Category Archives: Italia

Italia-19/01/2018: MAURIZIO: PAPA NO (PER ORA), MA PREMIER SÌ.

Conclave

MAURIZIO: PAPA NO (PER ORA), MA PREMIER SÌ. 

Cari lettori, non posso aggregarmi alla pletora di candidati premier, non essendo né un delinquente, né un cafone, né un cascherino de pizzicagnolo, né, tantomeno, presidente di Camera e Senato. Non ho nemmeno un curriculum idoneo alla mia assunzione come consegnatore di pizze coi peperoni a domicilio.

Tant’è, vista la dilagante autoreferenzialità, mi propongo come suggeritore di iniziative politiche.

Allora, visto che i politici non sembrano particolarmente interessati alla defezione di votanti propongo:

Stante 100 il numero degli aventi diritto al voto, se i votanti fossero, faccio un esempio, il 52%, i parlamentari si vedrebbero decurtato lo stipendio del 48%.

Fatto 100 tale 48%, se un parlamentare risultasse assente in aula od in commissione per il 70%, si vedrebbe decurtato il corrispettivo mensile di tale quantità percentuale.

Allargo il quadro. Se Amministratori Delegati e Consigli di Amministrazioni di società a partecipazione pubblica, non incrementano i profitti dell’azienda, percepirebbero zero emolumenti. Non solo, ma se si vedessero accrescere le perdite, dovrebbero, di tasca loro, compensarle. Come avviene, normalmente, nelle imprese private.

Nel settore bancario, nel caso l’istituto dovesse, malgrado l’afflusso di soldi non suoi, andare in bancarotta, i componenti del Consiglio del Amministrazione dovrebbero andare semplicemente tutti in galera per cinquant’anni.

Aggiungo, per accodarmi alle ipotesi strampalate di crescita, che si potrebbe (meno strampalato) stabilire il prezzo della benzina come in America a 50 centesimi, e ridurre il costo dell’energia, per chi produce qualcosa, a livelli sopportabili. Certo, mi rendo conto che questo andrebbe contro la logica di chi ha messo in bolletta Enel pure la rapina a mano armata del canone tv (oltre ad una serie di altri balzelli astrusi), ma noi non candidabili ad essere Premier siamo così: utopistici. Pensiamo che sia possibile mandare a cagare questi fottuti esperti di furto con destrezza, con la forza delle idee: illusi.

Naturalmente, voi direte: “Ma fondi un partito.”. Ma, noi pensanti, siamo pigri. Mi ci vedete a raccogliere migliaia di firme? I mascalzoni lo sanno, quanto siamo svogliati. Apposta hanno messo questa regola. Non abbiamo, a differenza dei farabutti, interessi che ci spingano a mobilitarci.

Però, c’è sempre un però, il Presidente della Repubblica, come anche il Conclave dei Cardinali, possono nominare Premier o Papa chiunque, anche semplice cittadino. Il soglio papale non è attualmente disponibile, quello di Premier sì. Aspettiamo fiduciosi. La speranza è l’ultima a morire. Purtroppo muore ripetutamente.

Maurizio Silenzi Viselli

Italia-13/01/2018: GRANDE SPETTACOLO: CIRCO ELEZIONI A TRE PISTE

GRANDE SPETTACOLO: CIRCO ELEZIONI A TRE PISTE

ELEZIONI A TRE PISTE

Nel 1954 fu girato un bellissimo film con Dean Martin e Jerry Lewis: Il Circo a tre piste.

Il solito sovradimensionamento americano (pesci più grossi, salcicce giganti, auto spropositate e bombe fine di mondo), espresse allora, anche nel circo, una grandezza eccezionale.

Noi, qui, sempre un po’ in ritardo, ci siamo messi oggi all’altezza: È nato il Circo Elezioni a tre piste.

Uno scintillante spettacolo che sta entusiasmando i cittadini, depressi da una realtà tutt’altro che eccitante.

Ve lo descrivo.

Pista di sinistra.

