Category Archives: Cerchiara di Calabria

CERCHIARA DI CALABRIA-13/11/2017: Colto da malore mentre raccoglie le olive, cade dalla pianta e muore.

Ambul. ed Elisocc. (Rep)

Caduta dall’albero (Rip.)

CERCHIARA DI CALABRIA Colto da malore mentre raccoglie le olive, cade dalla pianta e muore. Inutili i tentativi di rianimarlo da parte dei Sanitari del 118 di Cassano Jonio intervenuti tempestivamente sul posto e inutile anche l’atterraggio sul posto dell’eli-ambulanza fatta giungere da Cosenza perché l’anziano, colto da grave malore, è deceduto sul colpo. L’uomo, Pietro Ruscelli, 65anni, di mestiere muratore ma esperto in rifiniture edili esterne, sposato con due figli, abitava nella contrada “Tesauro” della popolosa frazione “Piana” e ieri mattina, di buon ora, si era recato nel suo podere, adiacente all’abitazione di famiglia, per la raccolta delle ulive. La tragedia si è consumata ieri mattina, domenica 12 novembre attorno alle 11.00, allorquando l’anziano muratore, colto da improvviso malore, è caduto rovinosamente dall’albero su cui era salito per muovere i rami e far cadere, come si usa fare, le ulive sopra la rete distesa sotto l’albero, rete sulla quale sarebbe caduto a peso morto anche lui a causa dell’improvviso malore. Infatti, da quanto è dato sapere, a determinare il suo decesso non sarebbe stata la rovinosa caduta dall’albero ma l’improvviso malore, causato molto probabilmente da una crisi cardiaca (un infarto) di cui l’uomo pare soffrisse da qualche tempo. Sul posto, oltre ai Carabinieri di Cerchiara di Calabria che hanno eseguito i rilievi, è subito arrivato il medico legale di turno il quale, avendo constatato il decesso essere sopraggiunto per cause naturali, ha disposto l’immediata consegna della salma alla famiglia. I funerali del 65enne Pietro Ruscelli, appartenente ad una famiglia molto nota e stimata a Cerchiara di Calabria, a Francavilla Marittima ed a Trebisacce dove abita il figlio maggiore Bonifacio, si svolgeranno oggi stesso, lunedì 13 novembre, alla ore 15.00, nella Chiesa “San Francesco di Paola” della frazione Piana.   

Pino La Rocca

Cerchiara di Calabria-25-26/08/2017: Cucinare senza spreco

Cerchiara di Calabria-25-26/08/2017: Cucinare senza spreco

Cerchiara di Calabria-28/07/2017:Oliverio a Cerchiara: “Valorizzare al massimo le terme”

 

inaugurazione terme cerchiara calabra – 2

28.07.2017

Presidenza

 

Oliverio a Cerchiara: “Valorizzare al massimo le terme”

 

“Sono tornato appositamente da Roma, dove dovrò di nuovo tornare domattina, perché considero estremamente importante questa opera per Cerchiara e per l’intera area in cui essa ricade”.

E’ quanto ha detto il presidente della Regione, Mario Oliverio, concludendo il dibattito moderato dal giornalista Franco Maurella e promosso dall’Amministrazione comunale di Cerchiara presso il centro termale “Grotta delle Ninfe” in occasione dell’inaugurazione  e del completamento dei lavori del Centro Benessere e del Viale, a cui hanno partecipato numerosi sindaci, amministratori locali e cittadini.

“Quella che inauguriamo oggi -ha proseguito Oliverio- è una risorsa importante, collocata all’interno del Parco Nazionale del Pollino, a cinque minuti dal mare, circondata dal verde, situata in un contesto straordinario e unico. Se a tutto ciò si aggiunge l’alto valore scientifico della qualità delle acque e il patrimonio storico e mitologico in cui si colloca quest’area, dobbiamo prendere atto di essere in presenza di una risorsa che merita di essere valorizzata al meglio. Quello odierno è un primo passo, a cui devono immediatamente seguirne degli altri. In primo luogo va realizzata la rete delle realtà termali. A fine settembre, principi di ottobre, organizzeremo una iniziativa per mettere in campo un progetto di valorizzazione di questa risorsa. Dobbiamo fare in modo, innanzitutto, che la domanda sanitaria di cure, che si esprime oggi in larga parte al di fuori della nostra regione, venga trattenuta e soddisfatta in Calabria. Perché questo si realizzi, però, è necessario investire nel miglioramento infrastrutturale e strumentale. A settembre definiremo un “Progetto Terme” che dovrà vedere sia la parte pubblica (i Comuni) che la parte privata (gli imprenditori) concorrere alla realizzazione di questo obiettivo, abbinando la parte sanitaria a quella turistica e sportiva, affinchè si possano combinare questi segmenti al fine di valorizzare al massimo questa risorsa”.

