Daily Archives: 26 gennaio 2013

Trebisacce-26/01/2013:Trebisacce, al via gli “open days” al Filangieri. Grafica e Comunicazione, il nuovo corso di studi (fonte:Paese24.it)

tn_DSCF3141-300x225Trebisacce, al via gli “open days” al Filangieri. Grafica e Comunicazione, il nuovo corso di studi

 

L’Istituto Tecnico “Filangieri” di Trebisacce apre le porte a ragazzi e famiglie, presentando le sue importanti offerte formative nel corso di veri e propri “open days” previsti tutti i martedì e i giovedì pomeriggio sino al 22 febbraio. Le visite all’istituto  saranno inaugurate domenica 27 gennaio. Nel corso di questi tour all’interno della scuola, i ragazzi dell’ultimo anno delle Scuole Secondarie di Primo Grado, accompagnati dai genitori, avranno la possibilità di visionare in prima persona i laboratori, le aule, conoscere i docenti, i corsi di studio; insomma farsi un’idea di come funziona una scuola superiore moderna aperta al mondo del lavoro. «Attraverso un importante lavoro di squadra – precisa la Dirigente Scolastica Domenica Franca Staffa – ci impegniamo quotidianamente nella realizzazione del pieno diritto allo studio, al fine di garantire ai nostri ragazzi conoscenze e competenze spendibili nel mondo del lavoro».

Ma il vero fiore all’occhiello che l’I.T.C.G.P.T. “Filangieri” di Trebisacce presenta nella sua offerta formativa per l’anno scolastico prossimo, 2013/2014, è l’innovativo corso di Grafica e Comunicazione che permette di acquisire competenze specifiche per poter accedere con il diploma nel creativo mondo delle agenzie pubblicitarie, delle case editrici, degli studi fotografici; piuttosto che nell’editoria cartacea e multimediale. E ovviamente il titolo conseguito garantisce di poter affrontare con un bagaglio ragguardevole qualsivoglia facoltà universitaria inerente a questo corso di studi.

Vincenzo La Camera

 

Trebisacce-26/01/2013: Schiumerini replica a Vitola

Voglio rispondere con garbo a quello che ha...

Gianpaolo Schiumerini 26 gennaio 12.29.23
Voglio rispondere con garbo a quello che ha scritto Dino Vitola rispondendo al comunicato di SEL.Sono convinto che il garbo, contrapposto alle ingiurie, distingua le persone al di lá delle scelte politiche. Nella lista capeggiata da Bianchi nessuno nascondeva la propria appartenenza: vi erano esponenti della destra e della sinistra senza i camuffamenti propri degli uomini di spettacolo. Qui non siamo a Castrocaro e la politica é una cosa seria perché riguarda la vita della gente che si rappresenta. Quella era una lista civica che si contrapponeva ad un’altra lista civica giacché, anche nella lista di Soldato, erano presenti elementi di partiti che non erano organici al centrosinistra (l’udeur, per esempio). Vivere Trebisacce, invece, era una lista di centrosinistra la cui giunta é stata fatta garantendo la rappresentanza di tutte le componenti: i partiti e gli indipendenti ( Vitola!)
Lo stesso sindaco non é uno qualunque essendo consigliere provinciale del Partito Socialista. La scelta di candidarsi con Scopelliti, quindi, mette in imbarazzo lo stesso Sindaco ed é incoerente rispetto alle cose che Vitola ha detto durante la campagna elettorale e rispetto alla scelta di essere candidato in una lista rappresentata dal PD, da SEL e dal PSI. E non diró che Vitola ci chiese, durante la formazione della lista, di essere candidato in quota SEL per avere l’appoggio di un partito. Tutto qui per una questione che, per quanto mi riguarda, si puó ritenere chiusa anche perché continuo a pensare che, al di lá della sua scelta, egli potrá continuare ad essere, nel suo campo, una risorsa per Trebisacce.

