Category Archives: Cosenza

Casali del manco (cs)-18/05/2018: Taglio boschivo irregolare.

Regione Carabinieri Forestale “Calabria”
  • Gruppo di Cosenza –

 

 

Casali del manco (cs) – Taglio boschivo irregolare.

Denunciato il tecnico progettista. Sanzione per 60.000 euro

 

COSENZA 18 maggio 2018 – I militari della stazione Carabinieri Forestale di Spezzano Sila, a seguito di servizi mirati all’accertamento della regolare esecuzione di lavori di utilizzazione boschiva, hanno nei giorni scorsi riscontrato irregolarità in  un bosco di 4 ettari in località “Greca” del Comune di Casali del Manco già Comune di Serra Pedace oggetto nel tempo di un taglio boschivo. Sulla proprietà privata era stato effettuato infatti da una ditta boschiva un taglio autorizzato dalla Regione Calabria di bosco ceduo di specie castagno misto a piante di roverella . A seguito degli accertamenti e rilievi tecnici da parte dei militari è risultato che il bosco era in realtà di natura gamica ovvero alto fusto e non ceduo per il quale il rilascio dell’autorizzazione ha un iter diverso. Si è accertato un falso ideologico perpetrato dal tecnico progettista che fornendo dati e relazioni progettuali false all’ente preposto ha ottenuto in maniera indebita il rilascio dell’autorizzazione; la ditta boschiva incaricata ha quindi eseguito il taglio in contrasto ai dettami e canoni prescritti nelle Prescrizioni di Massima di Polizia Forestale vigenti in regione Calabria e in violazione alla legge Regionale su la gestione, tutela e valorizzazione del patrimonio forestale regionale provocando deturpamento delle bellezze naturali e danno ambientale al bosco. Le piante da seme e polloni destinati a crescere ad alto fusto interessate al taglio sono risultate essere 3917. Si è proceduto pertanto alla denuncia del tecnico e ad elevare sanzione amministrativa per 60.000 euro.

 

Cosenza-15/05/2018: Alto Jonio. Attività d’indagine sugli incendi boschivi. Poste sotto sequestro  numerose superfici boscate

sequestro bosco

Regione Carabinieri Forestale “Calabria”
  • Gruppo di Cosenza –

Alto Jonio. Attività d’indagine sugli incendi boschivi.

Poste sotto sequestro  numerose superfici boscate  

 

COSENZA 15 MAGGIO 2018 –Nell’ambito di un’attività d’indagine sugli incendi boschivi, in itinere da parte della Procura della Repubblica di Castrovillari, il Procuratore Capo Eugenio Facciolla e il Sostituto Proc. Flavio Serracchiani hanno emesso un provvedimento di sequestro che riguarda numerose superfici boscate interessate dai roghi della scorsa stagione estiva nel comprensorio dell’Alto Jonio Cosentino. Il provvedimento, in fase di esecuzione, è stato già in parte eseguito dai Carabinieri Forestali e dai militari  delle locali Stazioni Territoriali dell’Arma.

Nei giorni scorsi il provvedimento ha riguardato un bosco di Pino d’Aleppo in Comune di Amendolara, in Contrada Melazzi. Il bosco sequestrato è stato interessato dalle fiamme nel luglio 2017 e il tempestivo intervento di volontari e dei proprietari ha consentito di evitare che l’evento si propagasse e interessasse una superficie boscata di oltre 2,5 ettari. I Carabinieri Forestali delle Stazioni di Oriolo e Trebisacce, durante gli accertamenti, rivennero sul posto un ordigno utilizzato per innescare le fiamme. Il provvedimento di sequestro è stato emesso per finalità probatorie, per impedire che possano essere apportate modifiche o manomissioni delle tracce e dei luoghi in cui si è consumato l’evento delittuoso.

Il sequestro odierno segue altri tre provvedimenti analoghi che hanno interessato nei giorni scorsi altre tre superfici boscate, per complessivi 37 ettari di pinete di Pino d’Aleppo, situate nel Comune di Albidona.

