Category Archives: Rocca Imperiale

Rocca Imperiale-22/02/2018: Nasce l’associazione studentesca UDU all’Università della Calabria

Nasce l’associazione studentesca UDU all’Università della Calabria

È nata presso l’Università della Calabria UNICAL, l’associazione studentesca UDU che segna un nuovo cammino all’interno del mondo accademico e che vede anche l’impegno di due giovani studenti rocchesi, Carlo Miceli (della facoltà di Giurisprudenza) e Nicola Tufaro (di Ingegneria Gestionale).

Considerato ormai il più grande sindacato studentesco d’Italia, UDU da 20 anni opera per i diritti di tutti gli studenti, in particolare il diritto allo studio.

Un diritto, quest’ultimo, inalienabile e che merita di essere sostenuto soprattutto in Calabria, una regione attualmente molto fragile per costruire le fondamenta del proprio futuro.

Tra i tanti problemi che si riversano sull’Ateneo calabrese, vi è sicuramente il consistente aumento delle tasse che nell’ultimo decennio ha avuto un’impennata del 76%, portando di conseguenza ad un calo sostanzioso di iscritti.

La prima proposta presentata al Rettore dell’Università è la sospensione dei corsi previsti il 5 Marzo 2018 per garantire agli studenti il rientro presso i propri comuni, in occasione delle votazioni del 4 marzo, diminuendo la “non affluenza” dei giovani e favorendone la partecipazione al dibattito politico e al voto, al fine di comprendere l’importanza della democrazia.

L’UDU UNICAL – Cosenza è pronta ad ascoltare gli studenti e ad accogliere le varie proposte per garantire il meglio ad ogni percorso di studi.

I progetti già in cantiere sono numerosi ed è possibile restare aggiornati su ogni iniziativa attraverso la pagina Facebook, dove è possibile anche contattare i membri dell’associazione. Si può inviare qualsiasi segnalazione anche all’indirizzo mail uduunical@gmail.com oppure recandosi nella sede che è presso la CGIL, lungo il ponte coperto dell’Unical (zona delle associazioni).

Buon lavoro!

Francesco Latronico

Rocca Imperiale- 21/02/2018: Al via la campagna elettorale del PD

dav

dav

Rocca Imperiale: 21/02/2018

Al via la campagna elettorale del PD

“Vota la Calabria, scegli il PD”, è partita la campagna elettorale per l’elezione del 4 Marzo 2018, lo scorso martedì 20 febbraio, dalla sala riunioni del Monastero dei Frati Osservanti. Al tavolo dei relatori Marino Buongiorno (Segretario PD della Sezione di Rocca Imperiale), Giuseppe Ranù (Sindaco di Rocca Imperiale), On.le Ferdinando Aiello (Candidato collegio uninominale Camera), On.le Enza Bruno Bossio (Capolista PD collegio proporzionale). Presenti nella sala gremita di cittadini, diversi sindaci e amministratori dei comuni vicini, tra cui il sindaco di Trebisacce  Mundo, di Albidona Di Palma, di Canna Panarace e tutti accompagnati da un nutrito gruppo di consiglieri e assessori. Ha aperto i lavori Marino Buongiorno che ha ricordato, ai numerosi presenti in sala, l’impegno politico della parlamentare Enza Bruno Bossio e della sua assidua presenza su Rocca Imperiale e sul territorio per affrontare e portare a soluzione diversi problemi importanti. Ha sottolineato che “Questa forza di governo ha creato posti di lavoro, mentre altri hanno solo promesso dei posti di lavoro”. Ha successivamente ricordato alcuni obiettivi di opere pubbliche realizzate dall’amministrazione Ranù di cui fa parte. Giuseppe Ranù ha parlato delle difficoltà che pongono le campagne elettorali ed ha affermato che: ”Non più terra di conquista la nostra terra! La novità dev’essere rappresentata dalla necessità di difendere gli interessi della nostra terra”. Ha ricordato che i risultati raggiunti dall’amministrazione per le opere realizzate sono dovute all’attivo rapporto con il governatore Mario Oliverio e con i parlamentari presenti. La Calabria vive un grande dinamismo: contrattualizzazione degli LSU –Lpu come battaglia vinta, per la SS 106 si tratta di risultati storici e si farà e siamo ad un passo dall’inizio dei lavori, riammodernamento della ferrovia, dissesto idrogeologico del torrente Canna che ci ha visti impegnati insieme con il comune di Canna e di Nocara, ammodernamento dei depuratori, riapertura del Pronto Soccorso di Trebisacce. Costruzione di piste ciclabili da congiungersi con quelle del tirreno. Ipotesi di ulteriore intervento per la messa in sicurezza del Castello. Interventi effettuati nel Centro Storico, ingresso di Rocca Imperiale nei Borghi più belli d’Italia, il nuovo lungomare, il limone Igp e sono iniziati i lavori all’ex cantina sociale che trasformerà i limoni nei sui derivati a completamento dell’intera filiera. La Calabria ha bisogno di un governo nazionale forte per portare a casa altri risultati importanti e contenuti nel programma del PD. Se la comunità rocchese risponderà con i voti saremmo tutti più forti. Come amministrazione siamo campioni di legalità e chiediamo all’intero comprensorio un impegno straordinario. Enza Bruno Bossio ha ricordato che nel 2013 eravamo nella punta massima della crisi. Che nel 2012 il governo Monti ha creato ulteriori sacrifici agli italiani. Nel 2014 abbiamo vinto le elezioni regionali. Il segretario del pd Matteo Renzi invita a continuare lungo questa strada per realizzare il programma PD che riporta le 100 cose fatte e da fare. Tra le battaglie vinte ha ricordato i lavoratori LSU-LPU, il reddito d’inclusione, la 106, gli interventi sul dissesto idrogeologico e altri.  Ha spiegato come si vota e ha invitato a mettere una semplice croce sul simbolo del PD. “Vogliamo il 4 marzo continuare il percorso positivo?”. Ferdinando Aiello ha spiegato le ragioni del PD confrontandoli con quelle degli altri gruppi. Questo territorio è stato attenzionato dal governo di centro sinistra e si sta costruendo una trasversale importante per questo territorio. Potenziare i servizi per i cittadini significa creare occupazione. “La prossima sfida, che mi impegno ad affrontare in Parlamento durante la prossima legislatura, sarà quella di ottenere, proprio attraverso il MiBACT, un fondo straordinario per la valorizzazione e promozione di un piano monumentale ionico-silano che metta in rete, in un unico grande percorso storico-artistico-ambientale, le straordinarie bellezze di questo territorio”. Ha poi spiegato i motivi del ritardo per la costruzione dell’ospedale della Sibaritide. Ha concluso: “il 4 marzo più garanzia, più qualità, più quantità attraverso un voto al PD. Invito ad un voto utile”.