Villapiana-26/01/2013: Anita Sorrentino candidata alla Camera

Anita Sorrentino

Villapiana:26/01/2013

Volti noti e meno noti scaldano i motori e scendono in campo in questa competizione elettorale all’interno di un numeroso panorama di liste. Si sottopone al giudizio del voto cittadino anche una giovane signora imprenditrice,36enne,originaria di Cosenza e residente nel comune di Villapiana per  motivi di lavoro e madre di due stupende bambine, Sorrentino Anita in Bartolomeo. <<Ho l’onore di far parte della nuova competizione elettorale del 24-25 febbraio come candidata alla Camera dei Deputati sotto il simbolo della Lista Tremonti>>chiosa la candidata con il suo solito solare sorriso. E’ una esperienza che ritengo –continua la candidata-positiva e formativa quella che sto vivendo e che voglio con gioia partecipare agli amici e conoscenti anche se già alcuni mi avvicinano e mi dimostrano entusiasmo e sostegno. E’ questo un momento di grande confusione politica che sicuramente non agevola chi come me crede in un progetto che vede i giovani al centro della vita politica italiana. E’ proprio per questo che mi rivolgo a chi come me è stanco di vedere e sentire i soliti nomi riciclati che si scambiano le maglie come giocatori di calcio, che giocano sempre la stessa noiosa partita senza tener conto degli spettatori. Sono al n° 2 della lista, precisa, e pertanto la  preferenza può garantire realmente il successo sperato. Ho grande dentro di me il desiderio di poter realizzare un sogno che è quello di vedere attenzionato il nostro Alto Jonio che è soffocato da problemi irrisolti e che io con l’entusiasmo che mi ritrovo riuscirei a contribuire alla soluzione almeno in parte degli stessi. Confido negli amici in quanto mi conoscono per l’onestà morale che mi contraddistingue e perchè penso sia giusto scendere in campo per un’idea comune che dia voce e valore a chi non ha voce.
Per l’onestà –precisa Sorrentino-che poc’anzi citavo informo tutti che la lista che rappresento, per esigenze strettamente legate al quorum da raggiungere, sulla scheda elettorale in Calabria è apparentata con la lega nord e di conseguenza nella coalizione di centro destra.

Franco Lofrano

Trebisacce-26/01/2013: A scuola si parla di sicurezza

Calabria Ora-pag. 30-del 26/01/2013

Calabria Ora-pag. 30-del 26/01/2013

Trebisacce-25/01/2013: Presentato il libro: “Psiche e Fiaba” di Silvana Palopoli e Domenica Franca Staffa

Senza titolo-1 copiatn_DSCF3580tn_DSCF3581tn_DSCF3582tn_DSCF3584tn_DSCF3585tn_DSCF3586tn_DSCF3587tn_DSCF3587tn_DSCF3588tn_DSCF3589tn_DSCF3590tn_DSCF3591tn_DSCF3592tn_DSCF3593tn_DSCF3594tn_DSCF3595tn_DSCF3596tn_DSCF3597tn_DSCF3598tn_DSCF3599tn_DSCF3600tn_DSCF3601tn_DSCF3600tn_DSCF3602tn_DSCF3603tn_DSCF3604tn_DSCF3605tn_DSCF3606tn_DSCF3607tn_DSCF3608tn_DSCF3609tn_DSCF3610tn_DSCF3611tn_DSCF3612tn_DSCF3612tn_DSCF3613tn_DSCF3614tn_DSCF3615tn_DSCF3616tn_DSCF3616tn_DSCF3617tn_DSCF3618tn_DSCF3619tn_DSCF3620tn_DSCF3621tn_DSCF3621tn_DSCF3622tn_DSCF3623tn_DSCF3624tn_DSCF3625tn_DSCF3627tn_DSCF3628tn_DSCF3629tn_DSCF3630tn_DSCF3631tn_DSCF3632tn_DSCF3633tn_DSCF3631tn_DSCF3632tn_DSCF3633tn_DSCF3633tn_DSCF3634tn_DSCF3635tn_DSCF3636tn_DSCF3637tn_DSCF3638tn_DSCF3639tn_DSCF3640tn_DSCF3641tn_DSCF3642tn_DSCF3643tn_DSCF3644tn_DSCF3645tn_DSCF3646tn_DSCF35781

