Category Archives: Villapiana

Villapiana-21/09/2017: Sequestrato l’ex Campo Sportivo

VILLAPIANA Tanto tuonò che piovve e così, dopo le denunce della Minoranza per le condizioni di degrado in cui veniva tenuto, l’ex campo sportivo di contrada San Francesco utilizzato dalla BSV come area di stoccaggio degli sfalci e di altri rifiuti, è stato posto sotto sequestro. Dal controllo dei militari della Stazione Carabinieri Forestali di Corigliano è emerso infatti che l’area, (nella foto) in disuso da diversi anni, è stata usata per depositare una grossa mole di rifiuti eterogenei abbandonati sul suolo, principalmente, resti di potature vegetali provenienti dalla manutenzione di giardini privati, in piccola parte già sottoposti a cippatura, misti a sacchetti di plastica, alcuni dei quali contenenti residui vegetali e alcuni ingombranti quali materassi, sedie, tavoli, bottiglie di vetro e plastica e tronchi depezzati di palme. Sono questi i reati contestati alla BSV che usava da diverso tempo l’ex campo sportivo di calcio di Villapiana come stoccaggio di rifiuti. Motivo per cui la suddetta area è stata posta sotto sequestro per “gestione illecita di rifiuti e stoccaggio non autorizzato effettuato in area vincolata”. Si tratta, secondo la nota emessa dalla Regione Carabinieri Forestale “Calabria”, Gruppo di Cosenza, di rifiuti principalmente classificabili in urbani non pericolosi, con relativo pericolo d’inquinamento, degrado e alterazione del sito sottoposto a tutela ambientale, idrogeologica con destinazione urbanistica, “sportiva e attrezzata” molto diversa da quella attualmente in uso. «Tra le altre cose – si legge infine nella nota – lo stato secco dell’enorme massa di rifiuti vegetali rinvenuti, frammisti a plastica, costituisce combustibile altamente infiammabile per cui si è proceduto al sequestro dell’area e al deferimento dell’amministratore della ditta, la municipalizzata BSV, che dovrà ora smaltire il materiale rinvenuto nel rispetto della normativa». Le denunce mosse dai componenti della minoranza PD, dai Giovani Dem e dal Partito Democratico – ha scritto il segretario del PD Domenico Filardi – trovano sempre fandamento in dati tangibili e dimostrabili. Chi vorrebbe mistificare le nostre azioni alludendo al grido alla luna – ha concluso Filardi – dovrebbe cominciare a ravvedersi dei propri comportamenti e magari pensare seriamente di lasciare il proprio ruolo perchè inadeguato ed incapace a gestirlo». «La giustizia faccia il suo corso ha scritto da parte sua Adofo De Santis segretario dei Giovani Dem di Villapiana apostrofato in malo modo all’epoca della sua denuncia – e venga presto restituita la dignità che le spetta ad una area importante per lo sport e per Villapiana. Politicamente ed umanamente – ha concluso De Santis – i vostri insulti sono stati medaglie al petto per me sin dal primo momento ma, statene certi, ne riparleremo a breve dai palchi».

Pino La Rocca

 

 