Un buffone (nell’esilaranti false fattezze di Renzi), con le sue smorfiette gradasse, incanta i mocciosi che in quel settore affollano gli spalti.

Con le mammine, certo, che, occhieggiando il pagliaccio sottopanni, sognano un suo invito in trattoria. Da scompisciarsi.

PAGLIACCIO

Di contorno al clown, un bambacione (nell’esilaranti false fattezze di Grasso) ed una citrulla (nell’esilaranti false fattezze della Boldrini) lo sbeffeggiano con frasette deficienti, ma molto divertenti.

Sulla pista di destra.

Un barbuto e baffuto Buffalo Bill (nell’esilaranti false fattezze di Salvini), a cavallo di un caval, cerca di acciuffare il bandito Jesse James (nell’esilaranti false fattezze di Berlusconi). Ostacolato nella caccia al criminale da una banda di nani e ballerine che, con facce da pupazzi e denti di gesso, intralciano il Buffalo con sgambetti e scivolose saponette gettate tra le zampe del destriero. Spassosissimo.

Nella pista centrale.

Tutto il mondo commovente dei cani, foche e pulci ammaestrate sollazza quel settore del circo con le loro deliziose mossettine, saltini e leccatine. Sempre premiate con lo zuccherino.

In alto, volteggiano, impavidi, giovani e vecchi trapezisti che cercano di agguantare il manico oscillante nel vuoto (nell’esilaranti false fattezze del fine mese), nella maggior parte dei casi sfracellandosi sulla pista tra la commozione morbosa degli spettatori (nell’esilaranti false fattezze di ricchi). Emozionante.

Ma anche fuori del gigantesco tendone si articolano spettacoli fantasiosi.

Un terrificante domatore, dalla zazzera bianca al vento, cerca di ammaestrare delle belve feroci ed incazzate (j’hanno levato pure le mutanne), cercando di farle stare ritte sui sgabelloni o saltare nei cerchi di foco (nelle esilaranti false fattezze di città italiane tipo Roma o Torino). Molto elettrizzante.

Un mago prestigiatore (nell’esilaranti false fattezze di Gentiloni) cerca di convincere dei beccaccioni con le facce da scemi, di essere diventati ricchi, mentre il suo assistente (nell’esilaranti false fattezze di Padoan), rifila, nelle tasche dei gonzi, soldi del monopoli stampatI nel retro da un tipografo dagli occhi roteanti (nell’esilaranti false fattezze di Draghi). Patetico.

Nella tournée calabrese si potrà ammirare, esposta all’ingresso sospesa ad un pallone aerostatico, una gigantesca statua di sale con la faccia di bronzo (nell’esilaranti false fattezze di Oliverio), che narrerà, in disco, le spassose e sgrammaticate gesta di una sua armata Brancaleone di Alto Profilo carnevalesco. Da non perdere.

STATUA DI SALE

Che spettacolo signori miei! Repliche fino al 4 marzo.

Maurizio Silenzi Viselli

Italia-11/01/2018: MAURIZIO SILENZI VISELLI. RAPPEZZA NEWS. OLIVERIO RINGRAZIA. DALLA RUSSIA CON ERRORE. LAVORO?! MACRON IL GALLO.

MAURIZIO SILENZI VISELLI. RAPPEZZA NEWS. OLIVERIO RINGRAZIA. DALLA RUSSIA CON ERRORE. LAVORO?! MACRON IL GALLO.

Operazione Stige, Oliverio ringrazia Forze dell’ordine e magistratura

Catanzaro Informa.

La campagna di Oliverio finanziata dalla ditta in odor di mafia.

L’AltroCorriere.

 

GRAZIE DEI CEPPI (Sanremo 2018)

Testo ed interpretazione di Nillo Pizzo (calabro)

Tanti ceppi

in questo giorno abbiamo ricevuto,

ma i più belli ce li hai mandati tu, Gratteri.

Grazie dei ceeeppi,

fra tutti gli altri li ho riconosciutiii,

ci han fatto male eppur li abbiam graditiii,

son ceppi giusti e parlano di noi.

