Category Archives: Villapiana

VILLAPIANA-21/11/2017: Festeggiata nelle scuole la Giornata Nazionale degli Alberi

VILLAPIANA Festeggiata nelle scuole la Giornata Nazionale degli Alberi: una bella occasione per trasmettere alle nuove generazioni la cultura del rispetto per l’ambiente e per la difesa degli alberi che ne costituiscono una componente indispensabile sia per il clima che per la sicurezza alimentare. Rinverdita quindi l’antica “Festa degli Alberi” istituita come ricorrenza nazionale con una legge della Repubblica nel 2013, ma che affonda le sue radici nel lontano 1898 per iniziativa dell’allora Ministro della Pubblica Istruzione Guido Baccelli. L’obiettivo della ricorrenza è quello di valorizzare l’importanza del patrimonio arboreo e di ricordare il ruolo fondamentale ricoperto da boschi e foreste. Due i momenti della manifestazione organizzata a Villapiana in sinergia tra le amministrazioni comunali di Villapiana e di Plataci e l’Istituto Comprensivo “G. Pascoli” di Villapiana che comprende anche il Plesso Scolastico di Plataci. Il primo momento dell’evento si è infatti svolto a Plataci. Qui, dopo il saluto delle autorità militari e civili è seguita la cerimonia di messa a dimora di alcune specie arboree e da un’azione dimostrativa del Gruppo Antincendi Boschivi formato dai Volontari della Protezione Civile “Compagnie delle Foreste di Plataci”. Il secondo momento ha avuto luogo nella Pineta del Lungomare di Villapiana-Lido dove sono stati protagonisti gli alunni dell’Istituto Comprensivo “G. Pascoli” i quali, alla presenza del sindaco Paolo Montalti e dell’assessore all’Ambiente Stefania Celeste, delle autorità militari tra cui il Maresciallo Luigi Potenza Comandante della Stazione dei Carabinieri di Villapiana ed il Maresciallo Cosimo Cervellera Comandante della Stazione dei Carabinieri Forestali del Parco presente anche con una Unità Cinofila, hanno messo a dimora alcune essenze arboree con l’intento ideale di integrare le migliaia di alberi distrutti negli ultimi anni da tanti piromani finora rimasti purtroppo impuniti. L’evento, illustrato dal sindaco Paolo Montalti che nel sottolinearne l’importanza formativa e didattica soprattutto per gli alunni ha ricordato la piaga degli incendi, si è concluso con la visita guidata alla Pineta del Lido a cura dell’Ordine dei Dottori Agronomi e Forestali della Provincia di Cosenza e del CREA (centro di ricerca foreste e legno) di Cosenza. 

Pino La Rocca

Villapiana-21/11/2017: Ospedale: Montalti precisa la sua posizione

Paolo Montalti

Ospedale Trebisacce

VILLAPIANA Riapertura dell’Ospedale di Trebisacce: il sindaco di Villapiana Paolo Montalti contesta le inadempienze della politica che finora non ha rispettato le Sentenze dei giudici e i Decreti della struttura commissariale ed è pronto a sottoscrivere il documento di protesta insieme a tutti i 17 sindaci dell’Alto Jonio Cosentino, ma non intende sostenere la causa di quanti chiedono “la testa” del Commissario Scura. Ed è per questo che il primo cittadino di Villapiana, pur rispettando, a  suo dire, le posizioni degli altri colleghi-sindaci, prende le distanze da quanto riportato su qualche organo di stampa che i sindaci dell’Alto Jonio Cosentino, partecipando convintamente al Consiglio Comunale “aperto” convocato dall’amministrazione comunale di Trebisacce per rilanciare con forza il problema della riapertura del “Chidichimo”, abbiano sottoscritto un documento in cui si chiede la rimozione del Commissario Scura ed il passaggio della sanità regionale nelle mani del presidente Oliverio. «A me – ha dichiarato testualmente l’avv. Montalti in riferimento alle minacce del Presidente Oliverio di incatenarsi davanti al Parlamento se entro il mese di novembre non gli sarà assegnata la delega alla Sanità che gli hanno assegnato gli elettori eleggendolo a capo del governo regionale – non riguarda la questione sollevata dal presidente Oliverio, anche perché – ha aggiunto – il Commissario Scura, nel rispetto della Sentenza del Consiglio di Stato, ha provveduto a decretare la riapertura del “Chidichimo” già dall’aprile del 2016 e da allora è passato oltre un anno e mezzo senza che la politica regionale ed il management aziendale che ne rappresenta la naturale emanazione, sebbene si dica che è già stata prevista la relativa copertura economica, abbiano dato corso alla decretazione della struttura commissariale che oggi si vuole sollevare dall’incarico». Secondo il sindaco di Villapiana sotto accusa è dunque una politica che balbetta, che cincischia, che non si fa carico dei bisogni della gente e che si comporta in modo strabico continuando a penalizzare il territorio dell’Alto Cosentino divenuto ormai uno sconfinato deserto sanitario nel quale è assente sia la medicina pubblica che quella privata. «E tutto questo avviene – ha concluso il sindaco Montalti in riferimento alle ultime notizie di cronaca che riguardano l’Asp di Cosenza – mentre i vertici aziendali sono impegnati a favorire ed a sistemare parenti, amici e amici degli amici».