Villapiana-20/09/2017: La minoranza interroga la Pro Loco

Ilaria Costa

VILLAPIANA La Pro Loco di Villapiana nel corso dei mesi di luglio e agosto 2017, ha ricevuto dal Comune 14.800 euro per “la fase organizzativa e realizzativa, la programmazione e l’espletamento del servizio di informazione e accoglienza turistica”. «Come sono stati spesi questi soldi?». Questa la domanda rivolta alla Pro Loco dal consigliere di Minoranza Ilaria Costa nell’esercizio delle sue funzioni. «Per chi avesse bisogno di un urgente rendiconto su come vengono spesi i contributi ricevuti dall’amministrazione comunale, – si legge nella risposta del presidente della Pro Loco che ne approfitta per comunicare che le iscrizioni all’associazione sono aperte – è pregato, come da Statuto, di iscriversi alla Pro Loco, di farne parte attiva e di lavorare e solo allora può avere delucidazioni sulla vita dell’associazione». Pronta la replica di Ilaria Costa ex candidata-sindaco di “Villapiana Domani” che, senza voler polemizzare, si dichiara sorpresa della risposta ad «una domanda “politica” che chiede chiarimenti su come vengono spesi i soldi pubblici trincerandosi dietro una presunta carenza di legittimità». Dopo aver ricordato che «sono anni che il gruppo “Villapiana Domani” lavora per consentire la crescita del paese senza ricevere contributi, senza ambire ad incarichi, senza sfiorare poltrone e potere e, pur guardando alla Pro-Loco con benevolenza, sa di avere un ruolo nel quale crede e per il quale spende tempo, energie e dignità. Codesta Pro-Loco – si legge ancora – ha ricevuto dei contributi significativi dall’Ente da noi amministrato sebbene come Minoranza, ed è perciò nostro diritto-dovere sapere come questi soldi sono stati investiti. Prima, per rispondere ai cittadini e poi, alla nostra coscienza…. Non raccogliamo – si legge infine – il suo invito ad iscriverci alla Pro-Loco perchè non saremmo in grado di apportare nulla di più rispetto a quanto Lei ed il Suo gruppo state facendo ma continueremo, nel nostro piccolo e con le nostre forze, ad inseguire l’utopia del miglior uso possibile dei soldi pubblici, cavalcando il nostro personalissimo “ronzinante”.

Pino La Rocca

Villapiana-19/09/2017: Porte serrate al Liceo Musicale

Liceo Music. Vill. 1

VILLAPIANA Il 14 settembre scorso in Calabria si sono aperte le scuole di ogni ordine e grado ma non si è aperto il tanto atteso Liceo Musicale di Villapiana perché l’Ufficio Scolastico Regionale ed il Ministero dell’Istruzione non hanno concesso il “nulla osta” richiesto in tempo debito dall’esecutivo comunale che, per la cronaca, lavora all’apertura di un istituto scolastico di 2° grado a Villapiana da oltre due anni. Il “palazzo” sicuramente c’è rimasto male, ma non ha comunicato finora le motivazioni ufficiali per cui non è stata concessa l’autorizzazione. Ma male ci sono rimasti soprattutto i tanti giovani talenti che sognavano di poter accedere nel loro paese a un corso di studio che, col passare del tempo, diventa sempre più gettonato. Il motivo? In attesa che si faccia chiarezza, c’è chi parla di incompatibilità zonale e di sovrapposizione con il Liceo Coreutico-Musicale “Dante Alighieri” di Trebisacce che ha lo stesso indirizzo. Del resto però lo stesso edificio scelto per accogliere la nuova scuola a indirizzo musicale (l’edificio dell’ex Scuola Materna di contrada Murata  -nella foto) per i cui lavori di adeguamento, che comunque dovevano terminare il 4 aprile 2017, l’esecutivo comunale ha acceso un mutuo di 280mila euro, non è ancora pronto, dando così adito alla Minoranza di parlare di spreco di denaro pubblico e al segretario del circolo cittadino del PD Domenico Filardi di ironizzare. «Inizia un nuovo anno scolastico, – ha scritto Filardi ricordando che un buon padre di famiglia di solito non spreca i soldi del bilancio familiare – un augurio ed un in bocca al lupo particolare a tutti i ragazzi che frequenteranno il primo anno del Liceo Musicale di Villapiana!». Non è detto comunque che il sogno lungamente accarezzato dal sindaco Montalti non debba avverarsi l’anno prossimo, proprio in coincidenza con l’ultimo anno di mandato amministrativo.

