Category Archives: Istruzione-Formazione

Trebisacce-05/04/2013: La Palestra-Gennaio 2013

Trebisacce: 26/03/2013 Precetto pasquale al Filangieri.

Foto4070Foto4071Foto4072Foto4073Foto4083

Trebisacce: 26/03/2013

Precetto pasquale  al Filangieri.

Si è celebrato anche quest’anno il precetto pasquale nell’aula magna “Silvana Palopoli” del Filangieri, diretto da Domenica Franca Staffa, lo scorso mercoledì 26 marzo. Il celebrante Mons. Gaetano Santagada, coadiuvato dall’accolito Eduardo Magnelli, ha voluto ricordare, guardando e indicando la targa al muro posta alle sue spalle, a tutti i docenti ,studenti e personale ata presente, la prestigiosa figura della dirigente Palopoli e ha, tra l’altro, sottolineato che lei non è più con noi sulla terra solo fisicamente, ma continua a vivere in eterno nel mondo celeste e che prega e veglia su tutti noi. E dopo le preghiere e le letture sacre di rito il prelato ha posto un momento di riflessione sul  concetto di tradimento, prendendo spunto dal Vangelo, ricordando la figura di Giuda. Mons. Gaetano, ha spiegato che il tradimento più è grave, più è grande l’amicizia. Il tradimento è grave proprio perché grande era l’amore, l’amicizia di Gesù per Giuda. Dopo l’elezione del nuovo Papa Francesco -ha detto, tra l’altro, Mons. Santagada, parroco della Chiesa Madonna della Pietà – anche nelle scuole si respira un clima nuovo di maggiore disponibilità verso il fenomeno religioso e quindi di partecipazione verso le varie iniziative che si promuovono. Segno evidente, ricordando le parole di Benedetto XVI: ”La Chiesa è viva” e ha parlato anche di una riconquistata fiducia nella Chiesa e nella sua missione nel mondo, soprattutto con i giovani e tra i giovani. Merito della Dirigente scolastica Staffa-ha continuato il parroco- se oggi ci troviamo insieme qui per rinnovare l’insegnamento cristiano che mira alla fratellanza e all’amore tra noi tutti. Una volta la società era più intruppata, tutto ruotava attorno al senso del dovere, nella scuola, nella famiglia, nella chiesa, nell’esercito … per cui la categoria del “precetto pasquale” poteva anche avere un senso. Oggi no, oggi il metro di misura non è il “precetto”, ma la “scelta consapevole”: come si sceglie l’ora di religione, così si sceglie di partecipare a una celebrazione. Non a caso abbiamo concordato la celebrazione del precetto pasquale il mercoledì santo, qualche giorno dopo la celebrazione della giornata della gioventù che si celebra a livello diocesano nella domenica delle Palme, in attesa poi di celebrare quella mondiale a Rio de Janeiro, in Brasile, con il Papa di origine argentina e con radici italiane. I giovani sono il presente e il futuro della Chiesa e della società e senza il loro indispensabile contributo di idee e di operosità si ferma tutto e non cammina né la chiesa e né il mondo intero, come ci ha ricordato Papa Francesco. Mi auguro che siano gli studenti tutti del Filangieri a partecipare a questo momento di preghiera per se stessi, per le loro famiglie, per il territorio e per l’Italia, prima delle vacanze pasquali che iniziano con il Giovedì Santo”. E infine Mons. Gaetano Satangada, ha concluso rivolgendosi ai giovani con le parole del Pontefice: ”Non vi lasciate rubare la speranza”.

Francesco Lofrano

Trebisacce-20/03/2013: E’ uscito il mensile “La Palestra”-Dicembre 2012 (Pdf)

Trebisacce-12/03/2013: Al Filangieri l’educazione finanziaria”Studenti a lezione di finanza”

Senza titolo-1 copia

Calabria Ora-pag.25-del 12/03/2013

Piana di Cerchiara-09/03/2013: Gli scout dell’Agesci di Cassano all’Ionio in visita a Cerchiara

Nuova immagine1tn_Nuova immagine2tn_Nuova immagine3tn_Nuova immagine5tn_Nuova immagine6