Franco Lofrano

dav

dav

dav

dav

dav

dav

dav

dav

dav

Rocca Imperiale- 18/02/2018: Banda Musicale Rocchese

Rocca Imperiale: 18/02/2018

Banda Musicale Rocchese

 

Far nascere la “BMR”: è’ questo l’obiettivo che voglio raggiungere i tanti appassionati di musica che sistematicamente si incontrano presso l’Auditorium Parrocchiale, nella marina, messo a disposizione dal parroco Don Pasquale Zipparri. L’idea musicale è nata da un dialogo amichevole tra Romolo Varasano, l’amministrazione comunale, il parroco don Pasquale Zipparri insieme con il coro parrocchiale, Femy Schirone,Vincenzo Bergamotta, Rocco Toscani, Casimiro Montagna,il maestro Giovanni La Colla. Vi è alla base la consapevolezza che diversi giovani della scuola media comprano un strumento musicale durante gli anni di studio, ma che poi iniziando le scuole superiori spesso abbandonano, facendo soffrire la loro vivace creatività. Dal dialogo è emerso che occorre far riavvicinare  questi giovani talentuosi alla musica creando un gruppo virtuoso. Anche dalla vicina Nova Siri si sono resi subito disponibili giovani e insegnanti di strumenti musicali che hanno sposato l’idea innovativa e creativa. Da subito il gruppo ha preparato una locandina informativa affidandola ai social. L’idea sta circolando a gran velocità sul web e invita giovanissimi, giovani e adulti a dei corsi gratuiti di musica. E’ proprio così: gratuiti, privi dell’aspetto lucrativo, ma soltanto a scopo sociale. Costituendo un gruppo di giovani con clarinetti, sassofoni, trombe, percussioni, ecc. sarà possibile vincere la sfida di far nascere una Banda Musicale Rocchese che manca nella comunità. Qualcuno racconta e ricorda che circa 80 anni fa una banda esisteva, ma oggi si avverte la necessità di unire i giovani e di far nascere una Banda Musicale. Certo, al momento, gli ideatori sono al lavoro in via sperimentale, ma siamo certi che con la passione e l’impegno di cui sono dotati ci riusciranno e sarà una bella cosa, anche per i genitori che già mostrano il loro personale entusiasmo. E lo stesso Romolo Varasano che nel 1978 suonava nella banda musicale di Nova Siri è sceso in campo con la sua amata tromba. Aspettiamo ancora un po’, ma quanto prima, finito il periodo di sperimentazione, nascerà la Banda Musicale Rocchese e anche l’associazione mirata. L’idea è ottima, buon lavoro!