Pino La Rocca     

Villapiana-20/11/2017: Il sindaco Montalti fa chiarezza

Montalti

VILLAPIANA «Il Comune di Villapiana ritiene strategico il completamento della S.S. 106 ed è quindi favorevole, sin dal 2014, alla realizzazione del 3° Megalotto Sibari-Roseto, ma un esecutivo eletto dal popolo non può esimersi dal difendere gli interessi del proprio Comune ed ha quindi il diritto-dovere di farlo fino in fondo cercando di evitare che sul proprio territorio comunale vengano prodotte delle criticità». E’ quanto ha testualmente e pubblicamente sostenuto il sindaco Paolo Montalti, sia per correggere le notizie a suo dire inesatte e tendenziose riportate da alcuni organi di stampa, sia per fare chiarezza rispetto alla richiesta di chiarimenti avanzata dall’associazione “Basta vittime sulla Strada Statale 106” che ha inoltrato una regolare istanza al sindaco Montalti ed ai componenti della Giunta Comunale a cui ha chiesto «di voler costituire, nel ricorso al Tar Calabria presentato contro la Delibera CIPE n.41, il Comune di Villapiana a tutela legale degli interessi dell’intera Comunità». Istanza del resto avanzata anche ai comuni di Albidona, Amendolara e Trebisacce che, secondo l’Associazione, non avrebbero chiarito con esattezza se sono favorevoli o contrari alla realizzazione dell’opera di cui, come è noto, è stata richiesta la sospensiva al TAR da parte dei componenti del Comitato dei Cittadini dell’Alto Jonio. «L’ho ripetuto in ogni sede istituzionale, ed ho sempre, e ripeto sempre, sostenuto, sin dal nostro insediamento, – ha a aggiunto il primo cittadino di Villapiana – di volere e di essere a favore di questa grande opera, di condividerne la bontà, la necessità e l’utilità come opera strategica per il nostro territorio, che ci auguriamo quindi venga presto realizzata». Attraverso la stessa nota l’Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” ha anche precisato che già quattro Comuni (Cassano Jonio, Cerchiara di Calabria, Francavilla Marittima e Roseto Capo Spulico), hanno deciso di affidare un incarico legale a tutela legale degli interessi delle loro comunità per costituirsi nel ricorso al Tar Calabria presentato contro la Delibera CIPE n.41 «e, – si legge nella stessa nota – con la concretezza che si evince dai fatti e dalle azioni già assunte hanno definitivamente chiarito la loro posizione certamente favorevole alla realizzazione dell’opera». Dopo aver chiesto dunque al comune di Villapiana di fare chiarezza e di evitare ogni ragionevole dubbio, la stessa Associazione «restando in attesa di un riscontro immediato da parte dell’amministrazione di Villapiana, non si esime dall’evidenziare che attendiamo lo stesso chiarimento dai sindaci di Albidona, Amendolara e, soprattutto, di Trebisacce. Certo – conclude la nota del presidente Pugliese – il progetto può anche essere migliorato nella fase esecutiva ma la non costituzione in giudizio nel ricorso al Tar è un atto gravissimo poiché lascia intendere che per queste Amministrazioni non è un problema se viene revocata la Delibera CIPE, peraltro già pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale, che approva il progetto definitivo».

