Category Archives: Terranova da Sibari

Terranova da Sibari-22/03/2016: Primavera di Poesia

Trebisacce-04/03/2016:L’Ospedale di Trebisacce sarà riaperto.

Ospedale-trebisacce-

Ospedale-trebisacce-

L’Ospedale di Trebisacce sarà riaperto.

Decretata finalmente la riapertura del “Chidichimo”: il commissario Scura ha infatti firmato il Decreto che re-inserisce il presidio ospedaliero di Trebisacce nella rete ospedaliera calabrese come “Ospedale di zona disagiata”. Legittima la soddisfazione in tutto l’Alto Jonio cosentino, un comprensorio che ormai ha fatto l’abitudine alle soppressioni e non al ripristino dei servizi. Certo, nessuno può immaginare che l’ospedale possa riavere tutte le Divisioni perdute: lo vieta tassativamente la legge attuale che esclude gli ospedali-fotocopia, ma il “Chidichimo” tornerà ad essere un ospedale, magari dotato delle funzioni di base integrate da “specialità” di cui la nostra sanità è carente. La lunga e intensa interlocuzione politica e istituzionale, messasi in moto soprattutto dopo la sentenza favorevole del Consiglio di Stato e la successiva “istanza di ottemperanza” patrocinata sempre dall’avv. Giuseppe Mormandi per conto del comune di Trebisacce, ha comunque prodotto un risultato davvero insperato, che finalmente… fa giustizia delle ingiustizie commesse dalla geo-politica ai danni delle popolazioni dell’Alto Jonio a cui viene finalmente restituito il diritto alla salute. Ora, com’è immaginabile, e come per la verità sta già avvenendo, saranno in tanti a volersi accaparrare i meriti di questo grande successo e in realtà sono tanti gli artefici del “miracolo”, a cominciare dal sindaco di Trebisacce Franco Mundo che non ha lesinato energie salendo e scendendo le scale di molti palazzi sia a Catanzaro che nella Capitale il quale, pur non trascurando il percorso giudiziario tanto da accollare al solo comune di Trebisacce l’onere del ricorso alla Suprema Corte, ha privilegiato sempre il dialogo ed il confronto con i suoi interlocutori politici e istituzionali che alla fine si è dimostrato vincente riuscendo a superare anche le resistenze che c’erano nei vertici della sanità calabrese. Essenziale in questo contesto il sostegno del presidente Oliverio e del suo staff. «La firma del Decreto, – ha scritto in proposito il consigliere regionale Bevacqua – che inserisce anche Acri e San Giovanni in Fiore nel piano ospedaliero come zone disagiate, è il frutto di un lavoro che ha visto il pieno coinvolgimento degli amministratori locali dell’Alto Jonio cosentino, a cominciare dal sindaco di Trebisacce Franco Mundo unitamente all’impegno costante del presidente Oliverio. Il provvedimento appare oggi ancora più opportuno alla luce delle recenti vicissitudini della Tecnis (la società che dovrebbe realizzare il nuovo Ospedale della Sibaritide – n.d.c), che devono spingere ad un ulteriore impegno per garantire al più presto all’intera area jonica ospedali-spoke idonei alla salvaguardia dell’insopprimibile diritto costituzionale alla salute dei cittadini».