Pino La Rocca

VILLAPIANA -18/09/2017: La Regione aumenta le tariffe per il conferimento alle discariche regionali dei rifiuti solidi urbani

VILLAPIANA La Regione aumenta le tariffe per il conferimento alle discariche regionali dei rifiuti solidi urbani: protesta, perché si ritiene penalizzato, il comune di Villapiana che si è impegnato nell’avvio della raccolta differenziata col sistema del “porta a porta” investendo copiose risorse finanziarie. E’ per questo che l’esecutivo comunale guidato dal sindaco Paolo Montalti ha adottato una deliberazione di Giunta avversa al nuovo Piano Tariffario varato dalla Giunta Regionale con Delibera n. 344 del 25 luglio 2017 relativo al conferimento dei rifiuti a partire dall’annualità 2018. L’esecutivo comunale ha protestato in particolare contro l’aumento indiscriminato delle tariffe che, secondo la Delibera di Giunta, finisce per penalizzare i comuni virtuosi che hanno raggiunto una percentuale di raccolta differenziata pari al 65%. In base al nuovo Piano Tariffario varato dalla Regione dopo aver interrotto il lungo periodo di commissariamento del Dipartimento Ambiente e Territorio, la tariffa per la frazione differenziata passa da 107,00 euro a tonnellata del 2017 a 165,00 euro a tonnellata per il 2018, mentre la frazione umida passa da 92,61 euro a tonnellata per il 2017 a 104,00 euro per il 2018. Tutto questo, secondo gli amministratori di Villapiana, penalizza il comune di Villapiana che di recente si è dotato di attrezzature e automezzi oltre che di risorse umane per avviare sul proprio territorio la raccolta differenziata con il sistema del “porta a porta” affidata alla partecipata comunale BSV e avviata prima dell’estate e che avrebbe già raggiunto risultati ottimali. Ma il nuovo Piano Tariffario, rispetto a cui sarebbe stato forse più opportuna una presa di posizione unitaria di tutti i Comuni dell’Alto Jonio che differenziano con lo stesso sistema tra cui Trebisacce, secondo l’esecutivo-Montalti finisce per penalizzare i cittadini che si sono impegnati a collaborare con il Comune attraverso pratiche virtuose e che, invece di ricevere incentivi e sgravi, saranno assoggettati all’aumento delle tariffe. Alla legittima protesta la Giunta ha fatto seguire la proposta di ripensare il Piano Tariffario e di prevedere un adeguato ristoro per i Comuni virtuosi.

Pino La Rocca  

VILLAPIANA-11/09/2017: Centro di Informazione Turistica trasformato in “Ufficio Start-up”

Centro Inf. Turistica

VILLAPIANA Centro di Informazione Turistica (nella foto), realizzato con finanziamento propiziato dal Gal Alto Jonio “Federico II”, trasformato in “Ufficio start-up” al servizio della raccolta differenziata: ha protestato il capogruppo di Minoranza Luigi Bria per un cambio di destinazione d’uso ritenuto abusivo. «Il centro di informazione turistica di Villapiana Lido – ha scritto il dottor Luigi Bria – doveva servire a quanti necessitavano di informazioni riguardanti le attività, le attrazioni ed i collegamenti che il nostro territorio offre ma, in barba allo scopo per cui è stato realizzato, viene utilizzato esclusivamente per informazioni inerenti la raccolta differenziata appena avviata nel nostro paese». E non si è trattato neanche, secondo quanto riferisce Bria, di un utilizzo limitato al solo periodo estivo come aveva assicurato l’assessore a Turismo e Ambiente Stefania Celeste, perché sul sito del Comune nei giorni scorsi è comparso l’orario di apertura e chiusura dell’Ufficio start-up della raccolta differenziata che dalle 8.30 alle 12.30 del lunedì e dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 16.00 alle 20.00 per gli altri 5 giorni della settimana, compreso il sabato. «Questo atteggiamento – ha tuonato l’ex sindaco Luigi Bria – dimostra la mancanza assoluta di regole nella gestione della cosa pubblica, la qual cosa testimonia come, secondo gli amministratori in carica, alla guida del Comune si possa fare tutto ed il contrario di tutto». «Il Centro di Informazione Turistica – ha risposto tempestivamente l’assessore Celeste – è stato attivo e funzionante durante tutta la stagione estiva e ha svolto in modo efficace le sue funzioni. Non capisco – ha aggiunto – come si possa affermare il contrario: il servizio di Informazione Turistica è stato svolto in modo egregio dagli operatori a beneficio della promozione territoriale, delle attrazioni presenti nel Comprensorio, delle manifestazioni organizzate e delle attività commerciali che sono state promosse. Che per comodità si sia utilizzata una postazione come ufficio start up della Raccolta differenziata per consegnare i kit di attrezzature all’utenza Estiva è stato un servizio altrettanto meritorio ed efficace che l’amministrazione Comunale ha voluto offrire, ma il citato servizio – ha concluso la dr.ssa Celeste – non ha precluso l’attività principale del Centro che resta quella dell’Informazione Turistica, della quale la città di Villapiana può essere orgogliosa».