Trebisacce:26/01/2013

“Psiche e fiaba” è il titolo del libro scritto dalle dirigenti scolastiche Silvana Palopoli e Domenica Franca Staffa –Falco Editore-e presentato lo scorso venerdì 25 gennaio, nella sala San Francesco, del Miramare Palace Hotel e organizzato dal Liceo Scientifico e dall’I.T.S. Filangieri. Nel ruolo di moderatore il giornalista Franco Maurella. “Non si cresce con le gelosie e l’invidia tra scuole; si cresce con il confronto leale”, ha chiosato la dirigente Staffa durante il suo accorato ed emozionante intervento ricordando alla numerosa platea la figura carismatica della dirigente Silvana Palopoli, con la cui grande opera educativa è stata consegnata alla storia, e con la quale ha condiviso un ventennio di percorso di vita professionale e di produttiva e intensa amicizia. Non ha lasciato Silvana-ha sottolineato Staffa- solo questo testo educativo, ma vi è un elenco virtuoso di pubblicazioni di elevato spessore culturale. E’ stata anche la formatrice Miur di tutti i dirigenti scolastici della provincia di Cosenza. Il libro di fiabe, consigliato e utilizzato nella scuola primaria, che è in realtà un  riferimento certo sulle paure infantili e la didattica della fiaba, è nato come progetto tra Silvana e Michele Falco-ha spiegato Staffa- ed dove la Staffa ha contribuito come psicopedagogista clinica a far sorridere i bambini coinvolgendoli in una piacevole ed educativa lettura con il contributo professionale relativo alle illustrazioni curate da Rina Basile. Purtroppo la favola che insieme non abbiamo saputo riscrivere, ha concluso Staffa superando il nodo alla gola intanto formatisi, è stata la malattia di Silvana che è e rimane sempre tra di noi. Un libro ,quindi, è emerso dai vari e autorevoli interventi, che vuole essere un esempio di grande attenzione alle problematiche psicologiche e psicoaffettive degli alunni che popolano l’universo scolastico, con la consapevolezza che l’attività di osservazione degli adulti verso i bambini deve avvenire tempestivamente, al fine di cogliere segnali e messaggi di disagio personale e diffuso. I primi destinatari delle favole sono i bambini e quindi sono gli adulti a leggerle per aiutare i piccoli a saper reagire e imparare a controllare le paure e l’ansia. In realtà, è stato detto, è vero anche l’opposto e cioè che sono scritte per i grandi e sono i piccoli a raccontarle agli adulti, sfatando un mito, per guidarli nella ricerca e nell’affermazione di quei valori educativi sani che aiutano nella crescita ed eliminano la leggerezza , che si riscontra oggi in alcune favole, del pifferaio che conduce i topini nel baratro. Ottimi gli interventi puntuali e pertinenti sia dei lavori testuali critici che musicali degli studenti, Simona Spagna, Pellicori, Ilaria Presta, Arianna Sarubbi, Michela Fera, Camilla Aurelio, Erika Bonanno,Maria Vittoria Mauro, Laviola Domenico, Angela Di Leo, Nicolaj Corrado, Alessandra Napoli, Roseti Anna Maria. Ottimi gli interventi dei relatori che hanno saputo evidenziare sotto vari aspetti i contenuti pedagogici ed educativi del libro come il docente di storia e filosofia Gianni Mazzei, il docente Giorgio Delia, il dirigente scolastico di Corigliano Pietro Maradei,Tullio Masneri Dirigente scolastico dei Licei, Mirella Franco (docente di lingua Inglese dell’Ipsia),Bruno Mandalari (docente di Filosofia),Francesco Fusca (Ispettore Miur e Provveditore agli Studi di Cosenza)e l’editore Michele Falco.

Franco Lofrano