E grazie ancooor,

che in questo giorno tu m’hai ricordatooo,

che presto o tardi noi li subiremooo,

perché vuoi tormentare il nostro cuor.

In mezzo a questi ceppi, ci son tante mazzette,

memorie un po’ lucrose, di noi un po’ sfaccendatiii,

memorie danaroseee, di chi c’ha sempre fameee.

Son pagine pietose,

con la parola fineee…

Conferenza Stige

USA, rapporto Dem: “Possibili interferenze russe nelle prossime elezioni politiche in Italia”.

La Repubblica.

ИТАЛИИ ДОЛЖНЫ ГОЛОСОВАТЬ ДЛЯ КОММУНИСТИЧЕСКОЙ ПАРТИИ.

(L’ITALIA DEVE VOTARE PER IL PARTITO COMUNISTA).

НЕТ БОЛЬШЕ?

(NON C’È PIÙ?)

КАПУСТА!

(CAVOLO!)

Campagna elettorale

Di Maio sulle pensioni propone “Quota 41”. Pensioni dopo 41 anni di lavoro.

PANICO IN PARLAMENTO: “A LAVORÀ?! DOVEMO ANNÀ A LAVORÀÀÀ?! MA CH’È MATTO QUESTO?”

Fannulloni

Macron a Roma, visita alla Domus Aurea; “È magnifica: testimonianza del genio europeo”.

La Repubblica.

A SOR COSO, PRIMO, LA DOMUS AUREA È LA TESTIMONIANZA DELLA FINE DELLA GENIALE GRANDEZZA ROMANA, STUDIA!

POI, ANCORA IN QUEL MOMENTO, VOI GALLI STAVATE ANCORA NELLE CAPANNE DI FANGO, PAGLIA E STERCO DI VACCA.

LEGGETE LA STORIA INVECE DE DÌ SCEMENZE.

Macron il Gallo

 

 

Mondo-08/01/2018: CHRISTIE’S RIFILA UNA CROSTA E METTE PEZZA A COLORE

CHRISTIE’S RIFILA UNA CROSTA E METTE PEZZA A COLORE

 

Un dipinto intitolato Salvator Mundi, dopo essere passato dalla sua scomparsa alla riemersione una sessantina di anni fa (e venduto per 50 dollari, ben più seriamente da Sotheby’s), dopo un restauro, è stato dichiarato da Christie’s opera di Leonardo da Vinci e rifilato al museo arabo Louvre Abu Dhabi per 450 milioni di dollari.

La famosa casa d’aste, forse qualcuno lo ricorderà, è quella che qualche mese fa ha messo in dubbio la mia attribuzione a Raffaello ed a suo padre Giovanni de’ Santi di un dipinto da me scoperto in Calabria.

Oggi, non paga di essersi permessa di contraddirmi, risponde, con una pezza a colore, alle critiche che alcuni studiosi hanno avanzato alla sua attribuzione della crosta a Leonardo (più sotto la riporteremo).

Dunque vediamo. Ecco il dipinto.

Salvator Mundi

Potete notare, nella mano sinistra del soggetto, una sfera di vetro solido.

Ebbene, tenendo conto che Leonardo proprio in quello stesso periodo stava ossessivamente studiando, come suo solito, i principi ottici, e come la luce si riflette e rifrange, si è evidenziato l’errore, che lui incredibilmente avrebbe commesso, facendo trasparire il vestito e le sue pieghe dietro alla sfera, come attraverso un vetro piatto, senza le deformazioni che invece si dovrebbero verificare. Ecco il particolare.

Particolare della sfera.

Questa grossolana inesattezza, oltre alle altre chiarissime ed infantili deficienze compositive, di postura piatta del viso, di proporzioni (mano destra abnorme), esclude, almeno a chiunque dotato di una minima logica di osservazione, che Leonardo da Vinci possa aver dipinto quella crosta.

Per chiarire meglio il ragionamento vediamo di procedere ad una dimostrazione pratica, che, presumibilmente lo stesso Leonardo avrebbe percorso.