Pino La Rocca

 

Villapiana-09/09/2017: Antonio Fini conquista ancora New York

FINI DANCE FESTIVAL – COMUNICATO STAMPA

Antonio Fini conquista ancora New York

Un successo straordinario per la tappa statunitense del Fini Dance Festival

 

08 SETTEMBRE 2017 – Si è conclusa da pochi giorni a New York la settima edizione del Fini Dance Festival – Italian International Dance Award, diretta dal danzatore e coreografo calabrese originario di Villapiana (CS) Antonio Fini

La serata finale, presentata magistralmente dalla star televisiva d’oltreoceano Ornella Fado, conduttrice del programma “Brindiamo!” sul canale televisivo statunitense NYC Media, si è svolta all’Alvin Ailey Dance Theater il 31 agosto, dopo ben 10 giorni di lezioni intensive per gli studenti italiani giunti nella Grande Mela.

Antonio Fini ha diretto magistralmente il Festival conferendogli un’impronta ricca di calabresità fin dalle sue prime battute, con una tarantella in apertura eseguita dai ragazzi della Fini Dance Summer School. A seguire l’esibizione di tip tap di Davide Accossato, danzatore premiato proprio a Villapiana a luglio come miglior danzatore del 2017 nel corso degli Alto Jonio Dance Awards. Presenti tra le compagnie giunte dall’Italia Movin’beat di Antonella Perazzo e RIDA Rome International Dance Academy di Andrea Palombi, entrambe da Roma, nonché la JH Company di Helena Florio e Jlenia Zaffagnini da Bologna.

Fini ha eseguito un assolo dal titolo “Gym-me”, su musiche di Vivaldi, che racconta con ironia l’estremismo del workout del nostro tempo, e “Verdi Requiem” insieme ad altri 6 danzatori della Michael Mao Dance Company, tra cui Alessio Crognale e Antonio Cangiano, scoperti a Villapiana nel 2014 e premiati con i Rising Star Award.  A Marie Lorene Fichaux, che ha eseguito insieme a Cristina Koeng la coreografia “Sin Palabras” di Nacho Duato, è stato infine consegnato il premio Italian International Extraordinary Dancer Award.

Ad essere premiata con il premio Italian International Lifetime Achievement Award è stata Terese Capucilli, danzatrice storica della compagnia Martha Graham Dance Company e direttrice della stessa al termine della battaglia legale avvenuta dopo la morte della famosa coreografa. Terese ha condiviso il palcoscenico insieme a celebrità come Rudolf Nureyev e Michael Baryshnikov e nel 1993 ha fondato anche la compagnia Buglisi Dance Theater insieme a Jacqulyn Buglisi, Donlin Foreman e Christine Dakin. Il New York Times l’ha considerata la migliore danzatrice degli anni ‘90 per la sua intensa espressività. 

Al termine della serata in teatro si è svolta la cerimonia di gala con tanto di red carpet nel celebre ristorante Lattanzi sulla 46ᵃ strada.

 

Giuseppe Osnato

Ufficio Stampa Alto Jonio Dance

 

Villapiana-06/09/2017:PD: SS.106 ,nessuno remi contro!

