Category Archives: Montalto Uffugo

Montegiordano-08/03/2014:GLI ANZIANI, UNA RISORSA ECONOMICA DA NON SPRECARE!

GLI ANZIANI, UNA RISORSA ECONOMICA DA NON SPRECARE!

Relazione tenuta dal dott. Antonio Farina al convegno: “POLITICHE AMMINISTRATIVE E LAVORO” che si è svolto a Montegiordano marina l’08 marzo 2014.

TABELLA DELLE PERSONE CHE HANNO UNA ETA’ COMPRESA TRA I 60 E100 ANNI A MONTEGIORDANO.

ETA’                                     MASCHI            FEMMINE                TOTALE
TRA I 60 ED I      70 ANNI                     144                     133                          277
TRA I 70 E GLI    80 ANNI                     104                     147                          251
TRA GLI 80 ED I 90 ANNI                       84                     117                           201
TRA I 90 ED I   100 ANNI                       14                        21                             35
TOTALE                                                  345                     418                           764

Su di un totale di 1950 abitanti residenti a Montegiordano,le persone che superano i 60 anni sono 764 ( una diecina di loro  attualmente dimorano nelle strutture “CASE RIPOSO”: di Rocca Imperiale, Oriolo e Roseto Capo Spulico).  Complessivamente  rappresentano il 39 % dell’intera popolazione.
Per conoscenza diretta di  tutte le persone che sono inserite nella tabella, posso affermare quanto segue:

A)    Le persone comprese tra i 60 ed i 70 anni non hanno grossi problemi. Infatti, tranne qualcuno che è affetto da non gravi patologie cardiache, da malattie metaboliche o di tipo ormonali, tutti godono  buona salute. Sono persone autonome, efficienti e quasi tutte sono  impegnate in attività lavorative sia nel settore pubblico e sia nel settore privato;

B)    Le persone comprese tra i 70 e gli 80 anni manifestano qualche problema in più rispetto ai precedenti, ma tutto sommato, tranne in pochi casi che necessitano di assistenza, la vita che  conducono è più o meno uguale alla classe precedente;.

C)    Problemi  gravi o gravissimi si riscontrano, invece, tra  le persone comprese tra  gli 80 ed i  100 anni, che sono 236 unità e rappresentano il 12% dell’intera popolazione. In questa fascia di età le patologie della senilità si fanno più evidenti e sono galoppanti.  Le persone perdono le forze, la lucidità, l’efficienza e qualcuno anche  l’autonomia. Per la maggior parte di loro è necessaria una continua assistenza. Per una serie di ragioni che non sto qui ad elencare, ma è facile da immaginare, oggi le famiglie affidano i loro cari a lavoratrici, prevalentemente straniere, qualificate come “badanti”, che hanno il compito di accudirli  24 ore su 24. A queste lavoratrici deve andare un grande ringraziamento per l’opera meritoria che svolgono. Tuttavia,  ritengo che per gli anziani di oggi, e  per quelli che diventeranno vecchi domani, necessita una politica sociale diversa da quella che attualmente viene  praticata con Il “servizio  badanti” che, a mio avviso,  sta diventando   una grossa piaga sociale per la collettività del nostro paese. Infatti, se da una parte si è risolto parzialmente il problema della sorveglianza dell’anziano, dall’altro, si stanno condannando i nostri vecchi alla completa solitudine della quale sono tremendamente ossessionati. Perciò, Per farli stare meglio e  farli vivere più a  lungo nel loro ambiente, senza creare loro  grossi  disagi,  è necessario perseguire nuove strade che, secondo il mio modesto parere, essendo anche un esperto del settore,  in quanto medico, necessitano  di essere esplorate.

Si può agire a tre livelli:

A)   realizzare centri  di aggregazioni diurni (uno in paese ed uno in marina) per le persone autosufficienti;

B)    praticare per coloro i quali non intendano frequentare i centri servizio a domicilio;

C)    creare strutture ove le persone non autosufficienti possano essere seguite 24 ore su 24.    

In merito al punto A, un servizio misto, costituito da privati e dall’Amministrazione comunale, potrebbe  dar vita ad una buona soluzione  tale da permettere agli anziani di vivere meglio. In pratica, l’Amministrazione comunale dovrebbe  mettere a disposizione dei locali (scuole o quant’altro) attualmente chiusi, ed effettuare un servizio navetta due volte al giorno, da e per le case degli anziani che intendano usufruire dei servizi offerti  dai centri. I privati, invece, attraverso la costituzione di una cooperativa di lavoratori, con personale specializzato e non, dovrà garantire tutti i servizi previsti nei centri anziani ( mensa, intrattenimento sociale, ecc).

Cosa ci guadagnano le persone della terza età con un servizio così organizzato? Facciamo un po’ di conti.

