGIO DEGUSTAZIONI IN PIAZZA MERCATO

 

CANNA (Cs), Giovedì 14 Aprile 2016 – Occupazione e sviluppo economico, dopo decenni di abbandono, gli orti a terrazza che si estendono a valle dell’abitato di Canna, ritornano a nuova vita. 9 ettari di terreno saranno destinati alla produzione di canapa industriale. Ok alla messa a dimora dei semi di chanvre monoïque, la cannabis sativa. Ecco i primi importanti risultati che fanno seguito all’attività di sensibilizzazione promossa dall’Esecutivo PANARACE. Soddisfatto il Sindaco: con l’avvio della filiera, opportunità occupazionali e di sviluppo per tutto il territorio. Le istituzioni locali investano sul ritorno alla terra, quale antidoto all’isolamento e all’abbandono dei territori interni. – Birra artigianale e prodotti tipici a base di canapa, SABATO 21 e DOMENICA 22 MAGGIO degustazioni in piazza Mercato. 

 

Produzione di canapa nel territorio di Canna, l’iniziativa è portata avanti dalle AssociazioniRes Cannae e Punto Verde Canapa, insieme all’Amministrazione Comunale. 

 

Il ritorno alla terra delle nuove generazioni – dichiara il Sindaco PANARACE – non soltanto è possibile, come l’esperienza delle associazioni Res Cannae e Punto Verde Canapadimostra, ma deve essere stimolato con convinzione e responsabilità anche e soprattutto da parte delle istituzioni locali. Ciò vale ancor di più in territori altrimenti destinati all’isolamento e all’abbandono come quelli interni della nostra regione, per i quali – conclude il Primo Cittadino – la valorizzazione intelligente del nostro patrimonio identitario resta la sola uscita di sicurezza.

 

Le due associazioni hanno piantato i semi in circa 9 ettari di terreni non trattati, incolti da oltre quindici anni. Le piante saranno destinate al settore tessile. Sfruttando le competenze dei giovani coinvolti, si otterranno dei filati completamente biologici per realizzare tessuti traspiranti.

 

Dall’incontro su La Canapa industriale come opportunità per l’Alto Jonio (novembre 2015), alla presenza, tra gli altri del consigliere regionale Carlo GUCCIONE, alla presentazione del primo menu a base di canapa, in occasione della quinta assemblea itinerante della Condotta Slow Food Pollino – Sibaritide – Arberia (dicembre 2015). La riflessione e l’attiva promozione locale avviata dall’Esecutivo PANARACE sui processi produttivi della filiera, sui costi, i guadagni e le prospettive future, e, in generale, sull’impatto sociale, culturale ed economico che può determinare la coltura, trovano, nell’operazione di semina, il primo passo verso la realizzazione del progetto. Nel borgo dei portali la produzione di canapa si avvia a diventare finalmente realtà.

 

Puntare sulle principali ricchezze del territorio per restituire ai giovani un ambiente nel quale sviluppare i propri talenti, arricchito dallo stretto rapporto con la natura. Le nuove generazioni ritornano alla terra in maniera intelligente e con consapevole serenità. È questa, la mission delle due associazioni Res Cannae e Punto Verde Canapa che promuovono per i prossimi SABATO 21 e DOMENICA 22 MAGGIO 2016 la serata della birra artigianale e dei prodotti tipici a base di canapa. L’evento si terrà in piazza Mercato, alle ORE 20. – (Fonte MONTESANTO Sas Comunicazione & Lobbying).

Canna-20/02/2016:PERCHE’ I QUOTIDIANI SI LEGGONO SEMPRE MENO NEI CENTRI DELL’ALTO JONIO COSENTINO

PERCHE’  I QUOTIDIANI SI LEGGONO SEMPRE  MENO NEI CENTRI DELL’ALTO JONIO  COSENTINO

E’ sempre più sconfortante constatare che il  numero dei lettori dei quotidiani su supporto cartaceo nei centri dell’Alto jonio cosentino vada sempre più diminuendo o scomparendo del tutto . Sino a pochi anni fa  tutti i  quotidiani,particolarmente quelli regionali ,trovavano  diffusione anche in piccoli comuni ,come Canna o Montegiordano . Oggi  non vengono più recapitati alle edicole dall’unico trasportatore , a livello provinciale ,della carta stampata. Perché avviene tutto questo ? E’ perdonabile l’incuria delle stesse testate dei giornali ,che,quasi  impotenti,assistono  a tale gravissimo disservizio . Così – è bene denunciarlo – esclusivamente  gli abitanti delle zone costiere  del nostro comprensorio trovano il  giornale preferito  in edicola ,mentre gli altri  ne sono  clamorosamente  sprovvisti. Sarebbe auspicabile che , finalmente , l’ufficio diffusione  dei diversi quotidiani   provvedesse a risolvere  questo delicatissimo problema : riconosciamo  l’indiscusso ruolo svolto dai giornali on line , ma il quotidiano cartaceo non potrà mai essere soppiantato,come  il LIBRO, perché,oltre l’informazione, OCCORRE  CHE OGNUNO DI NOI RIFLETTA   su quello che ama leggere per migliorarsi interiormente,particolarmente OGGIGIORNO  in cui i mezzi tecnologici tentano  di condizionare  la persona umana.

 

Benito   Lecce

 

Canna-20/02/2016:LA BABY STAR SUL SET CESARE KRISTIAN FAVOINO DI NUOVO PROTAGONISTA DI “CHE DIO CI AIUTI “ E GRATIFICATO DA NUMEROSI RICONOSCIMENTI

LA BABY STAR SUL SET  CESARE KRISTIAN FAVOINO DI NUOVO PROTAGONISTA  DI “CHE DIO CI AIUTI “ E GRATIFICATO DA  NUMEROSI

RICONOSCIMENTI

 

Sono imminenti le nuove riprese  della quarta serie  della fiction di RAI 1  “ Che Dio ci aiuti “,in cui la baby star di Canna  ,Cesare Kristian Favoino, ha ricoperto un ruolo rilevante nelle vesti del piccolo  Davide accanto a Lino Guanciale e Laura Glavan .Secondo fonti molto attendibili,il nostro piccolo,ma prezioso attore è stato riconfermato   da Lux Vide e da RAI fiction  . Non poteva essere diversamente .dal momento che Cesare Kristian ,sia per la sua indiscussa bravura che per la sua affabilità,si è guadagnata  la stima non solo dei suoi futuri genitori  ( Lino e Laura ),ma della stessa Elena Sofia Ricci,Francesca Chilleni  e Valeria Fabrizi. Nelle more del set egli è impegnatissimo: è stato chiamato a promuovere iniziative di beneficenza o è stato insignito di targhe . Così,nella scorsa estate,è stato prima festeggiato in seno al circolo culturale di Canna “ Corrado Alvaro “ con la dedica di un CD  interamente riservato a lui come “ giovanissimo interprete “  della fiction Che Dio ci aiuti  e ,subito dopo, ha ricevuto con la  stessa motivazione , nella magica atmosfera del castello federiciano ,a Rocca Imperiale , una targa con pergamena del Gran Premio “ Il limone d’oro  2015 “ .Da non sottovalutare , infine , l’attribuzione dell’ambito premio  David di Gian Lorenzo Bernini nell’artistica città di Lecce . Avvicinato da noi, ha riconfermato  che,quotidianamente,si esercita  come batterista per dar vita,da grande,ad una “band “. Non solo .Vuole affermarsi sempre più nel mondo artistico ed impegnarsi ulteriormente  per il successo  della nuova serie di “ Che Dio ci aiuti “.

 

Benito  Lecce