In questa foto, nella quale mi poso a Salvator Veritatis crustae,

Salvator Veritatis crustae

potete ben notare come la sfera di vetro rifranga tutto il possibile, meno quanto posto dietro di lei. Come ad esempio la GO di DIEGO, completamente scomparsa.

Non solo, ma anche posando una sfera direttamente su di un tessuto, cosa che non avviene nel dipinto, ad esempio su di una camicia a righe parallele,

Sfera su camicia

si vede come esse vengano rifratte deformate in modo grottesco.

La pezza a colore di Christie’s? “Il Maestro ha sfumato sulla sfera per evitare distrazioni”.

Beh, certo, mai essere distratti, come quel padre che quando la figlia gli comunicò di essere incinta le chiese” Sei sicura che sia tuo?”.

L’osservatore “distratto” potrebbe pericolosamente chiedere: “Siete sicuri che sia suo?”.

Affettuoso consiglio non richiesto al Louvre Abu Dhabi: al posto del falso Salvator metta un ingrandimento al naturale della mia perfomance da vero Salvator.

Sul prezzo ci metteremo sicuramente d’accordo.

Maurizio Silenzi Viselli architetto

Italia-06/01/2018: MAURIZIO SILENZI VISELLI. RAPPEZZA NEWS. PADRI E MATRIGNE DELLA COSTITUZIONE. REGALI DI VOTO (DI SCAMBIO). TROMBONI IGNORANTI E MALEDUCATI.

MAURIZIO SILENZI VISELLI. RAPPEZZA NEWS. PADRI E MATRIGNE DELLA COSTITUZIONE. REGALI DI VOTO (DI SCAMBIO). TROMBONI IGNORANTI E MALEDUCATI.

RAPPEZZA NEWS

  

Enrico De Nicola firma la Costituzione alla presenza di Alcide De Gasperi ed Umberto Terracini (nostro vicino nella casa di campagna).

De Nicola, come primo atto da Capo dello Stato rifiutò l’appannaggio di 12 milioni di lire, e quando tornò, a fine mandato, con la sua 1100 nera, a Torre del Greco, indossava ancora lo stesso soprabito rivoltato del 1946.

COME DIRE: DAI “PADRI COSTITUENTI” ALLA “MATRIGNA COSTITUENTE”.

Enrico De Nicola firma la Costituzione

“Aboliremo il canone Rai”. Renzi prepara il colpo di teatro per la campagna elettorale.

LANOTIZIAgiornale.it

CONTRORDINE COMPAGNI!

Regali

“Luce sull’Archeologia – Roma ed il Mediterraneo”: sette incontri di storia ed arte dal 14 gennaio al Teatro Argentina.

Comune.roma.it

I SOLITI TROMBONI CHE SI PARLANO ADDOSSO, METTONO, COME IMMAGINE DEL CONVEGNO, UN MOSAICO DEL FARO DI OSTIA.

SENZA CITARE, NÉ, DIO NE GUARDI, INVITARE, L’UNICO CHE HA CHIARITO L’ESISTENZA E LA POSIZIONE DI QUEL FARO (“IL PORTO DI ROMA”; NEWTON & COMPTON EDITORI).

DOVE PUÒ ANDARE UNA NAZIONE GUIDATA DA IGNORANTI E MALEDUCATI DEL GENERE?

Faro di Ostia

 

 

Italia-30/12/2017: 2018: NUOVO ANNO “SENZA”

2018: NUOVO ANNO “SENZA”

Forza Italia!

In uno spot pubblicitario in tv viene proposta una maionese senza uova e senza olio d’oliva. Molto originale, considerando che sono gli unici due ingredienti della ricetta per la nota salsa (oltre ad un aroma di aceto).

Il “senza” sembrerebbe investire molte altre preparazioni: dolci “senza” zucchero, formaggi “senza” grasso (contraddizione in termini).

Come tutte le mode la loro applicazione si amplia in altri campi dell’umana società.