bty

bdr

VILLAPIANA Bisognerà aspettare altri 7 anni (2024) per lo svolgimento di tutte le procedure e per il completamento dei lavori, ma ora la strada per il 3° Macrolotto della S.S. 106 è tutta in discesa e nessuno, considerato che sono passati circa 20 anni dal primo progetto, dovrà mettersi di traverso per non sciupare lo sforzo sinergico compiuto finora dal presidente Oliverio, dai sindaci e dalla deputazione calabrese regionale e nazionale. E’ quanto hanno sostenuto all’unisono, nel corso di un incontro su sul tema “Ammodernamento della S.S. 106 e prospettive” svoltosi ieri sera a Villapiana organizzato dal PD locale insieme a “Zona Dem” e coordinato da Roberto Rizzuto, il segretario cittadino del PD Domenico Filardi, l’ing. Giancarlo Luongo dell’Anas, il presidente di “Basta vittime sulla S.S. 106” ing. Fabio Pugliese e inoltre l’on. Mimmo Bevacqua presidente della commissione regionale Ambiente e Territorio, l’assessore regionale ai Trasporti Roberto Musmanno ed il Sen. Salvatore Margiotta, lucano, responsabile nazionale Infrastrutture del PD. Tutti gli intervenuti si sono trovati d’accordo nel sostenere che la S.S. 106, per la quale il Governo ha investito oltre un miliardo di euro, è un’opera strategica sotto l’aspetto della mobilità pubblica e della sicurezza stradale non solo per lo Jonio ma per l’intera Calabria e per tutto il Mezzogiorno ed è per questo che bisogna evitare le contrapposizioni e remare tutti nella stessa direzione per evitare altri ritardi e altre vittime. «Siamo stati molto coinvolti – ha dichiarato a nome degli altri sindaci il primo cittadino di Trebisacce Franco Mundo intervenendo nel dibattito, parlando di un bicchiere mezzo vuoto e provocando perciò una reazione stizzita da parte dell’assessore regionale Musmanno – ma poco ascoltati! Noi – ha aggiunto – avevamo proposto soluzioni che coniugavano la sicurezza stradale e la tutela del territorio ma alla fine ci è stato imposto un tracciato che, abolendo le gallerie artificiali e sostituendole con le trincee, finisce per deturpare le terrazze marine dell’Alto Jonio e arrecare un danno ambientale al territorio».

Pino La Rocca

VILLAPIANA-04/09/2017: Non solo spiaggia, non solo mare e sole, ma valorizzazione del borgo antico come marcatore identitario e attrazione turistica.

VILLAPIANA Non solo spiaggia, non solo mare e sole, ma valorizzazione del borgo antico come marcatore identitario e attrazione turistica. E’ quello che si prefigge l’Amministrazione Comunale-Assessorato a Turismo e Ambiente che, d’intesa con l’esecutivo comunale guidato dal sindaco Paolo Montalti, ha promosso una serie di eventi itineranti con l’obiettivo di portare i turisti tra le strade e nei vicoli del centro storico. Così, durante la scorsa estate, secondo quanto ha sostenuto l’Assessore al Turismo Stefania Celeste, grazie alle tante visite guidate organizzate in collaborazione con la Pro-Loco ed il Tourist Center di Villapiana, tantissimi turisti hanno potuto visitare l’antico borgo rimanendone piacevolmente sorpresi e affascinati. «La volontà di  far scoprire l’altro volto di Villapiana costituito dall’antico Borgo, ha scritto la Celeste – nasce dalla consapevolezza delle potenzialità che lo stesso può esercitare per lo sviluppo turistico di Villapiana, per attrarre nuovi flussi turistici e per essere in linea con i nuovi trend dell’offerta turistica che punta molto sul turismo culturale ed esperienziale». Le visite guidate sono state offerte in modo gratuito e, con l’obiettivo di destagionalizzare l’offerta turistica, continueranno anche nel mese di settembre. «L’intenzione – ha aggiunto l’assessore Celeste – è quella di definire più di un percorso in base alle esigenze dei visitatori e alla disponibilità di tempo, in modo da far visitare palazzi, chiese, monumenti, natura… non limitando il percorso turistico  alla sola Villapiana ma coinvolgendo la vicina cittadina di Plataci che può mettere a disposizione le sue attrattive montane, ivi compreso un magnifico Parco-Avventure. Oltre alla risorsa-mare – ha concluso Stefania Celeste – i beni ambientali di cui possiamo disporre costituiscono un’importante opportunità anche per il rilancio del mercato immobiliare, perché molti turisti, nel visitare i nostri borghi antichi, sono invogliati e chiedono informazioni sulle quotazioni immobiliari relative a tantissime abitazioni che risultano disabitate e che, tra l’altro, si dimostrano abbastanza competitive».

