Category Archives: Roseto Capo Spulico

Roseto Capo Spulico-07/02/2018: Il Comandante Lufrano va in pensione

Giovanni Goffredo

Pino Lufrano

ROSETO CAPO SPULICO Cambio della guardia al Comando della Polizia Stradale – Sottosezione Autostradale di Frascineto: l’Ispettore Capo Giovanni Goffredo, originario di Gioia del Colle (BA) subentra all’Ispettore Superiore Pino Lufrano, originario di Roseto Capo Spulico che va in pensione dopo ben 38 anni di onorato servizio speso nel Corpo della Polizia. Ma Pino Lufrano, come è noto, pur dimostrandosi un ottimo e instancabile servitore dello Stato, tanto da essere insignito del titolo di Cavaliere dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana e di Croce e Medaglia  d’Oro per l’anzianità di servizio, ha svolto un ruolo importante sia nella politica locale nella quale è tuttora in carica nel suo paese d’origine come Capogruppo di Minoranza, sia nella società civile nella quale svolge da anni il ruolo di presidente provinciale dell’ANAS (associazione nazionale di azione sociale), un’associazione, questa, che si occupa di promozione sociale mediante attività culturali, sportive, di integrazione degli immigrati e di solidarietà sociale mediante sostegno a chi è in difficoltà e inoltre di tutela dell’ambiente, di protezione civile, di attività educative, assistenziali, sportive e ricreative. In questa veste e per le numerose iniziative a sfondo solidale intraprese e portate avanti è conosciuto non solo a Roseto Capo Spulico ma in tutto l’Alto Jonio perché, prima di arrivare al Comando della Sottosezione Autostradale di Frascineto Pino Lufrano, entrato in Polizia nel 1980, ha prestato servizio a Torino ma dal 1989 ha prestato servizio ininterrottamente presso il Distaccamento di Polizia Stradale di Trebisacce all’interno del quale ha scalato i gradini della gerarchia militare fino al grado di Ispettore Capo e di Comandante del Distaccamento, un incarico che ha svolto con grande competenza e professionalità e che, prima di essere promosso alla Sottosezione Autostradale di Frascineto, ha lasciato in eredità all’attuale Comandante Ispettore Capo Graziano Nadile che è stato a lungo suo Vice-Comandante nello stesso Distaccamento di Trebisacce.