“Senza” futuro. Per i giovani che, usati precariamente, si vedono costretti a lentamente “morire alla giornata”. Come anche i poveri, gli ultimi, i “senza” tetto, che a milioni sgranano la loro vita come un inutile calvario.

“Senza” passato. Nell’ultima copertina dell’Espresso viene augurata, con il nome di un partito: “Forza Italia!”, una nazione composta da Africani, Cinesi, Indiani ed Arabi; bambini, per solleticare una tenerezza suggerita dalle Multinazionali che, per arrivare a vendere i loro prodotti ad un futuro “Homo Unicus” privo di tradizioni, mettono in campo tutte le loro risorse economiche e strategiche. Quale storia passata insegneremo in classi del genere? Una storia negata del Cristianesimo, dell’Islamismo e di ogni altra religione reciprocamente offensiva. Una storia negata di ogni qualsiasi urtante riferimento di conflitti tra le parti. Una storia del nulla. Una geografia decurtata di ogni componente territoriale; un mondo sottovuoto ancora privo della presenza umana.

“Senza” lingua italiana, diventata campo di conquista da parte di consonantici gerghi barbaramente derivati da una stessa luminosa matrice latina.

“Senza” invasione. Durante l’ultima guerra mondiale con 150.000 uomini si sviluppò l’invasione, con lo sbarco in Normandia delle ingenti forze necessarie alla sconfitta di Hitler. Oggi, con circa 180.000 sbarchi in Italia ogni anno, si parla di positiva accoglienza. Senza che nessuno sia in grado di esporre i vantaggi di tale immigrazione in una Nazione stremata dalla mancanza di lavoro, da 10 milioni di poveri, e dalla fuga all’estero dei suoi giovani laureati.

“Senza” la coscienza che il vero razzismo viene praticato nel considerare poveri inferiori quegli emigranti a cui concedere il premio dell’accesso ad una nostra presunta superiore cultura, “senza” evidenziare invece lo straziante sradicamento dalla loro.

“Senza” sapere e pensiero, con sedicenti filosofi da Talk Show e pensieri espressi in battibecchi da pollaio.

“Senza” crescita economica, sempre falsamente promessa, o, peggio, pateticamente annunciata, “senza” evidenziare la criminale emissione da parte di Draghi di stratosferiche quantità di carta straccia moneta, propedeutiche all’inesorabile prossima esplosione inflattiva.

Mentre cose di cui staremmo volentieri “senza”, quelle no: restano.

“Resta” una classe politica rapace, ignorante e, “senza” vergogna, corrotta.

“Resta” una malavita sempre più impunita.

“Resta” una Camorra, una N’drangheta ed una Mafia che gestiscono prostituzione, droga e gioco d’azzardo (con, in quest’ultimo affare, concorrente solo un ridicolo Stato biscazziere).

“Resta” un devastante debito pubblico che sale vertiginosamente minuto per minuto.

“Resta” un’affliggente tassazione statale e comunale che di fatto sottrae l’80% dei guadagni, per realizzare opere fatte male ma al costo doppio di altri paesi, o per finanziare una burocrazia ostacolo essa stessa alla crescita economica.

“Senza” scherzi, vi auguro Buon Nuovo Anno.

Maurizio Silenzi Viselli

 

Italia-27/12/2017: MAURIZIO SILENZI VISELLI. RAPPEZZA NEWS. LA SICILIA SI ALLONTANA. RENZI CORRE, CORRE. CANDIDATI GOVERNATORE.

MAURIZIO SILENZI VISELLI. RAPPEZZA NEWS. LA SICILIA SI ALLONTANA. RENZI CORRE, CORRE. CANDIDATI GOVERNATORE.

RAPPEZZA NEWS

La Sicilia si sta allontanando dalla Calabria

La Repubblica.

«La scoperta del Cnr mette la parola fine al Ponte sullo Stretto»

Quotidiano del Sud

MA NO: INVECE DELLA GOMMA DEL PONTE…

Brooklyn gomma del ponte

 

 

…SI FARÀ IL PONTE DI GOMMA (CON LEGGERO SOVRAPPREZZO).

