Category Archives: Istruzione-Formazione

Trebisacce- 29/10/2014:Viaggio studio a Berlino degli studenti del Filangieri

Berlino 3Trebisacce: 29/10/2014

1016470_868399919837266_4757322601253096148_n10411816_734986273242688_7574724207172949149_n10678849_734986086576040_52905450900036790_n

 

Sorridenti e stanchi per il lungo viaggio, ma con l’animo soddisfatto, sono rientrati da Berlino gli studenti del Filangieri, lo scorso 28 ottobre. Il gruppo dei 16 studenti meritevoli del corso per il turismo del “G. Filangieri”, di cui è dirigente scolastica Domenica Franca Staffa, accompagnati dai docenti Marchianò Giuseppina (docente di madre lingua tedesca) e da Vincenzo Pesce (docente di Geografia Economica),è partito alla conquista di Berlino lo scorso sette ottobre, alle ore 9,00, dal piazzale della stazione ferroviaria di Trebisacce a bordo del pullman della ditta ‘Chiappetta bus’ per il trasferimento all’aeroporto di Bari Palese. Una breve sosta e pratiche per l’imbarco e alle 14,25 partenza per Berlino con volo Airberlin AB 8413. Un mix di entusiasmo e di emozioni ha invaso  il gruppo di giovani studenti durante le due ore di volo. Alle 16,35 il gruppo è a Berlino e ad attenderli l’autista del pullman della ditta ‘Vip bus service’ per il trasferimento in Hotel Agas’S, RhinstraBe 42. Prima di salire, per prudenza, i docenti accompagnatori hanno pensato all’appello ed ecco il gruppo di studenti modello: Claudio Michelangelo, De Franco Adriana, De Stefano Giuseppina, Guarino Marika, Guzzo Filomena, Lizzano Domenica Marta, Lucente Giuseppe, Lungaretti Carmen, Montilli Anna, Motta Giovanna, Muscetta Isa Laura, Russo Federica, Sposato Maria Teresa, Staffa Eugenia, Zaccaro Chiara e Rosanna. Tutti presenti e con tanta voglia di usare le competenze linguistiche acquisite durante il corso di studi. Un viaggio di studio in Germania previsto da un progetto PON-2007/2013 che si avvale dei fondi strutturali europei e che mira a rafforzare la formazione e l’istruzione volte al miglioramento dei livelli di conoscenze e competenze dei giovani. Difatti già alle 9,00 dei giorni 8-9 e 10 i giovani di mattina e di pomeriggio sono a lezione di tedesco e lo studio occupa buona parte della giornata. Ecco però che in programma per l’11 c’è una bella escursione a  Postdam e Castello San Souci. Sono trascorsi solo pochi giorni ma per gli studenti, nonostante i pasti al ristorante, comincia a farsi spazio il naturale desiderio di un bel piatto di spaghetti preparato dalla mamma. E ancora si riprende con le lezioni di lingua tedesca per i giorni a seguire, ma finalmente c’è la visita guidata al Museo Ebraico il 17 e il 20 la visita al Parlamento (Deutscher Bundestag/Platz der Republik). Tra ore di studio intenso e visite guidate ci viene da chiederci se questi giovani sono riusciti a visitare qualche discoteca? Personalmente ritengo che i giovani sanno ben usare la furbizia e la testa per soddisfare i loro sogni e bisogni e quindi? Ci sono riusciti sicuramente perché anche il sano divertimento li aiuta a crescere e a formarsi. E anche questa esperienza di studio a Berlino farà parte dei ricordi belli di questi giovani che si porteranno dentro negli anni e che racconteranno con allegria ai loro amici, magari in lingua tedesca.