“La qualificazione della risorsa termale è, dunque -ha aggiunto il presidente della Giunta regionale- una nicchia del progetto più vasto di qualificazione dell’offerta turistica a cui noi dobbiamo tendere. In questa direzione proprio ieri abbiamo compiuto un passo decisivo in avanti, sottoscrivendo l’Accordo di Programma per la realizzazione e l’attivazione di uno strumento importante, che è il Contratto di Sviluppo. La Calabria e la Campania sono le prime due regioni del Mezzogiorno ad aver lavorato e sottoscritto questo strumento. Si tratta di un volume di risorse, tra pubblico e privato, che mobiliteranno 280 milioni di euro da qui al 2021, di cui 145 la parte pubblica e, di questi 145, 80 sono a carico del cosiddetto Programma “Industria 4.0” e 65 a carico delle risorse disponibili della Regione. Sono risorse che prevalentemente, anche se non esclusivamente, saranno destinate ai settori turistico, culturale e agroalimentare.  A queste risorse bisognerà candidarsi. Qui c’è in atto un’iniziativa che è il Parco degli Enotri: quale migliore opportunità per candidarsi alla utilizzazione delle risorse previste dal Contratto di Sviluppo? Un territorio cresce se allarga la propria offerta turistica, valorizzando le diverse risorse che operano in un contesto territoriale.  In questo quadro la risorsa termale può agire in modo determinante, soprattutto se riesce ad interfacciarsi con le altre opportunità offerte dal territorio”.

“C’è -ha sottolineato Oliverio- un ultimo aspetto che dobbiamo tenere ben presente in questo percorso e che riguarda la gestione delle strutture. Una gestione che deve essere assolutamente sostenibile. Non possiamo più pensare a strutture che si sostengono in modo assistenziale. E proprio per questo c’è bisogno di far interagire i diversi tasselli perché su scala più ampia una struttura come questa può avere maggiore respiro nella sostenibilità della gestione. In questo senso bisogna fare uno sforzo in più che possa consentire di realizzare esperienze positive e di creare nuove opportunità di lavoro in una dimensione culturale nuova che bisogna fare crescere anche nella nostra regione. E’ un processo non facile, che richiede pazienza, lavoro e fatica, ma i risultati cominciano a vedersi. Proprio oggi è stato firmato il decreto per il progetto definitivo del Nuovo Ospedale della Sibaritide i cui lavori del movimento terra inizieranno a fine agosto. Abbiamo finalmente sbloccato la metrotramvia Cosenza-Rende-Unical, abbiamo messo quella di Catanzaro nelle condizioni di partire, abbiamo aperto i cantieri della Nuova Ferrovia Jonica che prevede un investimento di 530 milioni di euro che noi abbiamo scelto di concentrare su questa infrastruttura che sarà realizzata entro il 2019 e attraverso cui realizzeremo la metropolitana di superficie che riscatta un territorio, quello jonico, che per troppo tempo ha subito l’abbandono e l’isolamento”.

“La crescita di una regione -ha concluso Il presidente della Giunta regionale- è un progetto che richiede di agire non su un solo tasto, ma su una tastiera ampia. La risorsa termale rappresenta uno di questi tasti che, se inserito in un contesto complessivo di sviluppo della regione, può dare un grande apporto. E’ giunto il momento di fare quello che non è stato fatto per decenni, investendo adeguatamente in questo settore. Quella di stasera è una tappa importante che va sicuramente in questa direzione”. f.d.

 

 

Cerchiara di Calabria-11/08/2017: Giornata dell’Anziano

Cerchiara di Calabria-14/07/2017: Al via l’addestramento speleologico di salvataggio

CERCHIARA DI CALABRIA Soccorrere un ferito a 600 metri di profondità. E’ per effettuare un salvataggio del genere che 90 tecnici speleologici del Soccorso Alpino e Speleologico provenienti da tutta Italia e 7 Servizi Regionali si stanno addestrando per soccorrere uno speleologo che si è infortunato a 600 metri di profondità. Sono questi i numeri della simulazione di recupero di un ferito a grande profondità che è in corso da 4 giorni e si concluderà domenica 16 luglio all’interno dell’Abisso del Bifurto in territorio di Cerchiara. L’esercitazione, organizzata dal CNSAS calabrese (presidente regionale l’avv. Luca Franzese di Cerchiara) coinvolge una componente “tecnica” e una componente “sanitaria” organizzata in una Commissione Medica che opera su tutto il territorio italiano e che, in caso di incidente, invia in loco i sanitari specializzati in questo tipo di soccorso. La logistica di tutta l’operazione è stata situata presso la Scuola Elementare di Cerchiara, dove è stato allestito il campo-base con la Direzione Operazioni, gli alloggi e la mensa per i tecnici. Nei pressi dell’Abisso del Bifurto è stato invece organizzato un campo avanzato, collegato costantemente con l’interno della grotta attraverso un sistema di trasmissione-dati messo a punto dalla Commissione Tecnica Speleologica del CNSAS. Nei pressi del campo avanzato è stato inoltre allestito il posto medico di prossimità dove, al termine delle operazioni di recupero, il ferito viene condotto prima di essere consegnato al servizio sanitario nazionale. All’esercitazione collaboreranno il comune di Cerchiara, la Prefettura Cosenza, il servizio 118 e la Protezione Civile regionale.

