Amendolara-09/04/2013: Conferenza stampa sulla 4° Sagra dei piselli

Foto4209Foto4210Foto4211Nuova immagine1Nuova immagine2

Amendolara:10/04/2013

Conferenza stampa molto partecipata, lo scorso martedì 9 Aprile, presso la sede del Gal Alto Ionio, sulla 4° Sagra dei piselli  il cui evento identitario animerà il paese della Secca il prossimo sabato 13 Aprile. Dopo 4 anni l’evento è divenuto una ricorrenza al sapore del folklore e dell’aggregazione sociale che, grazie alla capacità organizzativa del variegato staff, offre l’opportunità di valorizzare e promuovere il “pisello” tipico prodotto del territorio cittadino che in ogni stand sarà proposto in tanti modi diversi per una mirata degustazione e delizia del palato. Protagonisti assoluti i genuini piselli ai quali si pensa di riservare l’obiettivo strategico  di prodotto di ‘eccellenza’ enogastronomica con risvolti di rilancio di natura economica e di occupazione e condiviso dall’amministrazione comunale, dalle diverse associazioni e dal Gal Alto Ionio Federico II. Teofilo Blefari, portavoce dell’associazione “Terra e Sapori”, ha sostenuto la tesi che il clima ben si presta alla produzione dei piselli e che addirittura si può pensare ad aumentare notevolmente gli attuali livelli di produzione, ma nello stesso tempo bisogna anche pensare a remunerare adeguatamente i contadini legandoli alla terra e contrastando l’abbandono e lo spopolamento. “Il ruolo dell’amministrazione è prevalentemente di servizio”, ha affermato il sindaco Antonello Ciminelli nel comunicare che provvederà in sinergia ad abbattere le barriere burocratiche. Bisogna confezionare un pacchetto di prodotti (limone di Rocca, piselli di Amendolara, ecc) per puntare l’obiettivo e raggiungerlo in modo condiviso come territorio, ha proposti Ciminelli. E bisogna superare anche la logica di marina e paese, cioè dobbiamo essere uniti tutti i cittadini del territorio per raggiungere il risultato ambizioso del riconoscimento dei piselli e delle varie tipicità del territorio. Le divisioni disperdono le energie, quindi Ciminelli, ha mosso l’invito all’umiltà e alla condivisione. Ha ancora affermato che utilizzerà l’energia prodotta dal nuovo impianto fotovoltaico per tirare l’acqua dai pozzi  per darla ai contadini per migliorare la produzione. Il moderatore Vincenzo La Camera a sorpresa, ha colto un momento di pausa oratoria e ha comunicato che  il prossimo 8 maggio il Giro d’Italia farà tappa ad Amendolara per i rifornimenti dei ciclisti e ancora a Rocca Imperiale per un traguardo volante. “Crederci e lavorarci” è stata la ricetta proposta ottimisticamente dal sindaco di Rocca Imperiale, Ferdinando Di Leo, che ha raccontato di come è stato possibile ottenere l’IGP per il limone e così si può fare per il pisello di Amendolara, che aggiunge valore all’economia e contrasta l’isolamento. E in sintonia sono intervenuti gli agronomi, i rappresentanti di associazioni e del mondo della scuola che in modo sinergico sosterranno l’iniziativa della sagra che è un modo per accendere i riflettori sul prodotto , ma si è compreso che l’obiettivo è molto più ambizioso e si è certi che con la determinazione manifestata da tutti si raggiungerà l’eccellenza.

Franco Lofrano

 

322total visits,2visits today