Pino La Rocca

 

 

Villapiana-17/11/2017: Sara, da Fini Dance alla ribalta della danza mondiale

SARA SCARELLA

Sara, da Fini Dance alla ribalta della danza mondiale

La danzatrice vinse il festival organizzato dal ballerino di Villapiana nel 2016

 

Fini Dance non smette di sfornare giovani talenti e continua a seguirne le imprese anche a festival concluso. Già, perché per loro la kermesse di danza organizzata da Antonio Fini a Villapiana rappresenta un importante punto di partenza; le loro doti, infatti, vengono apprezzate in tutto il mondo da addetti ai lavori, critica e pubblico. È il caso di Sara Scarella che, dopo aver vinto numerosi premi durante l’edizione 2016 di Fini Dance, è ormai una danzatrice professionista a tutti gli effetti.

 

Sara inizia a danzare nel centro studi danza “Mov’art “di Imperia per poi diplomarsi a pieni voti nell’accademia M.A.S – Music, Art & show di Milano. Diventa in seguito danzatrice della GDS Dance Company Italia – Balletto di Genova e stagista nella Budapest Dance Theater della capitale ungherese. Chiamarla semplicemente danzatrice, per quanto lodevole, non è più abbastanza: Sara, oggi, è anche una coreografa. Da diversi anni crea assoli di danza contemporanea per se stessa e grazie a questi vince numerosi e importanti premi. Qualche esempio? Arriva sul podio per tre anni consecutivi al famoso festival estivo di danza Chiavari Summer Dance Festival e conquista grazie alle sue coreografie borse di studio per lavorare con insegnanti di tutta Italia. Si aggiudica il primo posto con un’altra sua coreografia nel prestigioso concorso internazionale Gran Premio della danza – Europa in danza 2016, competizione con oltre 100 partecipanti; il premio è una borsa di studio per la Merce Cunningham Trust di New York, scuola di uno dei padri fondatori della danza moderna, Merce Cunningham, consegnatale personalmente da Robert Swinston, suo storico braccio destro.

 

La sua carriera di danzatrice e coreografa non finisce qui. Nell’estate 2017 Sara lavora ad una sua nuova coreografia presentata ancora una volta a New York nel mese di ottobre nel corso di tre importanti spettacoli: il Fertile ground – Green Space (mostra di opere di artisti affermati e emergenti organizzata dalla direttrice artistica della compagnia americana Dance Entrophy, Valerie

Green); l’October Artists’ Salon, messa in scena di coreografie di artisti sostenuta dal Dipartimento di Affari Culturali di New York e con il partenariato del consiglio comunale; l’Amalgamate Artist Series, una mostra di lavori di affermati coreografi organizzata dalla Amalgamate Dance Company, compagnia di danza che nasce per sensibilizzare su temi e eventi significativi che influenzano lo sviluppo umano attraverso autentiche narrazioni storiche.

New York è la città in cui il talento di Sara sta prendendo il volo; Fini Dance è orgoglioso di averla scoperta e aver fatto sì che i suoi sogni diventassero realtà.

 