Piana di Cerchiara- Lo scorso 9 marzo, la parrocchia di San Francesco da Paola ha accolto un gruppo di scouts provenienti da Cassano allo Jonio. Erano circa 20 persone,  ragazzi e ragazze tra i 12 e i 16 anni, accompagnati dai capi scout. Fanno parte dell’AGESCI, l’associazione guide e scouts cattolici italiani; è un’associazione giovanile educativa, che contribuisce alla formazione di ragazzi e ragazze. Sono giunti in Piana di Cerchiara alle ore 16:00 circa, hanno avuto un breve incontro con i ragazzi della Parrocchia, e hanno trascorso il resto della giornata nei locali sottostanti la Chiesa di San Francesco da Paola, dove hanno, inoltre, passato la notte, naturalmente muniti di tutto il necessario. Circa alle ore 9:30 del 10 marzo si sono riuniti in Chiesa, dove hanno cantato insieme ai giovani della parrocchia. Successivamente, alle ore 10:30 ha avuto inizio la SS. Messa, animata e curata interamente dal gruppo scout. Dopo di che, i ragazzi dell’AGESCI hanno invitato i bambini e ragazzi della parrocchia a passare un po’ di tempo insieme, perciò si sono spostati presso il campo sportivo nei pressi della Chiesa di San Francesco, dove hanno giocato, cantato e chiacchierato. Sono ragazzi che danno il meglio di loro stessi, si divertono e crescono insieme, e questa è stata una bellissima occasione, in primo luogo, di conoscenza, ma anche un momento per sorridere e scherzare liberamente, allontanando i problemi e i pensieri quotidiani. Dopo un breve discorso da parte di uno dei capi scout, e da parte del parroco della Parrocchia di San Francesco da Paola, don Luigi Risoli, i ragazzi si sono salutati con la speranza di rivedersi presto e di trascorrere altre belle giornate insieme, all’insegna del divertimento, sempre accompagnati dallo spirito cristiano.

 

Ilaria Giovazzini

Trebisacce-07/03/2013: Al via il premio artistico letterario “Silvana Palopoli”

Palopoli SilvanaFoto3833Foto3834Foto3835Foto3836

Trebisacce: 07/03/2013

“Essere per creare, creare per essere” è l’essenza che racchiude il titolo prestigioso del premio artistico letterario “Silvana Palopoli”, promosso dall’Ipsia “Aletti”, diretto da Adriana Grispo. Lo scorso giovedì 7 marzo, l’Ipsia attraverso una conferenza stampa, tenutasi nell’aula magna, ha presentato il concorso dedicato al ricordo della dirigente Silvana Palopoli, scomparsa lo scorso 28 giugno all’età di 50 anni. L’Ipsia è l’ultimo istituto da lei diretto e proprio il 7 marzo, giorno del compleanno della Palopoli, l’Ipsia ha voluto istituire un concorso culturale in sua perenne memoria. Il concorso prevede, ha spiegato il docente Piero De Vita,  la partecipazione di tutte le scuole regionali e presenta tre tipologie o sezioni: A) per le scuole primarie (racconti e favole); B)scuole medie (scrittura creativa, iconografia, grafica, fotografia, disegno);C) scuole superiori per lavori sulla multimedialità. Gli interessati parteciperanno inviando all’Ipsia una sceda di adesione. Ogni sezione, a vari livelli, si prefigge di stimolare la creatività e la partecipazione degli studenti. La docente Mirella Franco ha tracciato un profilo della Palopoli e ne ha raccontato la sua storia ricca di successi e pubblicazioni. La dirigente scolastica Adriana Grispo ha sottolineato che occorreva qualcosa di importante come il concorso per ricordarla e tenere sempre vivo nel mondo della scuola il suo ricordo. Lo stesso titolo del concorso continua a dare ai giovani l’input necessario per creare e per scrivere come nello spirito della dirigente Palopoli. Così allo stesso modo il quadro di Troiano, inserito nella locandina, riproduce un tramonto che non è mai tale, ma che si evolve e allo stesso modo i libri in movimento che simboleggiano il fatto che non si finisce mai con la conoscenza. In sostanza l’immagine della sintesi della filosofia di vita della Palopoli. E’ stato avviato un <<Fondo Palopoli>> che raccoglierà tutti i contributi possibili, quali pubblicazioni, articoli, pensieri, opere e quant’altro da rendere fruibili a tutti anche on line. Insomma una sorta di banca dati sulla dirigente Palopoli da rendere fruibile erga omnes. Anche un Comitato d’onore allargato è stato costituito e lavorerà per il premio. Per il prossimo maggio è stato previsto anche un premio <<speciale>> destinato ad alunni ex e in corso dell’Ipsia che si sono distinti in qualsiasi campo, un modo come un altro-ha sottolineato Adriana Grispo- per mantenere sempre vivi i rapporti con chi da studente ha conosciuto la nostra scuola. La docente Elirosa Gatto ha ripercorso il lato umano e professionale della Palopoli e ha inviato il messaggio agli studenti di ricordarsi sempre delle figure importanti che hanno lasciato una segno indelebile all’interno dell’intera comunità scolastica. Piero Palopoli, fratello della dirigente, in rappresentanza della famiglia, visibilmente emozionato, ha ringraziato di cuore tutti per la lodevole iniziativa intrapresa. Caterina Violante, delegata comunale alla cultura, ha espresso parole di elogio per le iniziative promosse dalla scuola e del concorso in particolare che merita di essere pubblicizzato e sostenuto.