Pino La Rocca 

Roseto Capo Spulico-21/01/2018:Il Sindaco Rosanna Mazzia nella Consulta Anci

Sindaco Mazzia nella consulta Anci

COMUNICATO STAMPA 
 
– Comune di Roseto Capo Spulico – 
 
Il Sindaco Rosanna Mazzia nella Consulta Anci
 
Nel corso dell’Assemblea Regionale, tenutasi a Lamezia Terme Sabato 20 Gennaio, la Prima Cittadina della “Città delle Rose” è stata indicata a far parte della consulta regionale dei piccoli comuni, un organismo che porterà la voce di tutti i comuni calabresi al di sotto dei 5mila abitanti ai tavoli di discussione, regionali e nazionali, dei temi di più stretta attualità. Questa nuova investitura per il Sindaco Mazzia – già membro del consiglio direttivo nazionale dell’Associazione Borghi Autentici d’Italia – è stata fortemente voluta dal Presidente Regionale Anci, Gianluca Callipo, impegnato in una profonda opera di ricostruzione dell’importante organismo regionale di rappresentanza degli Enti locali, motore irrinunciabile dello sviluppo e del futuro dell’intero Paese.
Proprio la consapevolezza dell’importanza strategica che riveste per il rilancio del sistema Paese, una nuova politica per i piccoli Borghi (in Calabria i Comuni con meno di 5000 abitanti rappresentano l’80% dei comuni) è stato il leitmotiv del discorso di apertura dei lavori da parte del Presidente Callipo e di tutti gli amministratori locali che hanno inteso dare un contributo ai lavori dell’Assemblea, cui ha partecipato il Coordinatore Nazionale della Consulta dei Piccoli Comuni, Massimo Castelli.
Nel suo lungo ed articolato intervento ha analizzato le novità inserite nella nuova legge che interessa le piccole comunità, sottolineando che si tratta di un sicuro passo in avanti, ma che non può che essere considerata solo una prima tappa di una necessaria inversione di tendenza sulle politiche nazionali che finora le hanno fortemente penalizzate.
Giovanni Manoccio, delegato del Presidente Oliverio alle Politiche sull’immigrazione e vicesindaco di Acquaformosa, ha posto l’accento sulla necessità di garantire ai Cittadini che scelgono di vivere in un piccolo comune pari dignità e vera uguaglianza, garantendo i servizi essenziali, oggi seriamente compromessi.
L’organismo di rappresentanza dei 318 comuni calabresi con meno di 5000 abitanti sarà composto da 30 amministratori locali di altrettanti comuni disseminati su tutto il territorio regionale e sarà guidata dal Sindaco di Bagaladi (Rc), Santo Monorchio, che ha sottolineato l’importanza del lavoro che aspetta la consulta considerate le tantissime tematiche che attanagliano le nostre Comunità.
A margine dei lavori, Rosanna Mazzia si è dichiarata onorata di questo nuovo impegno: Sono grata al Presidente Callipo per avere scelto Roseto, attraverso la mia persona, e siccome sono abituata a lavorare non vedo l’ora di iniziare a dare il mio contributo in favore dei nostri Borghi. Per anni ci hanno fatto credere di essere un “peso”…una sorta di rallentatore di uno sviluppo che comunque non è arrivato… nonostante i tagli proprio ai piccoli Comuni e il tentativo di ridurne il numero “per legge”. E invece gli indicatori ci dicono che i Piccoli Comuni sono una risorsa…in termini di identità, di storia, di qualità della vita. La Consulta avrà questo compito. Dar voce ai più piccoli, che numericamente non lo sono visto che costituiscono l’80% di tutti i comuni calabresi. Sono orgogliosa di poter iniziare a lavorare insieme ai Colleghi Sindaci di questo Territorio per portare la voce dell’Alto Jonio all’interno dell’importante organismo regionale”.

Roseto Capo Spulico-08/01/2018: Il Presepe Vivente e l’Arrivo della Befana chiudono le festività natalizie a Roseto Capo Spulico

Comune di Roseto Capo Spulico
 
– Comunicato Stampa – 
 
Il Presepe Vivente e l’Arrivo della Befana chiudono le festività natalizie a Roseto Capo Spulico
 
 
 
 

Le festività natalizie a Roseto Capo Spulico si sono concluse con i due eventi che maggiormente caratterizzano questo periodo dell’anno. Due “grandi classici” che non possono mancare nel calendario degli eventi che celebrano il Natale, e anche quest’anno, Roseto ha onorato questa tradizione. Venerdì 5 Gennaio, nella suggestiva cornice del Centro Storico rosetano, si è tenuta la decima edizione del Presepe Vivente, che ha ripercorso le tappe salienti e gli attimi più emozionanti della nascita di Gesù. La Natività è senza dubbio uno dei momenti più significativi per la vita di ogni cristiano, un’occasione che spinge l’intera comunità a guardare la vita con uno spirito diverso, che infonde nell’aria una ventata di gioia e di serenità. In questo clima, l’Amministrazione Comunale di Roseto Capo Spulico guidata dal Sindaco Rosanna Mazzia e la Commissione Pari Opportunità, coordinata dalla Delegata Margherita Rizzuti e dalla Presidente Vanessa D’elia, in collaborazione con la Parrocchia “San Nicola di Bari” e del suo parroco Don Diego Talarico, e i volontari del Servizio Civile di Roseto, hanno messo in scena la rappresentazione sacra della nascita di Gesù. 

Un Presepe Vivente, che quest’anno spegne le sue prime dieci candeline, contraddistinto dalla grande partecipazione dei ragazzi e delle famiglie rosetane, impegnati tra attori e fautori, per rendere particolarmente emozionante questa serata. Il tutto è stato sapientemente condito dal suono delle cornamusa, dal sapore dei tradizionali crispi, e dalla convivialità tipica dei rosetani. A rendere tutto più magico, la scelta della location, tra i vicoli e le piazze del Borgo Autentico di Roseto Capo Spulico, che ha regalato al numerosissimo pubblico presente l’emozione di un vero e proprio tuffo nel passato, nella storia, nella tradizione del Natale. 