Giuseppe Osnato

Ufficio Stampa Fini Dance Italy-New York

Villapiana-17/11/2017: Incidente,muore giovane donna di Trebisacce

Villapiana- Nell’ennesimo e grave incidente stradale verificatosi questa mattina poco dopo le 6.00 sulla S.S. 106 ha perso la vita Lucrezia Brunacci, 30 anni, residente a Trebisacce, giovane Operatrice Socio-Sanitaria che si stava recando a Corigliano dove prestava servizio in una struttura sanitaria privata. Oltre all’ennesima vittima della famigerata “strada della morte”, l’incidente, verificatosi in territorio di Villapiana, nei pressi dello svincolo per il Centro Storico, ha provocato tre feriti appartenenti alla stessa famiglia che, proveniente da Mirto, era diretta a Bari. Dei tre feriti, la più grave, che nell’impatto con l’altro mezzo ha riportato un grave trauma cranico, è stata trasferita in Ambulanza e in gravi condizioni all’Ospedale Civile di Cosenza. Sul posto, oltre ai Carabinieri di Villapiana al comando del Maresciallo Luigi Potenza ed alla Polizia Stradale di Trebisacce diretta dall’Ispettore Capo Graziano Nadile, considerato il numero delle persone coinvolte, sono intervenuti i Sanitari dei due 118 di Trebisacce e di Cassano Jonio i quali hanno prestato soccorso e le prime cure ai feriti disponendone il trasferimento negli ospedali di riferimento. La più grave dei tre feriti risultava essere la signora B. M., 59 anni, la mamma del giovane che era al volante del furgone Fiat Scudo la quale, essendo seduta di fianco al guidatore e avendo riportato un grave trauma cranico, è stata subito intubata e trasferita in gravi condizioni all’Ospedale Civile di Cosenza. Gli altri due feriti, il figlio, N. G., 37 anni, che era alla guida dell’auto e il papà M. G., 69 anni, che era seduto sul sedile posteriore, avendo riportato fratture e traumi meno gravi, sono stati trasferiti sempre in Ambulanza all’Ospedale di Rossano. Le cause del grave incidente sono tuttora al vaglio delle Forze dell’Ordine. Da una prima ricostruzione della dinamica pare che uno dei due mezzi, per cause imprecisate e al vaglio quindi degli inquirenti, abbia perso il controllo del mezzo provocando la collisione con il mezzo che camminava in senso opposto. Nell’urto violento tra i due mezzi, l’auto su cui viaggiava la giovane Operatrice Sanitaria (nella foto), una Opel Corsa, impattando in modo violento prima contro il furgone e subito dopo contro il guard-rail avrebbe provocato la morte sul colpo della giovane vittima, il cui corpo è stato sbalzato dall’auto e finito sull’asfalto dove lo hanno trovato e inutilmente tentato di soccorrere i Sanitari del 118 di Trebisacce arrivati per primi sul luogo dell’incidente. La grave notizia si è subito diffusa nella cittadina jonica dove risiede la giovane vittima appartenente ad una famiglia molto conosciuta e stimata provocando quindi generale dolore e sconforto. A diffondere sul web la ferale notizia dell’ennesima giovane vittima dell’incidente, è stata l’Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” guidata da Fabio Pugliese che, dopo aver riportato le prime indiscrezioni circa la dinamica dell’incidente, ha commentato la triste notizia in questi termini: «…L’Associazione si stringe attorno alla Famiglia Brunacci, ai familiari ed agli amici tutti, a cui esprimiamo sentimenti di vicinanza e di cordoglio. Noi non dimenticheremo un’altra vita spezzata, un’altra vittima della S.S. 106, la “strada più pericolosa d’Italia”. Noi – continua la nota – non resteremo in silenzio davanti all’ennesima vittima che poteva essere evitata. Non resteremo certo indifferenti ed in silenzio – conclude la stessa nota – davanti all’ennesima vittima di una strada sempre più serial-killer in Calabria ed in Italia e non ci stancheremo mai di ripetere che essa rappresenta un’autentica vergogna per una società civile».

Pino La Rocca

VILLAPIANA-14/11/2017: “La raccolta differenziata premia i cittadini virtuosi”