Francesco Lofrano

 

Trebisacce-07/03/2013: Premio “Silvana Palopoli” alle ore 17 aula magna IPSIA

Trebisacce-28/02/2013: Quando a scuola si fa orientamento

Giornata Oriday Calabria Ora-pag.28- del 28/02/2013

Trebisacce-26/02/2013: Psiche e fiaba,dedicato ai piccoli per prevenire tutte le loro paure

Senza titolo-1 copia

Calabria Ora-pag. 35-del 26/02/2013

Trebisacce- 22/02/2013: Auguri al neo dottore Fedele Cataldi

tonino65925_10200615145249135_597068844_n528283_10200615142569068_1292761664_nFoto3802

Trebisacce: 22/02/2013

Auguri al neo dottore Fedele Cataldi

Auguri al neo dottore Fedele Cataldi. Presso l’Università degli Studi di Chieti , corso di laurea  in Psicologia Clinica e della Salute,  nella seduta del 21/02/2013 , ha conseguito la laurea Magistrale  con la brillante votazione di  110 Lode/110, il giovanissimo, del 1988,  Fedele Cataldi, di Trebisacce, figlio di Antonio Cataldi (stimato docente di Educazione Fisica presso l’ITS “Filangieri” di Trebisacce, diretto da Domenica Franca Staffa, e della dottoressa in Scienze Biologiche Angela Pellitta. Ha discusso la tesi sperimentale di laurea: “Aggressività, autostima e relazione con le figure genitoriali: uno studio esplorativo”. Relatrice la Ch.ma Prof.ssa Alessandra Babore  e  correlatrice la Ch.ma Prof.ssa Carmen Trumello. La tesi mira ad indagare l’importanza della relazione con i genitori e la relazione di questa con sviluppo degli aspetti aggressivi e dell’autostima in adolescenza. Lo studio ha coinvolto tre scuole medie superiori e i risultati sono stati interpretati in un’ottica psicodinamica. Tanti gli amici e le amiche che si sono complimentati con il neo dottore che  a quanto pare rimarrà ancora un anno nella Università per un tirocinio formativo e specialistico e contemporaneamente continuerà il lavoro di ricerca intrapreso con la relatrice. I genitori, Antonio e Angela, visibilmente commossi all’uscita della seduta hanno dichiarato: “E’ inutile nascondere l’emozione provata durante la discussione della tesi e siamo contenti per il traguardo raggiunto da nostro figlio Fedele. Sono questi i momenti belli della vita che ci gratificano e ci ripagano dalle tante ansie e pensieri che i genitori vivono avendo dei figli lontani, seppure per motivi di studio”. Al giovanissimo neo dottore e alla famiglia tutta, giungano gli Auguri più belli per un futuro sempre ricco di successi da parte della redazione del mensile “La Palestra”.