 
Al Natale non può non far seguito un altro grande appuntamento, atteso con ansia soprattutto dai bambini. Sabato 6 Gennaio, infatti, è atterrata anche a Roseto, a bordo della sua scopa, la vecchietta più amata dei più piccoli. Nel suo enorme sacco, a riempire le calze dei bambini, non c’erano cenere e carbone, ma tantissimi libri e giochi da regalare ai bambini della Scuola dell’Infanzia e della Scuola Primaria di Roseto. L’esecutivo Mazzia, nell’occasione rappresentata dalla Delegata alle Politiche Scolastiche Lucia Musumeci – Befana d’eccezione e di tradizione per questo evento – ha voluto rendere speciale anche questa giornata di Epifania, che come da tradizione chiude le festività legate al Natale, regalando ai più piccoli i doni consegnati dalle mani della Befana. I bambini di Roseto, insieme ai loro genitori, hanno aspettato il suo arrivo nel Centro Sociale “Tuttinsieme” a Roseto Centro, in un clima di festa, animato da giochi, musica e tanto divertimento, prima di ricevere il tanto atteso dono e una foto ricordo con la loro vecchietta preferita.
 
Giovanni Pirillo
Comunicazione Istituzionale 
Comune di Roseto Capo Spulico

Roseto Capo Spulico -28/12/2017:”Comuntà Co-Operativa, il lavoro possibile” – la cooperativa di comunità come nuovo strumento di rilancio del territorio

Comune di Roseto Capo Spulico 

– Comunicato Stampa – 

“Comuntà Co-Operativa, il lavoro possibile” – la cooperativa di comunità come nuovo strumento di rilancio del territorio

Comunità co-operativa, il lavoro possibile: questo il tema dell’incontro tenutosi Venerdì 22 Dicembre nell’Antico Granaio di Roseto Capo Spulico, evento fortemente voluto dall’Amministrazione Comunale guidata dal Sindaco Rosanna Mazzia e sotto l’egida dell’Associazione Borghi Autentici d’Italia. Un’iniziativa che ha chiamato a raccolta un pubblico numerosissimo, composto perlopiù da giovani rosetani, interessati a scoprire le opportunità che questo percorso può innescare sul territorio. La cooperativa di comunità, una frontiera ancora poco conosciuta, ma già  sperimentata in alcune realtà italiane, vuole essere un nuovo modo di creare economia nei piccoli centri, rendendo i cittadini partecipi di un processo produttivo fortemente incentrato sulle caratteristiche individuali e professionali dei singoli abbinato alle peculiarità del territorio. Una “Comunità Co-Operativa”, quindi, che sappia muoversi in autonomia, che prenda consapevolezza delle potenzialità che il contesto sociale di appartenenza può offrire, e che le sappia rendere fruttuose, allontanandosi da un modo ormai usurato di intendere il mondo del lavoro. ” In questa nostra esperienza amministrativa abbiamo iniziato una serie di percorsi nuovi e per certi versi, culturalmente rivoluzionari.. Proviamo ora a fare lo stesso nell’approccio al mondo del lavoro . Per una volta capovolgiamo il discorso e anziché lamentarci del lavoro che non c’è, proviamo a capire quali lavori siano possibili in questo Territorio…dove tante cose sono ancora da fare. Rincorrere modelli che oggi non ci sono e che forse non ci saranno più nel modo in cui li abbiamo conosciuti è tempo perso e sottratto a nuove progettualità” ha detto il Sindaco Rosanna Mazzia nel suo intervento di apertura dei lavori dell’incontro .

A raccontare in prima persona una delle esperienze di cooperativa di comunità di maggiori prospettive a livello nazionale, il Sindaco di Biccari (FG), nonchè Presidente Baitour, Gianfilippo Mignogna, che, insieme al Presidente della cooperativa biccarese, Antonio Beatrice, hanno illustrato alla platea il percorso che questa giovane realtà cooperativa sta portando avanti. Attraverso il recupero e la gestione di beni pubblici inutilizzati o poco valorizzati, la Cooperativa biccarese ha costruito delle alleanze sul territorio, recuperando il patrimonio dormiente, mettendolo a sistema e rendendolo produttivo, sia dal punto di vista economico che sociale.

Altri input di imprese giovanili “vincenti” sono stati rappresentati dal rosetano doc Leonardo Elia, titolare di una agenzia di poste private tra le più importanti dei comprensorio, e da Rossella Stamati, rappresentante di una attività di servizi e di mobilità turistiche. Il comune denominatore di queste due esperienze è stato senza dubbio il coraggio e la voglia di mettersi in discussione, intercettando i bisogni del territorio e guadagnandosi una fetta di mercato vacante. 