Costo annuale di una badante:

stipendio annuale € 600.00 X 12 mensilità                                   €  7.200.00
tredicesima mensilità                                                                        €     600.00
una mensilità per il TFR                                                                     €     600.00
quattordici mensilità per contributi  € 130 X 14                           €   1.820.00
costo per vitto e alloggio, spesa media mensile € 300.0 X 12    €   3.600.00
—————
totale anno                                                                                          €  13.820.00

A questo costo annuale bisogna aggiungere il costo che la famiglia deve accollarsi per il mese di  ferie che spetta alla badante,  che in qualche modo necessita sostituire con un’altra lavoratrice, oppure il servizio dovrà essere svolto dai familiari. Inoltre, bisogna considerare che una badante ha diritto ad una giornata di riposo settimanale e ad un’ora di permesso giornaliero.  Se si sommano le giornate feriali, le giornate di riposo settimanali e le ore di permesso che la badante  ogni giorno deve usufruire per le sue piccole necessità, si raggiungono la bellezza di tre mesi all’anno in cui essa, pur non esercitando alcuna  attività lavorativa,  percepisce una retribuzione. In pratica lavora nove mesi all’anno e percepisce uno stipendio  di 14 mensilità.  In conclusione, al costo fisso per il lavoro svolto  da una badante,  alla solitudine a cui  l’anziano viene confinato con questo sistema, alla perdita dei gusti, dei sapori e degli aromi in quanto una badante non è in grado di cucinare cibi tradizionali, per le famiglie si devono aggiungere  tre mesi di disagio a cui in qualche  devono fare fronte.

Cosa  offre un centro sociale alle persone della terza età e alla comunità intera.

Vantaggi

1)    Riduzione della spesa complessiva annuale a solo (€ 600.00 X 12 mensilità)      € 7.200.00, più il costo del servizio navetta;

2)    creazioni di   posti di lavoro. Un lavoratore o una lavoratrice del nostro paese, che hanno impegni familiari, non possono esercitare la professione di badanti, ma sicuramente sarebbero disponibili a lavorare 5 o 6 ore al giorno;

3)     ricchezza per il territorio. Attualmente gli stipendi percepiti dalle badanti  vengono trasferiti nei loro paesi d’origine con il conseguente impoverimento del paese;

4)    si eviterebbe la solitudine in quanto le persone si conoscono tutti e possono parlare tra loro del loro vissuto;

5)    si possono  consumare  piatti dai gusti e sapori tradizionali;

6)      si possono praticare attività motorie o altre attività ricreative che sicuramente farebbero bene alla mente ed al fisico.

In conclusione si può affermare   che dalla comparazione dei due servizi, la soluzione migliore  per un servizio più efficiente è quella fornita dai centri di aggregazione, la quale risulta sicuramente più vantaggioso per l’anziano e per la comunità.
In merito al punto B, la stessa cooperativa dovrebbe consegnare il pasto a mezzogiorno e la cena alla sera ed effettuare la pulizia della casa ed il cambio della biancheria.

Ben più complesso sarà la organizzazione del servizio riguardante il punto C, ma con la buona volontà tutto si può fare. Bisogna   credere ed essere decisi nelle cose che si vogliono realizzare!

Montalto Uffugo-24/11/2012: Colletta Alimentare: risposta generosa.

Associazione Banco Alimentare della Calabria – Onlus via A. De Napoli, Loc. Pianette – 87046 Montalto Uffugo (CS)

Tel. 0984-404.077 – info@calabria.bancoalimentare.it

 

Comunicato Stampa

 

La carica dei volontari, tra crisi e solidarietà. Potrebbe essere intitolata così la Giornata Nazionale della Colletta Alimentare che ha preso il via questa mattina in tutta Italia e nella nostra regione.

Più di tremila volontari in queste ore stanno presidiando gran parte degli ingressi dei super e degli ipermercati della Calabria. Dopo aver indossato la ormai celebre pettorina gialla, hanno cominciato a distribuire i sacchetti di plastica gialli sin dall’apertura dei centri commerciali chiedendo a quanti si stanno recando a fare la spesa di contribuire alla raccolta della Giornata Nazionale della Colletta Alimentare dando ciò che ognuno può per i poveri e i meno abbienti della nostra regione.

Nonostante la crisi, la risposta che abbiamo registrato finora è stata davvero molto generosa.

“Paradossalmente –ci ha detto Gianni Romeo, Direttore Generale del Banco Alimentare Onlus- In un periodo di crisi come quello che tutto il Paese e in particolare il Mezzogiorno e la Calabria stanno attraversando, la disponibilità e la generosità dei cittadini aumenta. C’è una maggiore presa di coscienza delle difficoltà cui tante famiglie devono quotidianamente affrontare e in molti cresce il desiderio di fare qualcosa, anche piccola, per aiutarle ad uscire dal tunnel della povertà e della disperazione. Ormai tutti sanno cos’è la Giornata della Colletta Alimentare e non c’è nemmeno più bisogno di spiegare cosa devono fare. Di fronte ai bisogni la solidarietà si amplifica e la gente si mobilita”.