Franco Lofrano

Trebisacce-28/09/2014: Scuola:Sotto i riflettori i Bes e Dsa

Trebisacce:28/09/2014

Scuola:

Laino,Policastro,Lofrano, Pesce

Laino,Policastro,Lofrano, Pesce

20140927_093411

Sotto i riflettori i Bes e Dsa

Si sono conclusi i primi tre giorni di corso di formazione per i docenti sul tema : ”Didattica inclusiva e speciale: dalle competenze alla didattica inclusiva. Uno sguardo attento ai BES”, svoltosi, di pomeriggio, nei giorni 25, 26 e di mattina il 27 settembre nell’auditorium dell’I.T.E.S. “V. Cosentino” di Rende, organizzato dal liceo scientifico-linguistico “Pitagora”, quale centro Territoriale di Supporto per i Bes per la Provincia di Cosenza, presente la Dirigente scolastica  Elisa Policicchio. E’ solo la prima parte perché la seconda tornata d’incontri è prevista il 16, 17 e 18 ottobre. Relatrice la professoressa (del Veneto) Caterina Scapin. Tanti i docenti che hanno partecipato da tutte le scuole della provincia e anche diversi dirigenti scolastici. Dal Filangieri di Trebisacce sono stati incaricati dalla dirigente scolastica, Franca Domenica Staffa, i docenti: Policastro Rosetta (Matematica), Pesce Vincenzo (Geografia Economica), Laino Leonardo (Costruzioni) e Lofrano Francesco (Economia Aziendale). Il 27.12.2012 è stata emanata la Direttiva Ministeriale “Strumenti d’intervento per alunni con Bisogni Educativi Speciali e organizzazione territoriale per l’inclusione scolastica”. In essa sono contenute alcune indicazioni e strategie precise che sono proprie della scuola italiana in ottica inclusiva, volte a consentire a tutti gli alunni, qualsiasi siano le loro difficoltà, il pieno accesso all’apprendimento. L’attenzione viene quindi estesa ai Bisogni Educativi Speciali nella loro totalità, andando oltre la certificazione di disabilità, per abbracciare il campo dei Disturbi Specifici dell’Apprendimento, lo svantaggio sociale e culturale, le difficoltà linguistiche per gli alunni stranieri, ecc. La direttiva sancisce quindi il diritto per tutti gli alunni che presentano queste tipologie di difficoltà/svantaggio di avere accesso a una didattica individualizzata e personalizzata. Le strategie, le indicazioni operative, l’impostazione delle attività di lavoro, i criteri di valutazione degli apprendimenti e i criteri minimi attesi trovano definizione all’interno del PDP – Piano Didattico Personalizzato dell’alunno, se deciso dal Consiglio di Classe, perché non sempre è obbligatorio. Durante i lavori di gruppo sono stati proposti, attraverso i contributi dei massimi esperti di didattica inclusiva: suggerimenti utili per impostare percorsi educativo-didattici realmente inclusivi e volti a promuovere il pieno apprendimento di tutti gli alunni; riflessioni di carattere teorico;  numerosi spunti di lavoro (anche inerenti la rilevazione dei BES e gli aspetti più strettamente legati alla valutazione alle competenze in uscita); proposte specifiche per alunni con Bisogni Educativi Speciali. Il nucleo centrale del corso è stata la stesura del PDP (Piano Didattico Personalizzato), che parte innanzi tutto da una visione di «classe inclusiva» per spostarsi solo successivamente sul singolo alunno, avendo sempre come cornice di riferimento la necessità di collocarsi all’interno di un ben preciso Piano Annuale per l’Inclusività. Si è parlato di competenze, di curricolo, di conoscenze e di abilità, delle otto competenze chiave, del metodo di studio, di verifica, di valutazione, di griglie di rilevazione, di indicatori, delle difficoltà nelle attività di recupero, della legge 104, della legge 170 e dei BES a carico della scuola, di linee guide obbligatorie, di misure dispensative che vanno calibrate, ecc. Di particolare interesse, tra le mille problematiche affrontate, è stata la parte riguardante la Creazione e gestione dei Piani Didattici Personalizzati degli alunni con BES seguendo la procedura per  esportare le informazioni immesse, realizzando così un documento sottoscrivibile dagli insegnanti, dal Dirigente e dalla famiglia. Si è parlato del Patto Educativo: senza una diagnosi la scuola non può attivarsi per redigere il Pdp. La scuola non può fare la diagnosi. E’ stato anche chiarito che per il PDP decide il Consiglio di classe anche in presenza di una diagnosi e di una formale richiesta dei genitori. Si è discusso sull’obbligatorietà del monitoraggio finalizzato ad una più adeguata valutazione complessiva. Si opera da tempo sui BES, ma le criticità non mancano, così come sono presenti i punti di forza. I docenti coinvolti, insieme con i dirigenti scolastici, si confrontano quotidianamente in rete, nella consapevolezza che le conoscenze e le esperienze condivise in questo campo delicato portano ad una maggiore ed efficiente offerta scolastica con relativo successo di didattica inclusiva.