L’attesa del “posto fisso” è ormai un’utopia, un modo obsoleto di approcciarsi al mondo del lavoro, e queste esperienze ne sono la dimostrazione lampante. Ma la cooperativa di comunità non è solo un modo di creare economia. Questa rappresenta una opportunità di grande crescita sociale e culturale, perchè mette in relazione la comunità a tutti i livelli, partendo dai giovani per arrivare ai nonni, passando dai liberi professionisti agli agricoltori e agli artigiani.

Dei risvolti sociali che la cooperativa di comunità può ingenerare in un territorio e delle opportunità turistiche che si possono concretizzare attuando questo processo ha parlato il Prof. Tullio Romita, Docente di Sociologia del Turismo e dei Sistemi Territoriali Locali all’Unical. Nel suo intervento, il Prof. Romita ha analizzato la realtà creata a Jacurso, piccolo centro del catanzarese, dalla Antropologa Rosamaria Limardi. “Jacurso da vivere e imparare”, che nasce dall’esigenza di voler conservare e preservare le antiche tradizioni orali e gli stili di vita tradizionali dall’inarrestabile scorrere del tempo. Vivere Jacurso permette al turista di soggiornare nelle “case dell’ospitalità”, soluzioni abitative che variano dalla casetta antica nel centro storico, agli appartamenti moderni nei pressi del centro, alle villette un po’ fuori paese con giardino. La permanenza dell’ospite sul territorio permette allo stesso di imparare gli usi e i costumi di quel luogo, di conoscerne le tradizioni culturali e gastronomiche, creando così un circolo economico virtuoso a beneficio dell’intero territorio.

A chiudere i lavori, il Sindaco di Melpignano e Presidente di Borghi Autentici d’Italia, Ivan Stomeo, il quale ha posto l’accento sul ruolo fondamentale della partecipazione attiva e creativa dei cittadini nella crescita di una cooperativa di comunità. Nella cittadina salentina, tra i primi esempi di realtà cooperative di questo tipo, è stato realizzato un impianto fotovoltaico diffuso, i cui proventi, oltre che abbattere le spese di energia dei soci, consente alla cooperativa di pagare il mutuo contratto per la realizzazione degli impianti, nonché di investire su altre attività, come le casette dell’acqua che, fanno bene all’ambiente e generano posti di lavoro e utili che servono a realizzare opere a beneficio della Comunità, tra cui un parco giochi, l’acquisto dei libri di testo per gli studenti di Melpignano e garantisce parte delle spese per il servizio di mensa scolastica.

Giovanni Pirillo
Comunicazione Istituzionale
Comune di Roseto Capo Spulico

Roseto Capo Spulico-22/12/2017: Comunità co-Operativa, il lavoro possibile

Comune di Roseto Capo Spulico  
 
COMUNICATO STAMPA 
 
Comunità co-Operativa, il lavoro possibile
 
22 Dicembre 2017 – ore 17.00 – Antico Granaio – Roseto Capo Spulico
 
Il lavoro possibile, quello che si può creare, che può risollevare l’economia di un territorio, che coglie le opportunità del contesto sociale e le tramuta in opportunità occupazionali. E’ questa la “Comunità co-Operativa”, un concetto innovativo, di crescita comunitaria, che può aprire nuove frontiere lavorative e occupazionali a 360 gradi. 
Un percorso che vuole coinvolgere tutti gli attori sociali, dai ragazzi ai loro genitori, che punta a creare una economia circolare virtuosa, con una crescita che può coinvolgere l’intero territorio. Una scelta, quella intrapresa dall’Amministrazione Comunale di Roseto Capo Spulico, che segue un percorso ormai ben delineato, atto a rendere fruttuoso, anche in termini economici e di ricadute occupazionali, l’immenso patrimonio infrastrutturale, ambientale e sociale a disposizione, attraverso un coinvolgimento trasversale della popolazione e delle attitudini specifiche dei singoli. In una parola, “Autenticità”, la vera ricchezza di ogni territorio, e Roseto, con la propria adesione all’Associazione Borghi Autentici d’Italia, vuole seguire questo filo conduttore. 
 