VILLAPIANA “La raccolta differenziata premia i cittadini virtuosi”: è stato questo il tema della manifestazione svoltasi lunedì pomeriggio 13 novembre presso l’Hotel Corallo di Villapiana Lido, a cui hanno partecipato gli amministratori locali ed i vertici della municipalizzata BSV srl che gestisce il servizio per conto del Comune e inoltre rappresentati del Consorzio CONAI e del sistema Web-Erredi e gli alunni dell’ Istituto Comprensivo “G. Pascoli” di Villapiana. Nel corso dell’incontro aperto dal saluto e dall’introduzione del sindaco Paolo Montalti, è stato fatto il punto sull’avvio della raccolta differenziata, sulla corretta differenziazione dei rifiuti e sul sistema digitale utilizzato che intende incentivare e premiare i cittadini virtuosi. Nel corso della manifestazione coordinata dalla giornalista Serenella Chiodi, l’Assessore all’Ambiente Stefania Celeste ha presentato i risultati dei primi 4 mesi della raccolta differenziata, evidenziando un risultato straordinario «che – secondo quanto ha scritto l’amministratore unico della BSV Eduardo Lo Giudice – si è potuto realizzare grazie soprattutto alla buona volontà dei cittadini che, prendendo a cuore il progetto, sono arrivati a differenziare oltre l’80% dei rifiuti». Intervenendo subito dopo, lo stesso lo stesso Lo Giudice ha ringraziato tutti per gli ottimi risultati raggiunti, dagli operatori che ogni mattina si alzano alle 4.00 per la raccolta “porta a porta” a tutti i dipendenti, al Comune che ha finanziato l’intero progetto, fino ai cittadini che sono i veri protagonisti del successo, a cui Lo Giudice ha ricordato che è stata anche attivata presso la zona industriale di Villapiana Scalo un’apposita Isola Ecologica che supporterà il servizio “porta a porta” della raccolta differenziata. Da parte sua Fabio Costarella Responsabile del Consorzio CONAI ha ribadito il concetto dell’importanza della raccolta differenziata e dell’utilità del riciclaggio; ha quindi dialogato con gli alunni dell’Istituto Comprensivo che hanno partecipato attivamente con domande e risposte sulla raccolta differenziata. La manifestazione si è conclusa con l’intervento di Ercole D’Ippolito, amministratore della DBM-International, società che ha realizzato il portale Erredì-Web ed Eco-Attiva, sistema digitale di incentivazione e premi per i cittadini virtuosi che, attraverso una username ed una password permette alle famiglie di poter controllare la quantità dei rifiuti che differenziano e che, in base alla raccolta differenziata effettuata, permette di realizzare un punteggio che poi potrà essere convertito in buoni-sconto da spendere in esercizi convenzionati. «Oggi – ha commentato da parte sua l’assessore all’Ambiente Stefania Celeste – l’obiettivo, il punto programmatico è un traguardo raggiunto e raggiunto anche in modo eccellente. Ora vogliamo che questo sia solo un punto di partenza della città di villapiana verso un percorso di sostenibilità sempre maggiore».

Pino La Rocca

Villapiana-08/11/2017: Pronto il nuovo Autovelox

Autovelox Villapiana

VILLAPIANA Con l’inizio del nuovo anno sulle strade del territorio comunale entrerà in servizio un Autovelox nuovo e di ultima generazione per il controllo della velocità ed il sanzionamento degli automobilisti che superano i limiti di velocità. Il Comune di Villapiana, per la verità, toccato in modo diretto e frequente dal problema delle vittime della strada, è stato tra i primi a scoprire i vantaggi dei misuratori di velocità per aumentare la sicurezza stradale ma, come sostengono in molti, anche per fare cassa, escludendo però di istituire un Autovelox fisso e scegliendo invece, sin dall’inizio, un’attrezzatura itinerante e forse più efficace per perseguire entrambi gli obiettivi, da collocare di volta in volta in punti diversi della viabilità Provinciale e Statale che attraversa il territorio comunale. Poi, piano piano, visti i risultati, tutti i comuni dell’Alto Jonio, scoprendone i vantaggi, si sono allineati tanto che oggi in ognuno dei 7 comuni attraversati dalla S.S. 106, da Cassano Jonio fino a Rocca Imperiale, ma compresa anche Francavilla Marittima (ultima arrivata), hanno disseminato altrettanti misuratori di velocità, da molti considerati voraci trappole per gli ignari automobilisti. Per il Comune di Villapiana, che in questo contesto ha fatto da apripista, i risultati evidentemente devono essere stati confortanti, tanto che l’esecutivo comunale guidato dal sindaco Paolo Montalti nei giorni scorsi ha deciso di investire 142mila euro, per i prossimi tre anni, per il noleggio di attrezzature di nuova generazione e per l’affidamento del servizio di gestione delle procedure sanzionatorie e di riscossione dei crediti nei confronti degli automobilisti che violano il vigente Codice della Strada, alla Ditta “Beta Consulting” di Montalto Uffugo la quale, avendo effettuata l’offerta più vantaggiosa per il Comune, con un ribasso del 40% si è aggiudicata l’apposita gara espletata dalla Centrale Unica di Committenza. Nei prossimi giorni, da quanto si legge nella Determina d’Area n. 51 del 5 novembre 2017 firmata dal Comandante della Polizia Municipale Andrea Brunetti, con separato provvedimento verrà stipulato il relativo contratto che regola il servizio che andrà a regime a partire dal prossimo mese di gennaio.