Pino La Rocca  

Cerchiara di Calabria-18/05/2017:Riaperto alla fruizione pubblica il complesso monastico dei Frati Osservanti annesso alla Chiesa di Sant’Antonio di Padova.

CERCHIARA DI CALABRIA Terminati i lavori di riqualificazione statica e strutturale, alla presenza delle autorità civili e militari e del Vescovo della Diocesi di Cassano Jonio mons. Francesco Savino è stato inaugurato e riaperto alla fruizione pubblica il complesso monastico dei Frati Osservanti annesso alla Chiesa di Sant’Antonio di Padova. Al suo interno, dopo i lavori di recupero e di ristrutturazione finanziati dalla regione Calabria con un investimento di 300mila euro, è previsto l’allestimento di un Polo Museale e di un Centro Diurno per gli Anziani. La Chiesa di Sant’Antonio in stile barocco e l’annesso Convento degli Osservanti è stato costruito nel 1600 per volontà del marchese di Cerchiara Principe Fabrizio Pignatelli e rappresenta, insieme al Santuario della Armi ed alla Chiesa di San Pietro, uno dei tanti Beni Ambientali di cui è ricca Cerchiara. Nel ringraziare tutti quanti hanno collaborato attivamente per la riuscita dell’evento il sindaco Antonio Carlomagno si è detto soddisfatto per il recupero di un pezzo importante del patrimonio artistico di Cerchiara che potrà essere valorizzato sia come centro di accoglienza che come attrattore per il turismo culturale. Un grazie particolare il primo cittadino lo ha rivolto al Vescovo don Francesco Savino, alla prof.ssa Bosco, ai proff. Rago e Sancineto, alla Fondazione Santa Maria delle Armi e al suo presidente Filomena Rago organizzatrice dell’evento e alle imprese, Edilnova e Pino Valentino, che hanno eseguito i lavori di restauro.

Pino La Rocca

 

CERCHIARA DI CALABRIA-16/05/2017: Giovanni Valentino eletto presidente provinciale dell’A.D.A

G. Valentino

CERCHIARA DI CALABRIA Il cerchiarese Giovanni Valentino, sindacalista storico della UIL e protagonista di tante battaglie civili per la difesa dei diritti dei lavoratori e delle popolazioni del Comprensorio, è stato eletto presidente provinciale dell’A.D.A. (associazione per i diritti degli anziani) – Sezione di Cosenza. La sua elezione è avvenuta all’unanimità dei presenti nel corso dell’ultimo Comitato Direttivo riunitosi a Cosenza per il rinnovo delle cariche sociali (consiglio direttivo e presidente ). Per la cronaca, l’A.D.A., organizzata su base nazionale, è un’associazione di volontariato nata nel 1991 su specificata iniziativa della U.I.L.-Pensionati di cui segue costantemente i percorsi, le iniziative e le attività mirate e finalizzate essenzialmente a garantire agli anziani il mantenimento delle normali condizioni di vita e per offrire loro la possibilità di sentirsi inseriti nel proprio ambiente e contesto socio–culturale. Alla riunione del Comitato Direttivo ha partecipato il segretario provinciale della UIL-Pensionati di Cosenza Francesco De Biase ed è stata presieduta dal presidente regionale dell’A.D.A. Alberto Frontera.  Da parte sua Il segretario provinciale della Uil-Pensionati De Biase si è compiaciuto della nomina del nuovo presidente Valentino, mettendone in risalto le doti umane, le qualità operative e il grande spirito di abnegazione con il quale dirige da oltre 16 anni l’A.D.A. e la sede U.I.L. di Cerchiara di Calabria.