All’iniziativa, che si svolgerà Venerdì 22 Dicembre alle ore 17.00, presso l’Antico Granaio di Roseto Capo Spulico, parteciperanno, insieme al Sindaco Mazzia, alcuni esempi di imprenditoria giovanile del territorio rosetano e regionale, come Leonardo Elia, titolare di una Agenzia di poste private, Antonio Nigro, con la sua agenzia di servizi pubblicitari, Rossella Stamati, rappresentante di una agenzia di servizi di mobilità turistica e l’Antropologa Rosamaria Limardi, del progetto “Jacurso da vivere e imparare”. Alle esperienze degli imprenditori si aggiungono le relazioni del Sindaco di Biccari e Presidente BAItour, Gianfilippo Mignogna, e del Presidente della Cooperativa di Comunità di Biccari, Antonio Beatrice. All’evento si aggiunge l’autorevole intervento del Prof. Tullio Romita, docente di Sociologia del Turismo e dei Sistemi Territoriali Locali. Concluderà l’incontro il Sindaco di Melpignano e Presidente dell’Associazione Borghi Autentici d’Italia, Ivan Stomeo
 
L’Amministrazione Comunale, con l’avvicinarsi delle festività natalizie, coglie questa importante occasione per salutare la cittadinanza e brindare insieme ad un felice Natale e al nuovo anno.
 
Giovanni Pirillo
Comunicazione Istituzionale
Comune di Roseto Capo Spulico

Roseto Capo Spulico-06/12/2017:LA VOCE DELLE CONCHIGLIE

                              

LA VOCE DELLE CONCHIGLIE

Le conchiglie non conoscono le parole, eppure nel loro suono così semplice è descritto tutto il mare” (Fabrizio Caramagna).

Quando si parla di conchiglie si pensa immediatamente ad una spiaggia sulla quale passeggiare nella speranza di trovare questi piccoli “tesori” che, poi, una volta raccolti, vengono da tutti noi appoggiati su una mensola, posizionati in un angolo della nostra casa, magari raccolti in un recipiente a mò di ricordo.

La conchiglia è una struttura biologica rigida e dura che protegge esternamente e sostiene gli animali dal corpo molle e senza scheletro, appartenenti ai phyla dei molluschi, dei brachiopodi e degli ostracidi

Ma se si studiassero più a fondo, le conchiglie trasmetterebbero qualcosa di molto più elevato dal punto di vista culturale, umano, spirituale, scientifico. E si scoprirebbe un mondo immensamente suggestivo che, emotivamente, ci porterebbe in luoghi lontani, in mondi sommersi meravigliosamente coinvolgente.

Chiudendo gli occhi se ne sentirebbe la voce, il suono, il profumo e ci si immergerebbe in un’atmosfera indicibilmente bella.

Per vivere queste sensazioni meravigliose non c’è bisogno di andare nei lontanissimi mari oltreoceano, in quanto abbiamo la possibilità di godere della bellezza delle conchiglie, e di sentirne la loro voce, a Roseto Capo Spulico che ospita lo stupendo Children’s Museum delle conchiglie del mondo, all’interno del quale vi è la collezione di Luciano Luisi, uno dei massimi poeti italiani che, nel corso dei suoi viaggi in tutto il mondo, ha avuto la possibilità di trovare splendidi esemplari, alcuni dei quali rarissimi.

Il Museo di Roseto è stato voluto dalla famiglia del Dottor Antonio Farina, che ha costituito la Fondazione “Roberto Farina” Onlus per ricordare la passione del figlio prematuramente scomparso che, oltre ad essere un grande appassionato di poesia, era anche un ricercatore di conchiglie fossili nei calanchi di Montegiordano.

Questo suggestivo Children’s Museum  accoglie ventimila conchiglie e tutte sono di una bellezza straordinaria.

Sarebbe bello poter promuovere al massimo questo sito, al fine di far godere non soltanto il nostro comprensorio, ma tutta l’Italia, di queste meraviglie del mare. E dobbiamo essere orgogliosi di custodirlo nella nostra zona.

Il Museo è stato inaugurato nel 2012 ed attualmente ne fanno parte attiva il dottor Antonio Farina, la dottoressa Maria Manolio, biologa ed Angela Emanuele, educatrice, tutti appassionati e pronti ad accogliere quanti desiderano essere trasportati in un fantastico mondo.