Pino La Rocca

Villapiana-07/11/2017: Altro riconoscimento ad Antonio Fini

tirana dance

VILLAPIANA Antonio Fini, danzatore internazionale originario di Villapiana premiato a Tirana come Ambasciatore della Danza Mondiale. L’importante riconoscimento gli è stato assegnato durante il “Tirana Dance Festival” di cui Fini è anche direttore artistico. Continua così la meravigliosa carriera artistica del danzatore villapianese che da anni vive a New York e che giovedì 4 Novembre è stato premiato dall’agenzia viennese “ACD Agency for Cultural Diplomacy” come Ambasciatore del Turismo attraverso la danza nel corso del “Tirana Dance Festival” di cui la “Fini Production” di New York, il Tirana Youth Ballet e la scuola di danza “Mimoza Bekteshi” hanno curato la direzione artistica. Tra l’altro, come ricorda il suo addetto alla comunicazione Giuseppe Osnato, Antonio Fini è di origini arbëreshe ed ha un legame particolare con l’Albania ed il Kosovo. Le lezioni di danza svoletsia Tirana, a cui hanno partecipato numerose compagnie italiane tra cui la “Villapiana Dance Company” di Angela Chidichimo sono state dirette da Antonio Fini, Mimoza Bekteshi, Sylvia Tomova, Andrea Kokeri e Mirko Giordano, altro danzatore calabrese, maestro di tecniche hip-hop. La serata di gala si è tenuta il 3 novembre al “Teatri i Kishës Ortodokse Autoqefale të Shqipërisë” e, tra i premi assegnati, spiccano la partecipazione al Salerno Dance Festival per Villapiana Dance Company di Angela Chidichimo e al Festival di Jesolo per Maria Tucci del Villapiana Dance Studio. “Memorie di Tirana” è stata la coreografia eseguita da Antonio Fini il 3 Novembre, una coreografia già interpretata durante l’Alto Jonio Dance Festival di Villapiana insieme a Mary Jo Panacciulli, mentre il 4 novembre ha diretto un video artistico con tutti i danzatori presenti al festival dedicato alle bellezze della città di Tirana.  Subito dopo il prestigioso successo al Festival di Tirana ad Antonio Fini è giunta la lusinghiera notizia dell’avvio di una collaborazione con “Ballando On The Road”, la versione itinerante di “Ballando sotto le Stelle” il celeberrimo show di Rai1 condotto da Milly Carlucci dedicata ai giovani talenti della danza. E’ proprio da “Ballando On The Road” che Antonio Fini selezionerà i migliori danzatori che parteciperanno alla prossima edizione del “Fini Dance Festival a New York”.

Pino La Rocca

 

Villapiana-06/11/2017:Antonio Fini premiato a Tirana come ambasciatore della danza mondiale

ballando

FINI DANCE – COMUNICATO STAMPA

 

Antonio Fini premiato a Tirana come ambasciatore della danza mondiale

 

Il riconoscimento durante il Tirana Dance Festival di cui è anche direttore artistico

 

 

Antonio Fini continua a far parlare di sé. Il danzatore villapianese che da anni vive a New York è stato premiato giovedì 4 novembre dall’agenzia viennese ACD Agency for Cultural Diplomacy come ambasciatore del turismo attraverso la danza nel corso del Tirana Dance Festival, di cui la Fini Production di New York, il Tirana Youth Ballet e la scuola di danza Mimoza Bekteshi hanno curato la direzione artistica.