Pino La Rocca

Terranova da Sibari-05/12/2015:La Mongolfiera incontra i sindaci

12348670_1103557836322289_1982579984_n 12336158_1103557829655623_1756339690_n 12319503_1103557856322287_1800337864_n 12319292_1103557992988940_1190410227_n
la Mongolfiera incontra i sindaci
Grande entusiasmo dei sindaci dell’Alto Ionio che il 30 novembre u.s.hanno incontrato esponenti de la Mongolfiera, associazione senza fini di lucro, con sede legale in Terranova da Sibari. Le due delegazioni erano rappresentate dall’avvocato Leonardo Lucente, dal dott. Ivano Schito, dalla dott. Ssa Santagata, dalla dott ssa Rossella Esposito,dal dott. Alessandro Cassetti, dalla Presidente della Mongolfiera dott.Ssa Gina Santagata, dal dott. Luigi Lirangi sindaco di Terranova da Sibari, accompagnato dall’assessore Pino Costa, dal
Sindaco di Francavilla avvocato Leonardo Valente, dal sindaco di Villapiana avv.Paolo Montalti accompagna to dal vicesindaco dott. Luigi Cavaliere. Inoltre intorno al tavolo rotondo erano presenti altri delegati di amministrazioni locali oltre a rappresentanti di due importanti associazioni di volontariato.. Tutti hanno convenuto l’importanza della nascita di una forma di assistenza domiciliare oncologica e di cure di fine vita. Sopratutto l’iniziativa è rivolta alle persone meno abbienti ed ai pazienti non autosufficienti ed ipomobili. In un clima di serena convivialità. Il dott. Ivano Schito s cui è stato chiesto di redigere un piano di assistenza domiciliare oncologica e di cure palliative, ha sapientemente illustrato con dovizia di particolari, il progetto che prevede, inoltre, anche l’aiuto e la presa in carico dei familiari dei pazienti. Ha dato pertanto risalto anche alla formazione di personale dedicato ed attento alla multiculturalita’ ed alla religiosità. L’avvocato Leonardo Lucente ha poi specificato le linee tecniche di intervento nelle varie zone dello Ionio cosentino. Mentre la dottoressa Maria Antonietta Santagata ha illustrato la parte relativa al centro ascolto rivolto, in modo particolare, all’aiuto ed al sostegno dei care givers r dei familiari tutti. Il dott. Alessandro Cassetti ha ricordato l’entusiasmo suscitato nell’ultimo convegno de la mongolfiera tenutosi a Benevento , a cui hanno partecipato importanti esponenti della pubblica istruzione, anche il provveditore agli studi, e medici di base e specialisti ospedalieri. Tutti hanno offerto la massima disponibilità a far parte della rete della solidarietà proposta dalla associazione Mongolfiera.
Infine i sindaci hanno concluso con il presidente de la Mongolfiera , dott. Ssa Gina Santagata, di dover assolutamente dare vita al progetto nel più breve tempo possibile subito dopo la sua Istituzionalizzazione con un convegno che si terrà a Villapiana prima di Natale, proposto dall’ avvocato Paolo Montalti, sindaco.
Brindisi finale suggella il go della partenza che, a piccoli passi, come ha detto l’avvocato Leonardo Valente, ci farà fare più grandi progetti per l’umanità sofferente. Ad Maiora, dunque !
Il clima respirato all’uscita dell’assise era quello di estrema soddisfazione per quanto convenuto nel segno della “buona politica” e delle semplici ma grandi risposte che essa può dare ai cittadini.
Leonardo Lucente

Terranova da Sibari-02/11/2015: Il Dialogo ( di Raffaele Caracciolo)

I Santi e i Defunti
Nei primi due giorni di Novembre si celebrano i Santi e si visitano i Defunti. Sono due ricorrenze che esaltano la venerazione per i Testimoni della grazia di Dio ed il ricordo delle persone che hanno vissuto con l’affetto di chi oggi avverte nostalgia per il loro distacco.
La commemorazione dei Defunti non può essere un rito riservato alle occasioni dettate dal calendario. Il ricordo delle persone con le quali siamo vissuti, abbiamo gioito, a volte pianto ,suscita emozione naturale che ci riporta al tempo felice dell’infanzia I Defunti occupano un posto nel nostro cuore , la loro memoria vive con il ricordo di chi li ha stimati. “Solo chi non lascia eredità d’affetto poca gioia ha dell’urna” esclamava Ugo Foscolo. Infatti prevale la morte quando vince l’oblio; quando nessuno depone un fiore sulla tomba o recita una preghiera. .Omaggio al 2 novembre,data convenzionale per ricordare i nostri cari che ci hanno preceduto. Oltre siffatta data rimane l’amore nel cuore di ciascuno perché il sentimento di gratitudine e di affetto verso i nostri congiunti non conosce data né scadenza. I nostri morti rappresentano la nostra vita e il nostro essere persona in cerca di serenità. Riposino nella pace con la speranza di incontrarci un giorno in una dimensione celeste e luminosa.
Raffaele Caracciolo