Franco Lofrano

Rocca Imperiale-17/02/2018: Corsi gratuiti di musica

Rocca Imperiale-20/02/2018: PD: Vota la Calabria

Rocca Imperiale-16/02/2018: E’ uscito il mensile “Eco Rocchese”-dicembre 2017 (Pdf)

Rocca Imperiale-13/02/2018: Il Castello: un bene di prima grandezza

ROCCA IMPERIALE “Il nostro Castello tra recupero e prospettive”: è su questo tema che si è discusso nell’incontro-dibattito svoltosi nei giorni scorsi presso la nuova Sala Consiliare del Monastero dei Frati Osservanti e promosso dall’esecutivo guidato dal sindaco Giuseppe Ranù. L’incontro è stato preceduto da una visita-guidata al Castello allo scopo di apprezzarne l’austera bellezza e di prendere atto dello stato attuale della struttura dopo gli interventi conservativi effettuati finora. Ne hanno discusso il sindaco Giuseppe Ranù, l’assessore ai Beni Culturali Brigida Cospito, l’architetto Sabrina Barresi che ha curato i lavori di consolidamento già eseguiti, l’ing. Salvatore Patamia, direttore regionale del Dipartimento Regionale dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e l’On. Mimmo Bevacqua presidente della Commissione Ambiente della Regione. «Il futuro della Calabria passa attraverso la valorizzazione dei suoi numerosi e preziosi beni culturali e questa sera, – ha dichiarato subito l’On. Bevacqua – ne ho avuto la riprova visitando il Castello di Rocca e intravedendo le sue enormi potenzialità». Sulla stessa lunghezza d’onda l’Ing. Patamia e gli altri relatori che hanno incoraggiato il sindaco ed il suo esecutivo a perseverare nell’impegno di completare la riqualificazione del monumentale manufatto fatto edificare da Federico II nel 1221 in un luogo di grande importanza militare e strategico per il controllo dell’antica via Appia-Traiana che partendo da Reggio Calabria e costeggiando il mare Jonio andandosi a congiungersi a Brindisi con l’Appia Antica e che oggi, dopo otto secoli di storia, si erge maestoso su tutta la Piana Rocchese e sull’orizzonte  del mare Jonio su cui la vista spazia da Punta Alice fino a Taranto. Da parte sua l’arch. Barresi ha messo in evidenza l’instabilità del Castello e dell’intero sedime su cui si adagia, definendo perciò urgenti ulteriori misure di consolidamento statico e strutturale. «Occorre ancora intervenire, – ha dichiarato l’arch. Barresi – con massicci interventi di consolidamento: le Torri – ha precisato – vanno ben collegate all’intera Fortezza, così come è urgente intervenire sul Fossato, potenziare lo studio illuminotecnico per dare un valore plastico a tutto l’assieme e abbattere, infine, le barriere architettoniche realizzando percorsi preferenziali per i disabili». Secondo l’Ing. Patamia il centro storico ed il Castello rappresentano davvero un “unicum”, qualcosa cioè di molto bello e di suggestivo e bisogna dunque continuare con gli interventi perché trattasi di un bene culturale di eccellenza. «Per accedere ai finanziamenti – ha concluso il Direttore del Dipartimento apprezzando la cura con viene tenuto il centro storico dal Comune e dai cittadini – è necessario redigere progetti fattibili e credibili che rendano agibili i Castelli e agevolarne l’accesso e la fruibilità».

Pino La Rocca

 

Rocca Imperiale- 10/02/2018: Al via i lavori di miglioramento della viabilità rurale.

Rocca Imperiale: 10/02/2018

Al via i lavori di miglioramento della viabilità rurale.

 

Al via l’inizio dei lavori di viabilità rurale  in c/da “Craparizzo-Monte Sottano” comunemente chiamata località “Pietra Piana”. Sono interventi mirati che aiutano e sostengono l’imprenditoria agricola consentendo agli operatori del settore di raggiungere i loro fondi in sicurezza. L’amministrazione comunale, guidata dal sindaco Giuseppe Ranù, ha già da tempo fatto questa scelta di attenzionare la viabilità rurale e difatti è già intervenuta in zona Cimitero, fosso Cutura, in contrada Santa Venere, ecc.e si sta procedendo con l’assegnazione di nuovi nomi alle vie.  Ora consegnerà via Puglia ai cittadini e partiranno i lavori di illuminazione che collegheranno l’attuale Guardia medica con il Centro storico. La viabilità sta migliorando a vantaggio dell’intera comunità.