Il festival si è svolto a Tirana dal 2 al 4 novembre; Fini, tra l’altro di origini arbereshe, ha un legame particolare con l’Albania ed il Kosovo, del cui balletto nazionale è stato anche coreografo.

Le lezioni, alle quali hanno partecipato numerose compagnie italiane, tra cui la Villapiana Dance Company di Angela Chidichimo, sono state dirette da Antonio Fini, Mimoza Bekteshi, Sylvia Tomova, Andrea Kokeri e Mirko Giordano, altro danzatore calabrese, maestro di tecniche hip hop.

La serata di gala si è tenuta il 3 novembre al “Teatri i Kishës Ortodokse Autoqefale të Shqipërisë”. Tra i premi consegnati spiccano la partecipazione al Salerno Dance Festival per Villapiana Dance Company di Angela Chidichimo e al Festival di Jesolo per Maria Tucci del Villapiana Dance Studio.

Antonio Fini ha eseguito la coreografia Memorie di Tirana, già interpretata durante l’Alto Jonio Dance Festival a Villapiana, insieme a Mary Jo Panacciulli, mentre il 4 novembre ha diretto un video artistico con tutti i danzatori presenti al festival dedicato alle bellezze della città di Tirana.

Non solo: a poche ore dalla conclusione del festival è giunta la notizia dell’avvio di una collaborazione con Ballando On The Road, la versione itinerante del celeberrimo show di Rai1 condotto da Milly Carlucci dedicata ai giovani talenti della danza. Proprio da Ballando On The Road Antonio Fini selezionerà i migliori danzatori che parteciperanno alla prossima edizione del Fini Dance Festival a New York.

 

Giuseppe Osnato

Ufficio Stampa Fini Dance

 

Villapiana-01/11/2017: A fuoco il casello 112

VILLAPIANA In azione, ancora una volta, gli incalliti piromani che, spesso con la complicità del vento e sempre impunemente, stanno incenerendo il verde pubblico ed ora anche qualcosa di più: a fuoco infatti, prima la discarica di sfalci e di rifiuti vari realizzata all’interno dell’ex campo sportivo di contrada “San Francesco”. Subito dopo, a distanza solo di poche ore, l’incendio di tutta la fitta e incolta boscaglia che occupa la fascia costiera che si estende dalla foce del Saraceno fino all’inizio della pineta di 114 ed ora, a distanza di alcuni giorni, un altro incendio, questa volta di sicura matrice dolosa che, nel pomeriggio di domenica scorsa ha pressoché distrutto l’ex Casello Ferroviario di “112” ormai in disuso (nella foto) che sorge in contrada Pantano tra la linea ferrata e la vecchia S.S. 106. Si tratta di uno dei tanti Caselli Ferroviari della Linea Ferroviaria Jonica un tempo abitato da una famiglia di casellanti e presidiato da apposito personale per la presenza di un passaggio a livello, che oggi risulta abbandonato e degradato, così come del resto tutte le Stazioni Ferroviarie chiuse e sbarrate da tempo. Qui il forte vento di ponente che ha soffiato per alcuni giorni ha dato forza e vigore al fuoco appiccato dai soliti piromani che, propagatosi dall’interno del Casello Ferroviario, lo ha praticamente distrutto prima che i Vigili del Fuoco potessero intervenire, anche perché al suo interno il fuoco rendeva impossibile l’accesso. I Pompieri infatti, per evitare che le fiamme fuoriuscissero e si propagassero alla fitta pineta ed ai villaggi turistici sottostanti provocando danni più gravi, hanno dovuto operare salendo sul tetto del fabbricato e rischiando di finire tra le fiamme e riuscendo, dopo lunghe ore, a domare le fiamme ed a mettere in sicurezza la pineta e la case sottostanti.

Pino La Rocca