Pino La Rocca

Cerchiara di Calabria-27/04/2017:Festa della Madonna delle Armi

Festa Mad. d. Armi

CERCHIARA DI CALABRIA Come ogni anno il 25 aprile, festa della Liberazione, si è svolta la grande festa popolare e l’incontro devozionale tra la Madonna delle Armi effigiata nella pietra ed i cerchiaresi e i tanti devoti provenienti da ogni parte della Regione. Fin dal primo mattino folle di fedeli si sono ritrovati sul magnifico balcone del monte Sellaro affacciato sulla Piana di Sibari per fare da cornice alle solenni funzioni religiose, alla successiva processione ed ai riti civili e popolari che accompagnano ogni anno la festa. In particolare per i cerchiaresi, che sono soliti raggiungere il Santuario a piedi lungo “il sentiero dei pellegrini”, il 25 Aprile, come ha ricordato il sindaco Antonio Carlomagno, rappresenta da oltre due secoli, per grazia ricevuta, una data legata indissolubilmente alla venerazione della Madonna delle Armi. Una data che consolida il forte senso della “Identità” che negli ultimi decenni sempre di più è divenuta “Identità di Territorio”. A ragione di ciò e per rafforzare ancora di più questa identità allargata ai comuni vicini da quest’anno il primo cittadino, d’accordo con tutti i sindaci e d’intesa con la Fondazione di Santa Maria, ha proposto di istituire l’Offerta dell’Olio per la lampada votiva alla Madonna delle Armi e, come primo paese offerente, è stato scelto il comune di Civita nella persona del suo sindaco Alessandro Tocci. 

Pino La Rocca

 

Cerchiara di Calabria-07/04/2017: L’Istituto Comprensivo in visita al Museo dei Brettii e degli Enotri

Visita al Museo dei Brettii e degli Enotri

Una giornata all’insegna della cultura e dell’archeologia

Il 7 aprile 2017, noi alunni della Scuola Secondaria di I Grado di Cerchiara di Calabria, siamo andati a Cosenza, un tempo chiamata Consentia, per visitare il Museo archeologico dei Brettii e degli Enotri situato nel Centro Storico della città. Il Museo venne fondato grazie ai reperti archeologici trovati negli scavi effettuati nel 1888, con lo scopo di ricercare l’antica colonia greca di Sibari.

La Dottoressa Cerzoso, Direttore del Museo che ci ha fatto da guida, è stata bravissima nelle spiegazioni di tutti i periodi storici e dei reperti archeologici. Ci ha spiegato il significato dello stemma che è un quadrato  formato da sette poligoni di colori diversi; ogni colore rappresenta una sala e un periodo storico: età della Pietra , età del Ferro ecc.. 

Attraverso un video abbiamo visto la sepoltura dei morti che avveniva  in una fossa dove andavano a ricongiungersi tutti i familiari con gli oggetti più preziosi come le fibule che erano delle spille a quattro spirali, le armille che erano dei bracciali in bronzo. Nelle tombe veniva messo anche un vaso per deporci i corpi morti dei bambini. La maggior parte dei corredi funebri furono trovati nella necropoli di Torre del Mordillo dove scoprirono tante tombe. A volte, la scoperta avveniva per caso: passava un trattore e venivano alla luce dei cocci di ceramica, poi scavando venivano trovati ossa e oggetti preziosi che avevano assunto un colore verde a causa dei vari acidi del terreno.

Nella penultima stanza abbiamo visto una stele romana che è una lastra in arenaria e rappresenta un uomo e una donna con due dita appoggiate sul petto, ciò significa che si stanno salutando. Questa fu trovata nel 1903 e fu messa in vendita sul mercato clandestino, ma fortunatamente fu recuperata nel 1927, in Sicilia.

                   

Dulcis in fundo……quanta emozione!

Nell’ultima stanza, la più bella per noi, sono esposte circa cento lucerne e tante monete , reperti trovati nella Grotta delle Ninfe di Cerchiara di Calabria e che furono consegnate al Museo nel 1916. Le lucerne sono tutte nuove, non usate e diverse tra loro , a parte due coppie che sono simili. Questo fa pensare a due ipotesi:  appartenevano  a un collezionista o  erano destinate a un dono per gli dei. Per quanto riguarda le monete, visto che sono bruciate,  è stato impossibile trovare l’identificazione, ad eccezione di due , dove si vede la testa di un imperatore.

 

Questa esperienza è stata molto bella, speriamo di poterne vivere altre per arricchirci culturalmente e per scoprire tante altre cose del nostro territorio.

Ringraziamo il nostro Sindaco, dott. Antonio Carlomagno che ci ha permesso di fare questo viaggio culturale a Cosenza offrendoci sia l’autobus che l’ingresso  al Museo e come guida la dott.ssa Cerzoso e lo ringraziamo inoltre, per aver condiviso con noi , con la sua presenza, questa bellissima giornata.

                                                                                             

                                                                                  Gli alunni della Scuola Secondaria di I G. di Cerchiara di Cal.