Bellissime iniziative sono quelle atte a far visitare il Museo agli studenti, che vengono coinvolti anche nella realizzazione di piccoli cimeli con l’utilizzo di conchiglie, sviluppando in tal modo anche la loro creatività ed inventiva.

Desideriamo concludere con un pensiero di Romano Battaglia: “ Ho raccolto una conchiglia sulla riva del mare, una conchiglia dove si rifugia il vento nelle notti di luna, dove si riflette il sole quando le onde la bagnano. Brillava per essere raccolta, per raccontare la sua storia di piccola creatura venuta da mondi sommersi.

L’ho poggiata all’orecchio ed ho sentito una voce che diceva:

-Un giorno passò di qui un bambino, cercò di accogliermi, ma ebbe paura perché in quel momento una grossa onda stava avvicinandosi alla riva.

Suo padre che lo osservava gli domandò: sei sicuro di usare tutto il tuo coraggio, la tua volontà, in questo momento? Il bambino ammirando la conchiglia che si era riempita di raggi d’oro rispose di sì, ma rimase immobile.

Il padre allora aggiunse:-Quello che hai detto non corrisponde a verità perché non mi hai chiesto di aiutarti a realizzare il tuo sogno-.

I sogni sono come le conchiglie che il mare ha depositato sulla riva.

Bisogna raccoglierle ed ascoltare la loro voce”.

Auspichiamo nella sensibilità di tutti ed essere fieri di questo Museo, ringraziando ancora il dottor Farina per questo meraviglioso dono fatto a tutta la Regione Calabria.

RAFFAELE BURGO

 

 

Roseto Capo Spulico-10/11/2017: A Roseto la Bandiera Verde

ROSETO Bandiera Verde

ROSETO CAPO SPULICO Il Comune di Roseto Capo Spulico ancora una volta protagonista della scena nazionale per la conquista di prestigiosi traguardi.  Dopo essere stato inserito tra i Borghi più Belli d’Italia ed a consentire al sindaco Rosanna Mazzia l’ingresso nel Direttivo di questa Associazione, dopo la conquista della Bandiera Blu che premia la politica eco-compatibile portata avanti dall’amministrazione comunale e dopo aver concluso un’altra stagione estiva da protagonista, nella mattinata di ieri, venerdì 10 novembre, nella Sala della Protomoteca in Campidoglio, ha ricevuto per la seconda volta consecutiva la Bandiera Verde. Un riconoscimento, questo, assegnato dalla Confederazione Italiana Agricoltori che premia i Comuni, le realtà imprenditoriali e le professionalità individuali, che maggiormente si sono distinti nel settore agricolo, nelle politiche ambientali e nella tutela dell’eco-sostenibilità del patrimonio naturale, naturalistico e nelle politiche sociali volte alla diffusione di una cultura di conservazione e valorizzazione dei marcatori identitari. A ritirare l’ambizioso riconoscimento guadagnato che, oltre a tutto l’esecutivo guidato dal sindaco Rosanna Mazzia premia in particolare l’Assessore alle Politiche Agricole Giuseppe Nigro che si spende da anni per la valorizzazione di alcuni apprezzati prodotti tipici per i quali è riuscito a guadagnarsi il riconoscimento della la De.Co., il sindaco Rosanna Mazzia e lo stesso Assessore Peppe Nigro. «Anche quest’anno – ha dichiarato soddisfatta il sindaco avv. Mazzia – Roseto ha saputo distinguersi per una attenta politica “Green”, che punta a promuovere le specificità del territorio, le eccellenze gastronomiche e allo stesso tempo mantenere elevati standard qualitativi in campo agroalimentare e ambientale».

Pino La Rocca

 

Roseto Capo Spulico-30/10/2017:IL SINDACO ROSANNA MAZZIA ELETTA NEL DIRETTIVO NAZIONALE DELL’ASSOCIAZIONE BORGHI AUTENTICI D’ITALIA.

  • COMUNICATO STAMPA –

IL SINDACO ROSANNA MAZZIA ELETTA NEL DIRETTIVO NAZIONALE DELL’ASSOCIAZIONE BORGHI AUTENTICI D’ITALIA.