Terranova da Sibari-10/06/2013: ”Il diritto alla salute tra nuove patologie ed innovazione tecnologica”.

L’Associazione di promozione socio-culturale “Il Dialogo ”nata sei anni or sono per iniziativa dell’avv. Raffaele Caracciolo, in Terranova da Sibari, ha promosso un  incontro con un personaggio , concittadino, che con la sua professionalità nel campo medico si è imposto all’attenzione degli ambienti scientifici nazionali ed internazionali: il dott. Antonio Fioravanti, Neurochirurgo IRCS Scienze neurologiche dell’Ospedale Bellaria di Bologna. Nella sala della biblioteca comunale, l’illustre studioso, salutato dai dirigenti dell’associazione, Raffaele Caracciolo, Enzo Apa e Cosimo Falcone e da molti amici, ha relazionato sul tema: ”Il diritto alla salute tra nuove patologie ed innovazione tecnologica”. L’intervento del neurochirurgo è stato seguito con estrema attenzione dai numerosi presenti i quali hanno apprezzato la chiarezza con la quale il dott. Fioravanti ha esposto concetti che spesso riescono incomprensibili ai più. Ad ascoltare il dott. Fioravanti, emigrato da giovane età da Terranova da Sibari nel 1981,si sono ritrovati in molti, lieti di poterlo salutare e congratularsi per i notevoli successi che ottiene nel campo scientifico. Seguita con apprensione è stata la descrizione della sua nuova tecnica per sconfiggere i tumori al cervello. ”Si basa, ha precisato, su un colorante che localizza le cellule neoplastiche sulle quali si interviene con una certa sicurezza”. La relazione è stata ampia ed ha compreso varie patologie e le cure innovative che oggi sono disponibili per ogni caso oncologico .In conclusione il presidente de Il Dialogo, avv. Caracciolo, ha consegnato” all’illustre concittadino una targa in ricordo dell’incontro odierno ed in omaggio alla sua dote di neurochirurgo eccellente di cui i terranovesi possono dirsi fieri perché vedono in lui un riferimento sicuro stante la sua immensa e riconosciuta scienza medica ed umana solidarietà.” Un’altra targa è stata consegnata dal vice sindaco Pino Costantino, inviata dal sindaco unitamente ad una lettera consegnata dal coordinatore della manifestazione Placido Bonifacio.