Franco Lofrano

Rocca Imperiale- 10/02/2018: Il Castello tra recupero e prospettive

 

Rocca Imperiale: 10/02/2018

Il Castello tra recupero e prospettive

 

Il nostro Castello tra recupero e prospettive”, è su questo tema che si è consumato l’incontro-dibattito, organizzato dall’amministrazione comunale, guidata da Sindaco Giuseppe Ranù, svoltosi, lo scorso venerdì 9 febbraio, presso la nuova Sala consiliare del Monastero dei Frati Osservanti. L’incontro è stato preceduto da una visita guidata presso il Castello allo scopo di offrire ai partecipanti la possibilità di godere della bellezza del Castello e visionare lo stato attuale della struttura. Successivamente gli intervenuti si sono portati al Monastero per discutere sul tema. Al tavolo dei relatori il sindaco Giuseppe Ranù, l’assessore ai Beni Culturali Brigida Cospito, l’Architetto Sabrina Barresi che ha curato i lavori di consolidamento già eseguiti nel Castello, il dottore Salvatore Patamia (Segretario Regionale del Ministero dei Beni Culturali e delle Attività Culturali e del Turismo per la Calabria) e l’On,le Mimmo Bevacqua (Consigliere Regionale). Tra il pubblico diversi politici del territorio come Saverio La Regina, e gli amministratori del comune di Rocca Imperiale, tra cui l’assessore alla cultura Rosaria Suriano, il vice sindaco Francesco Gallo, ecc. “Il futuro della Calabria passa attraverso la valorizzazione dei suoi beni culturali. Stasera ne ho avuto la riprova a Rocca Imperiale visitando, insieme al segretario Regionale dei beni culturali Salvatore Patamia, il suo Castello e le potenzialità in esso insite. Complimenti al sindaco Giuseppe Ranù e alla sua squadra per averci creduto ed investito” è quanto ha esternato l’Onorevole Bevacqua. E ancora ha sottolineato che il politico dev’essere di supporto alle idee progettuali valide. Ha dichiarato che a breve si riuscirà ad intercettare delle risorse utili per continuare nell’opera di consolidamento e di risanamento  del Castello. Occorre cambiare filosofia: destinare e convergere le risorse verso interventi utili al territorio e non diversi interventi che servono a sprecare le risorse. La nuova classe dirigente dovrà accettare la sfida di puntare sulla cultura, sulla storia, sulla identità, sul lavoro di squadra che valorizzi al meglio il territorio e il bene della Calabria. Il sindaco Giuseppe Ranù ha assunto l’impegno che il Castello riceverà la giusta valorizzazione ed è da subito disponibile a mettersi al lavoro per una idea progettuale valida e fattibile. Sabrina Barresi, attraverso delle slide, ha raccontato la storia del Castello e dei vari interventi strutturali che si sono avuti nel tempo e che lei stessa ne ha curato l’iter di recupero strutturale. A breve ricorre l’ottavo secolo di vita del Castello che bisognerà festeggiare. Ha ancora parlato delle armi che si usavano: Trabucco, Ariete, Torre d’assedio, ecc. e anche delle armi a fuoco. Ha precisato, inoltre, che ad essere eroso non è soltanto il Castello, ma l’intero sedime. Ha ricordato che nel 1980 il comune ha acquistato il castello e che nel 1990 è stato presentato uno studio di fattibilità. Tanto è stato già fatto: recupero e restauro delle scale a ventaglio, parcheggi, consolidamento e spazi destinati alla multimedialità, ma ancora vi è tanto da fare e ha indicato almeno cinque punti. Occorre ancora intervenire, per esempio, con interventi di consolidamento, le Torri vanno ben collegate all’intera Fortezza. Intervenire sul Fossato e potenziare lo studio illuminotecnico per darne anche un valore plastico. Bisogna intervenire contro le barriere architettoniche e, quindi, costruire dei percorsi preferenziali per portatori di H e una possibilità tattile per chi ha il senso del tatto. Dare al visitatore l’opportunità di vivere un’esperienza immersiva: si vive l’ambiente e si fa un tuffo nell’antichità in diretta. Per Salavtore Patamia il centro abitato con il castello sono un tutt’uno molto originale ed esaltante. Ora bisogna continuare con gli interventi perché trattasi di un bene culturale di eccellenza. Occorrono dei progetti credibili che rendano fruibili e agibili i castelli e il loro libero accesso. I rocchesi hanno il senso del bene comune perché insieme con l’amministrazione tengono molto bene il centro storico.

Franco Lofrano

Rocca Imperiale-09/02/2018: Il nostro Castello tra recupero e prospettive