 

Una nomina che premia l’impegno e la passione profusa in questi anni di grande lavoro nel portare avanti gli obiettivi di Borghi Autentici d’Italia nel proprio Comune. Così entra a far parte del Direttivo Nazionale di Bai il Sindaco di Roseto Capo Spulico, Rosanna Mazzia, nomina ufficializzata a Salso Maggiore Terme, Sabato 21 Ottobre, nel corso dell’ultimo Consiglio Direttivo dell’associazione. La nomina del Sindaco Mazzia va a rafforzare la rappresentanza calabrese nel direttivo nazionale di cui fa già parte Gregorio Guzzo, vicesindaco di Miglierina; nella stessa seduta sono stati nominati Vicesegretari Nazionali, Marina Gastaldini e Antonio Cardelli.

“L’Associazione Borghi Autentici d’Italia guarda con grandissimo interesse alla nostra Regione ed alla formidabile capacità attrattiva dei suoi Borghi e della sua Gente, riconoscendo nella Autenticita’ un tratto distintivo del patrimonio culturale, ambientale, storico, artistico e soprattutto umano calabrese.

Perché BAI è connotata da una mission che ne rende unici gli obiettivi: valorizzare il capitale umano delle nostre Comunità’ e renderlo il valore aggiunto su cui puntare e da dove ripartire per il rilancio anche economico della parte più viva ed interessante del nostro Paese , laddove su ogni fronte registriamo il fallimento dello sviluppo e dell’economia che si è allontanata dalle Persone. Quando, due anni fa, ho incontrato BORGHI AUTENTICI D’ITALIA ne ho apprezzato l’innovativita’ del progetto…l’idea che la messa in rete di tutto quanto caratterizza i nostri Borghi non potesse prescindere dalla centralità delle Persone che quel Borgo vogliono far vivere mi è sembrata rivoluzionaria. Ecco perché ho accettato di entrare a far parte di questa grande Comunità ed ecco perché mi spenderò perché altri Comuni calabresi facciano la stessa scelta che hanno già fatto Roseto Capo Spulico, Miglierina, Melissa e Alessandria del Carretto con i quali già da tempo lavoriamo sinergicamente.

Ringrazio il Presidente Ivan Stomeo e il Segretario Generale Maurizio Capelli per aver indicato la mia persona come componente del Direttivo Nazionale e tutti i Colleghi che l’hanno condivisa e che ringrazio per la fiducia, ma essenzialmente vado orgogliosa che questo sia il riconoscimento per il lavoro fin qui fatto dal mio Comune all’ interno di BAI, lavoro portato avanti dal gruppo operativo formato da Giuseppe Introcaso e Giovanni Pirillo e guidato da Alessandra Barletta”.

Giovanni Pirillo

Comunicazione Istituzionale

Comune di Roseto Capo Spulico

Roseto Capo Spulico-28/10/2017: “Dona un semplice gesto… per la vita”

 

COMUNICATO STAMPA

 

“Dona un semplice gesto… per la vita”

 

 

L’Avis Equiparata Comunale di Sibari con il contributo e partecipazione dell’A.N.C. (Associazione Nazionale Carabinieri) Sez. Roseto Capo Spulico, organizza per Sabato 28 ottobre c.m. a Roseto Capo Spulico un Convegno dal Tema “Dona un semplice gesto per la vita”.

Il Convegno che si svolgerà presso l’aula consiliare del Comune di Roseto Capo Spulico a partire dalle ore 16:00 avrà come obiettivo la promozione e l’informazione verso tutti i cittadini dell’importanza della donazione di Sangue, della donazione del Cordone Ombelicale e della donazione del Midollo Osseo. Creare una maggiore consapevolezza dell’importanza di “Donare” e contribuire a smentire dei luoghi comuni che per troppe volte alimentano soltanto una forte indifferenza.

L’evento patrocinato dal Comune di Roseto Capo Spulico e da Avis Provinciale Cosenza, vede tra gli illustri relatori il Presidente Regionale di Gadco Calabria la Dott.ssa Enrica Pacchiano e il Presidente di Admo Calabria Dott. Vito Nusdeo.

In una nota congiunta entrambi i Presidenti, Angelo Depalo per l’A.N.C. sez. di Roseto Capo Spulico e Alessandro Rusciani per l’Avis Comunale di Sibari, dichiarano come sia importante dare forma e sostanza a queste iniziative riscontrando in tutti gli interlocutori un’ampia adesione incondizionata. Elementi importanti per uno sviluppo sempre maggiore di un sistema di Volontariato che fa rete, affrontando tematiche importanti e raggiungendo realtà lontane dal centro.