Infatti in località “Santappico” e “Fontana di Cristali”, sono state sequestrate due superfici boscate dove le fiamme, durate più di una settimana a ridosso di ferragosto dello scorso anno, hanno distrutto oltre 200 ettari di pinete di Pino d’Aleppo, mettendo a rischio l’incolumità di persone e strutture, tanto che si dovette procedere persino ad evacuare un locale dove era in atto un banchetto nuziale. Anche in località “Torre di Albidona”, sempre in Comune di Albidona, è stato sequestrata una pineta  di Pino d’Aleppo interessata il 25 luglio scorso da un incendio boschivo di matrice dolosa, che ha distrutto 7,5 ettari di bosco, mettendo a rischio anche una struttura l’agrituristica del posto.

In alcune delle superfici interessate dagli eventi delittuosi, al momento del sequestro, erano in atto operazioni riconducibili alla progettazione di tagli boschivi.

 

 

COSENZA-07/05/2018: Nasce la “Bella Enotria”, il dolce dello Jonio ideato dal pasticciere Daniele Garofalo

COSENZA – Nasce la “Bella Enotria”, il dolce dello Jonio ideato dal pasticciere Daniele Garofalo

 
Mandorle di Amendolara, Limoni Igp di Rocca Imperiale, Arancio Biondo Tardivo di Trebisacce. Sono questi i principali ingredienti della “Bella Enotria”, il dolce tipico dello Jonio cosentino ideato e realizzato, con la passione e la competenza di sempre, dal pasticciere Daniele Garofalo. Si tratta di una torta secca (la sua versione fredda è il “Limanbio”) che si configura, per la precisione, come il dolce identitario dell’Alto Jonio cosentino, tanto da essere stato ufficialmente presentato nei giorni scorsi, nel corso di una cerimonia istituzionale, nel comune di Amendolara, alla presenza delle massime autorità.
La valorizzazione dei prodotti tipici locali, di eccellenze gastronomiche ormai conosciute e apprezzate in tutto il Paese e nel resto del mondo – quali le mandorle di Amendolara, i Limoni Igp di Rocca Imperiale e l’Arancio Biondo Tardivo di Trebisacce – rappresentano il segreto del successo di questa creazione nuova di zecca. Una vera e propria ‘perla’ nel settore, il cui merito va ascritto ad un giovane ma già affermato e unanimemente stimato pasticciere della zona: Daniele Garofalo della grande famiglia de “O’ Babà” di Corigliano, che con i suoi fratelli è il degno erede della gloriosa tradizione dolciaria partenopea.
La “Bella Enotria” – della quale si dà notizia in una nota a firma del giornalista Fabio Pistoia – è una bontà da assaporare e che certamente farà parlare di sé a livello nazionale, non poteva che essere partorita dalla mente creativa e dalle fertili mani di un pasticciere del calibro di Daniele Garofalo, la cui famiglia è oggi, a Corigliano Rossano e nell’intera Piana di Sibari, leader nel settore dolciario e, di recente, anche in quello della ristorazione. Una famiglia campana purosangue, da decenni impiantata stabilmente sulla costa jonica cosentina grazie alla caparbietà ed alla lungimiranza dell’indimenticabile capostipite Michele Garofalo, che mantiene salda la tradizione e la qualità.
In ogni storia che si rispetti, il buon gusto e i valori si tramandano in generazione in generazione. È così anche per i fratelli Enzo, Claudio, Rosario e Daniele Garofalo, impegnati con solerzia e professionalità 24 ore su 24 al servizio dei cittadini ed in nome della cordialità, sia in via Provinciale con il bar-pasticceria “O’ Babà”, sia con il ristorante “Napul’è” sito in contrada Santa Lucia. Tenendo sempre alto il principio che operare nel mondo del commercio e dell’attività col pubblico significa, anzitutto, essere innovativi. Ecco, la “Bella Enotria” ora è servita.

Cosenza-02/05/2018: Canale Stombi: iniziato l’esame delle proposte di legge

COMUNICATO STAMPA

 

Canale Stombi: iniziato l’esame delle proposte di legge

Nasce il testo Gallo-Bevacqua per risolvere problemi giuridici e tecnici

In Quarta Commissione primi passi del testo che punta a garantire la navigabilità

 

 

Una legge per risolvere i problemi giuridici e tecnici legata alla navigabilità del canale Stombi, il braccio d’acqua che unisce al mar Ionio le darsene dei Laghi di Sibari. Potrebbe venir fuori dal testo che ha unito le due proposte avanzate in Consiglio regionale, rispettivamente, dai consiglieri Gianluca Gallo e Domenico Bevacqua. La prima finalizzata a spazzar via ostacoli di natura giuridica ed amministrativa in ordine alla navigabilità dei canali interni, la seconda destinata ad assicurare risorse finanziarie utili al costante dragaggio del canale.