Pino La Rocca

VILLAPIANA-29/08/2017: L’assessore usa la Giulietta del Comune come se fosse un’auto privata:

Giulietta del Comune

VILLAPIANA L’assessore usa la Giulietta del Comune come se fosse un’auto privata: reagisce il capogruppo di Minoranza Luigi Bria postando sul web la foto dell’auto parcheggiata sotto casa dell’assessore  e, dopo aver rivelato che la Giulietta è stata utilizzata dall’assessore al Turismo Stefania Celeste per tutta l’estate, ha parlato ironicamente… “di amministrazione trasparente”. Numerosi e quasi tutti trancianti i commenti sul web: c’è chi ha messo tutti gli amministratori nello stesso calderone, c’è chi ha invitato la Minoranza a denunciare il presunto abuso e c’è pure chi, rifacendosi a un noto film di Totò, ha scritto…”E io pago”. La risposta dell’assessore nei confronti dell’ex sindaco non si è fatta attendere: «L’accusa in questione non meriterebbe una risposta perché si tratta di accanimento personale e di chiara e palese speculazione politica. Se avessi voluto nascondermi – ha aggiunto l’assessore al Turismo – non  l’avrei certo lasciata sotto casa ma ho la coscienza troppo pulita per temere alcunché. Del resto – ha aggiunto – non è la prima volta che accade! Forse le dà fastidio che qualcuno si stia davvero impegnando per Villapiana? Le dà fastidio vedermi sempre sorridente e impegnata? Le dà forse fastidio – conclude la Celeste accennando ad altri accadimenti del passato che a suo dire meriterebbero solo disprezzo – che qualcuno a Villapiana riconosca e apprezzi il mio impegno per la città?».

Pino La Rocca

 

 

 

 

 

VILLAPIANA -25/08/2017: Ancora fuoco nell’Alto Jonio.

VILLAPIANA Ancora fuoco nell’Alto Jonio. Questa volta il testimone degli incendi che hanno finito per distruggere quasi tutto il patrimonio boschivo anche per l’approssimazione con cui vengono combattuti i roghi, è passato da Albidona a Villapiana e poi a Plataci, i cui territori negli anni scorsi sono già stati devastati dal fuoco. Nel primo pomeriggio di giovedì il fuoco ha infatti preso ad ardere alle spalle del centro storico di Villapiana e precisamente sul lato destro del torrente Satanasso, in una zona impervia e coperta di una fitta vegetazione di pini dove, da quanto si è saputo nell’immediato, è difficile intervenire da terra. In serata, sfuggito al controllo dei pochi uomini da terra (Calabria Verde, Vigili del Fuoco Volontari, Volontari Pcgl di Villapiana e associazione Compagnia delle Foreste), il fuoco è salito verso Plataci dove, grazie anche al sopraggiungere della notte, ha trovato terreno fertile, attaccando la foresta di Plataci che si estende alle spalle della Montagnola. Solo ieri sono giunti sul posto due Canadair che, ad iniziare dalle 8 del mattino, hanno fatto una serie interminabile di lanci per ridurre alla ragione il fuoco, ma anche questa volta il danno è incalcolabile: decine e decine di ettari di bosco sono andati in fumo insieme a uliveti, alberi da frutta, orti, vigne e tanta paura per le persone che hanno rischiato la pelle. Sul web già dal pomeriggio di giovedì è scattato l’allarme e l’appello ad intervenire ma ancora una volta si sono registrati ritardi nell’arrivo dei mezzi aerei che, in zone impervie come quelle, sono le uniche armi per poter domare le fiamme. E, a questo proposito, a nulla sono valsi finora gli accorati appelli degli amministratori dell’Alto Jonio che da tempo chiedono di essere dotati di uomini e mezzi per intervenire tempestivamente e direttamente sui focolai degli incendi, prima che essi diventino inarrestabili.

Pino La Rocca