Concludono ringraziando tutti i volontari e coloro i quali si sono adoperati per l’organizzazione del Convegno, sottolineando che questa iniziativa non sarà fine a se stessa ma vorrà essere un primo appuntamento di una serie, che vedranno da protagonisti altre istituzioni ed altre realtà associative.

 

A.N.C. Sez. Roseto Capo Spulico

Avis Equiparata Comunale di Sibari

Roseto Capo Spulico-30/09/2017:Roseto Capo Spulico, nuove opportunità per giovani e aziende

COMUNICATO STAMPA
Roseto Capo Spulico, nuove opportunità per giovani e aziende
L’estate 2017 si è appena conclusa, ma l’esecutivo Mazzia non si ferma e anzi rilancia chiamando a se’ il mondo delle imprese e dei giovani per programmare in maniera sinergica e concertata la crescita e lo sviluppo economico e sociale del territorio. Martedì 26 Settembre, nella Sala Consiliare della Città delle Rose, l’Amministrazione Comunale, rappresentata nell’occasione dal Sindaco Rosanna Mazzia e dalla Delegata alle Politiche di Sviluppo Sabrina Franco, ha organizzato un incontro informativo insieme al Dott. Antonio Mandato – esperto in materia e rappresentante della società Obiettivouno, per illustrare le opportunità messe in campo dai bandi “Por Calabria FESR-FSE 2014/2020 Asse III – Competitività dei Sistemi Produttivi”.
Bandi che sono indirizzati al potenziamento delle imprese già esistenti e operanti nel settore turistico e ai professionisti, e al mondo dei giovani Under 35 affinchè possano trovare nuove chances per non dover abbandonare la propria terra ma contribuire al suo rilancio.
Il primo avviso dedicato all’“Offerta Turistica” per le aziende e i professionisti già attivi, è finalizzato al potenziamento di progetti per il miglioramento e la qualificazione dei servizi turistici e dell’offerta ricettiva. Questo bando si struttura in due ambiti prioritari ben definiti: nello specifico sono dedicati al Potenziamento e qualificazione dei servizi di ricettività e termali – ramo d’intervento mirato, appunto, al sistema ricettivo degli alberghi, villaggi turistici, strutture termali e aree camping; al Rafforzamento e qualificazione degli altri servizi turistici – abbracciando così un più ampio ventaglio di settori dedicati al miglioramento dei servizi dedicati al turismo. Possono presentare domanda solo le imprese o i professionisti che, alla data di pubblicazione dell’avviso, abbiano iniziato l’attività e abbiano approvato e presentato almeno un bilancio o una dichiarazione dei redditi. L’ammontare complessivo delle risorse destinate al finanziamento di questo avviso è pari a euro 18.000.000, ripartiti in 10.000.000 per il primo ambito prioritario e in 8.000.000 destinati al secondo.
“Resto al Sud” è invece la nuova misura per incentivare i giovani dai 18 ai 35 anni all’avvio di attività imprenditoriali nelle regioni del Mezzogiorno. Quest’ultimo, varato per favorire la crescita economica delle imprese del Mezzogiorno, dispone di una dotazione finanziaria complessiva di 1.250 milioni di Euro, a valere sul Fondo Sviluppo e coesione (programmazione 2014-2020). L’incentivo prevede un finanziamento fino ad un massimo di 40 mila euro per ciascun richiedente, con una quota a fondo perduto del 35 per cento e il restante 65 attraverso un prestito a tasso zero da restituire in 8 anni. Nel caso in cui l’istanza sia presentata da più soggetti già costituiti o che intendano costituirsi in forma societaria, incluse le società cooperative, l’importo massimo del finanziamento erogabile è pari a 40 mila euro per ciascun socio con tetto massimo ammissibile di 200 mila euro per ogni singolo progetto.
Un insieme di opportunità che non può non essere colta per creare i giusti presupposti per il rilancio del territorio dal punto di vista turistico-economico, che getta le basi per un’imprenditoria competente, innovativa e capace di soddisfare le aspettative sempre più esigenti di chi sceglie e continua a scegliere Roseto e la Calabria come meta per le proprie vacanze.
Giovanni Pirillo
Comunicazione Istituzionale
Comune di Roseto Capo Spulico