La fusione delle due proposte ha avuto luogo durante i lavori della Quarta commissione regionale “Ambiente e territorio”, presieduta proprio da Bevacqua. «Un punto di incontro soddisfacente – commenta Gallo – che riprende il percorso già positivamente valutato nella passata legislatura sempre dalla Quarta Commissione e tiene insieme azioni diverse ma tutte utili e fondamentali per la risoluzione delle problematiche da decenni esistenti, causa di grave penalizzazione per le attività di uno dei principali porti turistici di tutto il territorio. Il dato essenziale scaturito dalla seduta è la volontà politica di autorizzare ed assicurare la navigazione sullo Stombi».

L’esame del testo Gallo-Bevacqua è iniziato con la presentazione dei proponenti, l’intervento del vicepresidente della giunta regionale, Francesco Russo, e l’audizione dei vertici del Dipartimento Infrastrutture. A questi ultimi, anche a seguito di alcune perplessità dagli stessi sollevate in ordine a distinzioni di carattere interpretativo, è stato demandato il compito di provvedere a fornire i chiarimenti da recepire per consentire una rapida approvazione dello stesso. «Ho accolto con favore questa soluzione, non mancando tuttavia di sottolineare un passaggio», puntualizza Gallo: «Se i malanni dello Stombi si sono incancreniti lo si deve alle incertezze della burocrazia, che s’è ben guardata dall’intervenire quando in altri tempi, per risolvere problemi che si sono poi trasformate in montagne, sarebbe bastato un decreto dirigenziale. Adesso è il tempo di rimuovere ogni ostacolo ed incertezza per far spazio a chiarezza e certezze».

Nelle prossime settimane, alla luce dei richiesti approfondimenti, l’esame dell’articolato riprenderà con l’obiettivo di incassare quanto prima il via libera della Quarta Commissione. «La volontà di risolvere i guai dello Stombi per restituire vitalità ai Laghi di Sibari – chiosa Gallo – è comune a tutti i colleghi che stamani sono intervenuti durante i lavori. In particolare, oltre al presidente Bevacqua, anche Mimmo Tallini e Orlandino Greco hanno condiviso l’opportunità di fare bene e presto. Li ringrazio per la sensibilità manifestata che, ne sono certo, consentirà di raggiungere un risultato da tempo atteso».

Cosenza, 2 Maggio 2018

Avv. Gianluca Gallo

Consigliere regionale della Calabria

Cosenza-26/03/2018: Seminario gratuito a Cosenza sul metodo Montessori

Adele Sammarro

Seminario gratuito a Cosenza sul metodo Montessori

Una mattinata di studio con esperti e insegnanti a confronto per discutere della attualità di Maria Montessori e del suo Metodo.

Il seminario formativo dal tema: “Il Metodo Montessori nella scuola del XXI secolo”, organizzato da Confintesa, sarà l’occasione per riflettere sulla modernità del metodo in un momento in cui le dinamiche di pensiero e di apprendimento dei giovani e della società stanno cambiando.

L’incontro, aperto a  dirigenti, insegnanti, educatori, professionisti e genitori interessati, si terrà mercoledì 28 marzo, presso l’istituto comprensivo “Fausto Gullo” di Cosenza, alle 9:30.

L’iniziativa coordinata e diretta da Adele Sammarro, segretaria nazionale di Confintesa, accenderà i riflettori su una tematica molto attuale. “Mai come oggi – dichiara la segretaria – la richiesta di attivare numerose sezioni montessoriane è stata così viva. Questo aumento costante di interesse verso la Montessori, sembra quindi, rispondere ad un’esigenza ben precisa: ripartire dalle basi. Ripartire da un’educazione che sia in grado di fornire agli studenti gli strumenti per affrontare la realtà in cui si trovano, per potersi adattare in maniera funzionale ad un mondo che cambia sempre più velocemente senza pagarne troppo le conseguenze”.

Interverranno sul tema: Adele Sammarro, segretario nazionale e Rossella Caputo. docente di Scienze della formazione primaria.