“Tantissimi giovani, madri e padri di famiglia e anche qualche nonno col nipotino –ha concluso Romeo- dopo aver fatto la spesa si fermano con noi per aiutarci e diventano essi stessi protagonisti della raccolta. E’ un vero e proprio spettacolo di carità e solidarietà”.

La raccolta continuerà fino alla chiusura dei centri commerciali. Per partecipare alla colletta gli organizzatori consigliano di acquistare alimenti non deperibili e a lunga scadenza. Non si accetta denaro. Si preferiscono invece generi alimentari come omogeneizzati, olio, alimenti per l’infanzia, pesce e carne in scatola, pelati, sughi e legumi in scatola.

Questo importante evento, che gode dell’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica, é reso possibile grazie anche alla collaborazione dell’Esercito Italiano e alla partecipazione di decine di migliaia di volontari aderenti all’Associazione Nazionale Alpini, alla Società San Vincenzo De Paoli e alla Compagnia delle Opere Sociali.

Cosenza, 24.11.2012

L’Ufficio Stampa

 

Montalto Uffugo-24/11/2012:la Giornata della Colletta Alimentare

Associazione Banco Alimentare della Calabria – Onlus via A. De Napoli, Loc. Pianette – 87046 Montalto Uffugo (CS)

Tel. 0984-404.077 – info@calabria.bancoalimentare.it

GIANNI ROMEO Direttore Generale Banco alimentare Calabria: 34668895041

 

Comunicato Stampa

 

Domani, sabato 24 novembre, in tutta Italia e in Calabria si ripeterà l’appuntamento con la Giornata della Colletta Alimentare.  Un gesto di educazione popolare alla carità che gode dell’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica ed é reso possibile grazie anche alla collaborazione dell’Esercito Italiano e alla partecipazione di decine di migliaia di volontari aderenti all’Associazione Nazionale Alpini, alla Società San Vincenzo De Paoli e alla Compagnia delle Opere Sociali. Nonostante il momento di crisi gravissima che sta mettendo in ginocchio le nostre popolazioni riaffiora tra la nostra gente una grande capacità di condivisione, che è segno di grande speranza  per tutti.  In Italia, grazie all’aiuto di più di 130.000 volontari, nel 2011 il Banco Alimentare ha raccolto 9.600 tonnellate di prodotti alimentari, il 2% in più rispetto all’edizione del 2010.  Il cibo raccolto è stato distribuito ad oltre 8000 strutture caritative convenzionate con la rete del Banco Alimentare che assistono un milione e 400 mila indigenti.

Nella nostra regione sono stati raccolti 170 mila chili di prodotti, con una leggera flessione di quasi 10 mila chili rispetto all’anno precedente, sebbene sia aumentato  il numero dei supermercati da 438 a 479 e, cosa ancor più significativa, il numero dei volontari che ha toccato quota 3479 rispetto ai 3000 nel 2010.

Dei 4.251,061 Kg prodotti assegnati (nel 2010 t 4.227), al 31 dicembre 2011 ne sono stati distribuiti 3.343,153.718 Kg. La differenza di Kg 854.425,536 è stata distribuita nel 2012 a 646 Enti socio assistenziali convenzionati,  per un numero di assistiti pari a 126.106 e per un valore commerciale pari a € 10.029,461.

I prodotti raccolti e distribuiti sono consistiti principalmente in: pasta, riso, latte, burro, formaggio (grana, provolone e pecorino), biscotti, fette biscottate, zucchero, olio di mais, tonno, pelati, legumi in scatola, omogeneizzati e prodotti per l’infanzia, frutta (mele, Kiwi, pere, arance, mandarini, limoni, angurie) patate, surgelati.

Ma la vera, grande ricchezza di cui l’Associazione dispone sono i volontari. Una rete di uomini  e donne, soprattutto giovani, che hanno deciso di donare ore del loro tempo libero per realizzare tutto quanto è stato fatto fino ad oggi. Senza di loro, non esisterebbero magazzini, non ci sarebbe chi ritira gli alimenti, chi li consegna agli Enti, chi coordina tutte le attività intraprese.

Domani questo esercito di volontari con le pettorine gialle presiederà i supermercati delle nostre città e dei paesi che hanno aderito alla Giornata della raccolta alimentare e consegneranno a quanti faranno la spesa un sacchettino giallo in cui ognuno potrà mettere quello che vuole e che può.  Un po’ di olio, pasta, legumi o carne in scatola serviranno a far felice chi ha più bisogno di noi.

Cosenza, 23.11.2012

L’Ufficio Stampa