Reggio Calabria-06/11/2012:Giulia Montera, una vita spezzata

Giulia Montera, una vita spezzata. Passera’ anche dal grande schermo la sete
di giustizia
Il progetto del film e’ gia’ realta’. E’ ufficiale, sabato 10 Novembre sara’
presentato il tutto alla stampa, e per questo evento si e’ scelto e si e’
ottenuta la concessione di Palazzo Campanella a Reggio Calabria, sede del
consiglio regionale della Calabria. Come dire un’evento importante merita una
sede importante. Confermato anche lo staff operativo targato unalottaxlavita.
Si da mandato ad Alfredo Li Bassi per la Regia, a Mauro Graiani per la
sceneggiatura, a Mariana Melchionna per le scenografie. Si affida all’attore
Agostino Conte l’organizzazione esterna. Formato anche il cast degli attori. E’
notizia di queste ore la scelta di inserire nel gruppo l’attore Michele Li
Volsi,le attrici Calabresi, reggine per l’esattezza, Cettina Crupi e Maria La
Rocca. Ilpatron della pellicola, che lo ricordiamo avra’ una finalita’ sociale
e benefica, Gabriele Montera conferma al suo fianco in questa avventura, come
stretti collaboratori, Salvatore Melchionna, Renato di Pietro, Stefano
Federico, Maria Arcuri, Michele Lo Bianco, Valentina Albini, Carmelo Tevere ed
Antonino Ventura. Particolare importanza ricopriranno nel film anche le colonne
sonore di inizio e fine film. Cureranno le colonne sonore il gruppo calabrese
dei FabulaNova e quello pugliese degli ErosCoverBand. Tutto al gran completo,
dunque, lo staff tecnico. Di grande risalto sono i nomi noti al grande schermo
nazionale che faranno parte del film, si va’ dal conosciuto Luigi Maria
Burruano al grande Vito Napolitano, passando per attori del calibro di Paolo
Turra’, Costantino Comito, Elena Alice Villareal, Antonio tedesco, Giovanna
Macaluso, Markus Kanzar. Lo scopo della riuscita del film e’ ridare speranza  e
sete di giustizia alla piccola sfortunata Calabrese vittima di mala sanita’,
saranno infatti i primi due anni e mezzo di vita della bambina ad essere il
soggetto del film. Una storia vera, dunque, dai contorni non proprio
trasparenti, pende infatti un procedimento penale a carico dei medici che hanno
avuto in cura Giulia e sua mamma. La bambina in questione ad oggi non parla,
non sente, non vede e non cammina. E’ attaccata a macchinari e mangia
attraverso un sondino, e soprattutto i genitori ancora attendono da lei un
sorriso.

Trebisacce-21/10/2012: Trofeo Deliart 2012

TERRANOVA DA SIBARI – 03/02/2012:Sarà inaugurata domenica 5 febbraio la Love for Music Academy.

TERRANOVA DA SIBARI – (Comunicato stampa) Sarà inaugurata domenica 5 febbraio, a partire dalle ore 18, a Terranova da Sibari (Corso Margherita, 245) la Love for Music Academy.

Si tratta di un’Accademia delle arti, legate anche allo spettacolo, tra le più complete e attrezzate della Calabria. Essa viene al mondo con lo scopo di promuovere la diffusione della cultura musicale, in una struttura completamente nuova con metodologie d’insegnamento all’avanguardia. Il progetto nasce da un gruppo di professionisti, ma soprattutto appassionati, che credono nelle buone idee. L’accademia impartisce lezioni di tutti gli strumenti musicali, di teoria e solfeggio, di armonia e storia della musica, ed ha come finalità l’insegnamento delle discipline musicali e la diffusione della cultura musicale mediante l’organizzazione e la realizzazione di concerti, rassegne e manifestazioni. La Love for Music ACADEMY è un’importante iniziativa per dare spazio a giovani che desiderano coltivare le proprie passioni. Musica, canto, recitazione, dizione, cinematografia, video editing, teatro e fotografia si uniscono, dando vita all’arte più completa che esista.

I presidenti Fabio Sposato e Francesco Sposato, con il contributo di qualificati collaboratori, hanno formato una squadra di artisti ed insegnanti qualificati completamente al servizio dei ragazzi. L’obiettivo è quello di sviluppare, attraverso la musica, l’intelligenza e la personalità degli allievi, nonché il loro innato senso creativo e la loro capacità di esprimere sentimenti ed emozioni.

La struttura offre Corsi di altissimo livello musicale; Aule ben strutturate per garantire al meglio lo svolgimento delle varie lezioni utilizzabili in orario scolastico e/o extrascolastico; Corsi di Regia cinematografica; Corsi di Dizione e Recitazione; Stage, Master, Seminari; Corso di fotografia.

In occasione dell’inaugurazione, saranno aperte le iscrizioni.