L’evento servirà ad accendere spunti di riflessione sull’importanza della metodologia Montessoriana. Al termine del seminario ai partecipanti sarà rilasciato l’attestato utile per l’arricchimento del proprio Portfolio. Inoltre l’incontro dà diritto all’esonero come previsto dalla normativa.

 

Adele Sammarro

Cosenza-28/03/2018: Seminari Formativo di Confintesa

Cosenza-28/02/2018: Al Senato Sonia Ferrari ( di Diana Andone)

Diana Andone

Pochissimi giorni ci dividono dalle elezioni. Occorre una forte mobilitazione contro i populismi, contro la restaurazione, contro ogni forma di razzismo e a favore, soprattutto dei più deboli. Come studentessa di Scienze Turistiche prima, e Valorizzazione dei Sistemi Turistico Culturali ora, Unical, credo fortemente in chi ha deciso di scendere in campo nella competizione elettorale per la passione e per l’amore che nutre per la Calabria, consapevole delle sue grandi risorse. Sosteniamo la nostra docente, Sonia Ferrari, candidata al Senato della Repubblica, e vogliamo fortemente, anzi, pretendiamo che i medesimi Corsi di Laurea, Triennale e Magistrale vengano valorizzati. E’ una battaglia che portiamo avanti da anni, insieme ai colleghi di tutte le università italiane e Sonia Ferrari potrebbe essere per tutti noi un canale diretto ai fini della risoluzione di questa grave problematica. Coloro che si sono impegnati per noi, non sono stati onorevoli o ministri, ma sono i docenti F.T., T.R. e Sonia Ferrari. Abbiamo il diritto di essere riconosciuti come professionisti di questo settore che è il Turismo. 

Diana M. Andone 

Cosenza-21/12/2017: Nasce nella Provincia di Cosenza il Movimento Giovanile della Sinistra.

Nasce nella Provincia di Cosenza il Movimento Giovanile della Sinistra.

 In data 21/12/2017 si è tenuta la prima riunione provinciale del neonato Movimento Giovanile della Sinistra (MGS), presso la sede CGIL di Via Marconi, situata a Rende. L’incontro si è incentrato sui primi passi da muovere per la costruzione del Movimento nella provincia di Cosenza. MGS, infatti, è una realtà ormai radicata sull’intero territorio nazionale, nonostante la sua recente costituzione, la quale è avvenuta con importanti iniziative negli scorsi mesi, che si sono tenute a Bruxelles e a Pisa. La riunione è stata coordinata da Carlo Miceli, alla presenza di Venzo Morrone, coordinatore provinciale di Articolo Uno – MDP e di Walter Nocito, membro del coordinamento regionale di Sinistra Italiana. Nella discussione, inoltre, è intervenuto Mirko Riccelli, membro del Comitato Scientifico di MGS.

Abbiamo ritenuto che fosse fondamentale, anche nella nostra provincia, dare vita a questo progetto, il quale si pone l’obiettivo di riavvicinare i giovani alla politica, sia in ambito nazionale che locale, ispirandosi agli antichi ed immutati valori della sinistra: libertà e uguaglianza. Una realtà come MGS è necessaria affinché si possa creare una comunità di persone, uno spazio nel quale le ragazze ed i ragazzi possano confrontarsi ed elaborare idee e proposte, e maturare una visione del mondo aperta, inclusiva, tesa al miglioramento ed al progresso della nostra società. Riteniamo che ciò sia necessario specialmente in una Regione come la Calabria, afflitta da tanti problemi, specialmente per i giovani, i quali troppo spesso non hanno la possibilità di creare un futuro stabile e sicuro nella loro terra.

MGS, dunque, vuole dare il proprio contributo operativo ed intellettuale alla costruzione di una nuova forza politica di sinistra, e per fare questo collaborerà pienamente con Liberi e Uguali, il nuovo soggetto politico guidato da Pietro Grasso.

Il Movimento Giovanile della Sinistra è già presente in molti comuni della provincia: Cosenza, Rende, Bisignano, Acri, Paola, San Lucido, Saracena, Rocca Imperiale e Spezzano della Sila. Il radicamento di MGS, dunque, è in rapida crescita, e per questo, invitiamo tutte quelle ragazze e tutti quei ragazzi che condividano i nostri valori e la nostra passione per la politica ad avvicinarsi al Movimento, aderendo anche online sul sito nazionale di MGS.