Ponte di gomma

Camere sciolte tra una settimana, Renzi correrà per fare il senatore

La Stampa

MA NDÒ CORRE?! NON VOLEVA ABOLIRE L’INUTILE SENATO? E NON SI DOVEVA RITIRARE DALLA POLITICA?

Corri zucca

PRIMARIE | Ecco i 20 nomi per la poltrona di governatore (virtuale)

L’AltroCorriere 

SCEGLIETE, COME SEMPRE, CON LA MASSIMA ATTENZIONE.

CANDIDATI

Italia-22/12/2017: ANNO NUOVO: UN “PASSEGGERE” ED UN VENDITORE D’ALMANACCHI.

Sogno italiano

ANNO NUOVO: UN “PASSEGGERE” ED UN VENDITORE D’ALMANACCHI.

 

Cari amici vi scrivo,

così mi distraggo un po’,

e siccome siete molto lontani,

più forte vi scriverò,

l’anno vecchio è quasi finito,

ma qualcosa ancor non va…

Già, ma cosa? Chiederete voi. E come potrebbe andar meglio? Dunque ascoltate.

Ero “passeggere”, qualche giorno fa, in attesa del treno per Taranto, quando sentii la voce di un venditore d’almanacchi: «Almanacchi, almanacchi, nuovi; lunari nuovi. Bisognano, signore, almanacchi?».

«Almanacchi per l’anno nuovo?».

«Sì signore.».

«Credete che sarà felice quest’anno nuovo?».

«Oh illustrissimo si, certo.».

«Più felice di quelli passati?».

«Molto, molto di più, signore.».

«Ah, allora sarà tre volte Natale, e festa tutto il giorno? Ci sarà da mangiare, e luce tutto l’anno?».

«Lei, signore, mi vuol canzonare col testo di Lucio Dalla, ma le assicuro che sarà un anno migliore, perché finalmente abbiamo tutti capito.».

«Ah sì, e che cosa abbiamo capito?».

«Vede, pensavamo di poter contare, come in America, su di un sogno Italiano.».

«Lo sento ora per la prima volta. Cosa sognavamo?».

«Io, per esempio, quando hanno fatto Premier un cascherino di pizzicagnolo, ho pensato: allora anch’io, piccolo venditore ambulante, lo potrei diventare. Come in America capisce? Dove ognuno può sognare di essere eletto Presidente. E la mia sorellina? Tutto il giorno a sgobbare dietro una cassa del supermercato? Quanto si è riconciliata col destino vedendo che una come lei veniva incaricata di riscrivere la Costituzione! Ce la posso fare! Si è detta. E mio padre, che gestisce un’osteria di ubriaconi? Quando ha visto che un panzone ignorante come lui veniva fatto Presidente di Regione? Sembrava ringiovanito nella speranza.».

«Beh, certo. Anche se a me, parere personale, sembrerebbe più un incubo che un sogno.».

«Ma bravissimo signor passeggere. Vede? Ora che abbiamo capito che non può essere così, e che i cascherini di pizzicagnolo è bene che vadano semplicemente a consegnare mortadelle e salcicce a domicilio, e che se li si mettono a capo di una Nazione fanno disastri, possiamo sperare che gli anni a venire siano migliori, molto migliori.».

«Ora ho capito. Dunque mostratemi l’almanacco più bello che avete.».

«Ecco, illustrissimo. Cotesto vale tre euro.».

«Ecco i tre euro.».

«Grazie illustrissimo: a rivederla. Almanacchi, almanacchi nuovi; lunari nuovi.»

Vedete cari amici, sempre con Lucio Dalla,

cosa mi devo inventareee?

Per poterci ridere sopraaa?

Per continuare a sperareee…?

Buon Anno a tutti.

Maurizio Silenzi Viselli

 

Italia-20/12/2017: MAURIZIO SILENZI VISELLI. RAPPEZZA NEWS. PRESSIONI DELLA BOSCHI? OTTIMA RIUSCITA DEL CONCERTO DI TROMBONI.