I primi passi sono stati compiuti: una nuova storia è appena cominciata.

Cosenza-21/12/2017: In vetrina l’arte di Epeo

Cosenza-18/12/2017: Forum Mobilità & Sviluppo Cosenza – Teatro “A Rendano”

Cosenza – Teatro A. Rendano

Momento iniziativa –

Forum

Mobilità & Sviluppo

Cosenza – Teatro “A Rendano”

 

Con una qualificata partecipazione si è tenuto a Cosenza, nell’accogliente Sala Quintieri del Teatro “A. Rendano”, l’atteso forum Mobilità & SviluppoCriticità, evoluzioni e prospettive di miglioramento nei settori dell’agroalimentare d’eccellenza, del turismo ed industria culturale calabresi, indetto dal Coordinamento Calabria del centro studi del pensiero liberale.

 

Sono intervenuti all’iniziativa, moderata dallo scrivente: Osvaldo Piacentini, membro del Comitato Organizzativo Nazionale e Coordinatore Regionale del Centro Studi del Pensiero Liberale; Piercarlo Chiappetta, consigliere comunale; Vincenzo Caputo, vice Presidente, Fondatore e Tesoriere del C.s.p.l.; Demetrio Festa, docente ordinario Università della Calabria, esperto in progettazione infrastrutture e pianificazione dei trasporti; Giorgio Chambeyront, dirigente Ministero dell’Economia e delle Finanze, Presidente Collegio Sindacale S.a.cal. Lamezia Terme Airport; Mauro D’Acri, consigliere regionale con delega all’Agricoltura; Ferdinando Verardi, responsabile Sede UniPegaso di Cosenza; Maria Cerzoso, direttore Museo dei Brettii e degli Enotri; Salvatore Barbaro, responsabile provinciale (RC) del Centro Studi del pensiero liberale, esperto conoscitore degli assets economico-aziendali del porto di Gioia Tauro; Giovanni Perri, Past Presidente Federazione degli ordini dottori agronomi della Calabria e Paolo Ippolito, imprenditore vitivinicolo in Cirò (KR).

 

Nel corso del dibattito è emerso chiaramente che non può esistere sviluppo se non esiste spostamento: la mobilità è sviluppo. Quest’ultimo inteso come miglioramento del turismo enogastronomico, del segmento agroalimentare d’eccellenza calabrese, e delle sane politiche volte a creare un business legato anche ai beni culturali regionali.

Al dibattito sono stati presenti, inoltre, tutti i responsabili provinciali calabresi del Centro Studi (Aristide Vercillo Martino per Cosenza, Giorgio Isabella per Crotone, Nicola Trapasso per Catanzaro, Domenico Letizia per Vibo Valentia e il già citato Salvatore Barbaro per Reggio Calabria), imprenditori agricoli, esponenti di qualificate associazioni ed amministratori pubblici.

Il centro studi del pensiero liberale ha lo scopo – come ribadito da Caputo e da Piacentini – di ricercare, studiare e valorizzare gli elementi del pensiero filosofico e dell’etica liberale, perseguendo la rinascita di una cultura consapevole e di un impegno politico-economico e sociale diffuso.

Secondo il coordinatore regionale Piacentini <<il Centro Studi è una viva palestra comune. Esempio lampante è stato questo primo forum regionale, che ha permesso di confrontarsi, migliorarsi e promuovere una funzione sociale di Ricerca & Sviluppo. Rappresenta, quindi, un grande spazio in cui si ritrovano giovani imprenditori e professionisti che vogliono migliorare la nostra bella Italia. Sono fermamente convinto – conclude Osvaldo Piacentini – che lo sviluppo economico oggi passi per il settore agroalimentare, il turismo enogastronomico e che la cultura di comparto sia la chiave del successo>>.

 

Cosenza,  18 dicembre 2017

                                                                    SILVIO  RUBENS  VIVONE

——————————————————————————————————-

Forum

Mobilità & Sviluppo

Cosenza – Teatro “A Rendano”

__

In allegato:

  • Cosenza – Teatro “A. Rendano”
  • Alcune immagini dell’iniziativa