MAURIZIO SILENZI VISELLI. RAPPEZZA NEWS. PRESSIONI DELLA BOSCHI? OTTIMA RIUSCITA DEL CONCERTO DI TROMBONI.

RAPPEZZA NEWS

Banca Etruria, Finocchiaro pro Boschi: “Non ha mai fatto pressioni.”.

Notizie.it

“MI CHIEDEVO, SENZA FARLE PRESSIONI, SE LEI POTESSE…”.

Consiglio senza pressioni

Ottima riuscita dell’ incontro culturale organizzato a Sibari dalla SIPBC-Calabria.

Sibarinet.it

ALLA PRESENZA DI UN NUTRITO PUBBLICO DI CIRCA 30 PERSONE, COMPOSTO DA APPASSIONATI COGNATI, ZII E SORELLE DEI CONFERENZIERI, SI È SVOLTA L’ESPOSIZIONE DEI RISULTATI DEL NUOVO SISTEMA DI SCAVI ARCHEOLOGICI: QUELLO COSTITUITO DALLA TRINCEE DRENANTI, REALIZZATE AL FINE DI SVUOTARE IL MARE RITROVATO NEL ZONA PORTUALE DELLA SYBARIS ARCAICA (ZONA POI RIUTILIZZATA DA THURII E COPIA ROMANA PER GLI STESSI SCOPI MARINARESCHI).

PUBBLICO

 

Italia-09/12/2017:Enza Bruno Bossio: In Italia sono ancora scarsi gli ambiti di attuazione delle leggi in materia di digitalizzazione delle PA, ed ancora meno le competenze delle risorse umane appositamente formate sull’applicazione della normativa esistente.

Enza Bruno Bossio: In Italia sono ancora scarsi gli ambiti di attuazione delle leggi in materia di digitalizzazione delle PA, ed ancora meno le competenze delle risorse umane appositamente formate sull’applicazione della normativa esistente.

 

La Commissione parlamentare d’inchiesta sul livello di digitalizzazione e innovazione delle Pubbliche Amministrazioni della Camera ha presentato, nella sede del CNEL, la relazione finale delle attività, nell’incontro organizzato dalla Scuola Nazionale di Amministrazione Digitale (SNAD) dell’Università di Roma Unitelma Sapienza. In questa occasione l’onorevole Enza Bruno Bossio, parlamentare del PD, illustrando il lavoro di un anno di indagine nelle pubbliche amministrazioni, ha evidenziato le criticità, i risultati raggiunti e la spesa attuale impiegata nel digitale. 

Enza Bruno Bossio, componente della Commissione, ha inoltre sollecitato il Governo ed il Parlamento nel portare avanti le azioni intraprese negli ultimi anni nel rafforzamento di una governance sempre più digitalizzata anche dal punto di vista legislativo, aggiornando la struttura delle commissioni permanenti e prevedendone una appositamente dedicata ai temi del digitale. “Solo attraverso una semplificazione dei processi amministrativi in funzione delle esigenze del cittadino, ed una razionalizzazione della spesa sull’innovazione della PA è possibile portare avanti l’obiettivo principale di digitalizzazione della pubblica amministrazione – ha sostenuto la Bruno Bossio – con azioni organizzative che precedano l’investimento e prevedano risorse e competenze preparate ad affrontare il cambiamento atteso”.

E’ necessario ripensare ai processi semplificandoli – prosegue la Bruno Bossio – e non digitalizzare i processi esistenti, progettando nuove piattaforme che mettano al centro i bisogni dei cittadini e delle imprese e non solo i procedimenti amministrativi. Se non si immagina l’Italia come un unico ecosistema digitale nella relazione tra PA, imprese e cittadini, gli investimenti ITC rischiano di essere causa di costi aggiuntivi e non sostitutivi.

Il digitale, come più volte ripetuto, non rappresenta più un settore specifico dell’economia: è il fulcro stesso dell’economia” – conclude Enza Bruno Bossio, e solo dentro questa visione strategica si può  individuare il percorso su cui sviluppare i prossimi investimenti in ICT”