Franco Lofrano

 

Trebisacce-08-11/05/2014:Il Liceo “Galilei” di Trebisacce premiato (per la seconda volta consecutiva) alla VII Edizione del Certame Vichiano

 

Il Liceo “Galilei” di Trebisacce premiato (per la seconda volta consecutiva) alla VII Edizione del Certame Vichiano

 

 

 

Anche quest’anno il prof. Bruno Mandalari (doc. di Storia e Filosofia) ha accompagnato alcuni studenti meritevoli del Liceo “Galilei” (Nicolaj Corrado, Luigi Massaro, Orlando Marco Pellicori) alla volta di Napoli, dove – nei giorni 8-11 maggio 2014 – si è tenuta la VII Edizione del “Certame Vichiano” (Concorso filosofico nazionale).

 

La prova concorsuale è consistita nell’analisi di un testo vichiano (“De mente heroica”). Un testo di estrema attualità – che Vico redasse in occasione dell’inaugurazione dell’anno accademico dell’Università degli studi di Napoli “Federico II” il 18 ottobre 1732 –, in cui vengono trattati i temi relativi all’ordinamento degli studi, al metodo da utilizzare e, soprattutto, alle “finalità eroiche degli studi”.

 

L’eroismo (della mente), termine caro al filosofo napoletano (così come lo fu per Giordano Bruno), si spiega in relazione al fatto che il sapere è inesauribile e la ricerca non ha mai fine, in quanto ciò che si deve raggiungere è un sapere pluridisciplinare, universale, “enciclopedico”, ovvero circolare (secondo l’etimo della parola).

 

Ecco come l’autore della Scienza Nuova conclude la sua importantissima ed emozionate prolusione “accademica” rivolgendosi ai giovani:

 

Affrontate erculee fatiche: sopportate le quali, proverete a più che buon diritto la vostra discendenza dal vero Giove ottimo massimo; e, per tal modo, vi asserirete eroi nell’atto di arricchire il genere umano di benefici ingenti.”

 

Nell’agone filosofico l’alunno Orlando Marco Pellicori (Classe V C Scientifico) si è aggiudicato il Terzo premio ex aequo; Nicolaj Corrado (Classe II A Classico) e Luigi Massaro (Classe III B Classico)  hanno ricevuto la menzione di merito per la partecipazione al Certame.

 

Al di là dei riconoscimenti ufficiali, ciò che il professor Mandalari ha sottolineato è che i suddetti ragazzi hanno dimostrato durante le lezioni propedeutiche al concorso in questione, tenutesi a partire dal gennaio scorso con cadenza quindicinale,  un elevato senso di responsabilità intellettuale affrontando tra l’altro la competizione con lo spirito giusto, ovvero non per  vincere “sugli” altri, ma “con” gli altri concorrenti provenienti da tutta Italia.

 

“Ed è meraviglioso – aggiunge il prof. Mandalari – vedere dei ragazzi di 17/18 anni confrontarsi con un autore straordinario come Vico. Un autore che intendeva la filosofia come pratica pedagogica attiva e mai come erudizione da ostentare (“boria dei dotti”)”.

 

Aspettando il prossimo Certame Vichiano, godiamoci, per ora, gli allori meritati.

 

 

10363921_10203751483896279_558042503168395786_n

Trebisacce-28/12/2013:A Lamezia le eccellenze della Scuola. “Aletti” di Trebisacce-Oriolo presenta la sua webTv

100_6534100_6572

A Lamezia le eccellenze della Scuola. “Aletti” di Trebisacce-Oriolo presenta la sua webTv

Redazione Paese24.it on 2013/12/23
SEZIONI 
Primo PianoScuola
SEGUI ANCHE: ipsia aletti lamezia
laboratorio crossmediale oriololamezia elleccenze scuola aletti trebisacceweb tv aletti trebisacce

Descrizione: Da sinistra Caligiuri, De Vita e i due studenti

Da sinistra Caligiuri, De Vita e i due studenti

 

Anche l’Istituto Professionale IPSIA “Aletti” di Trebisacce (con sede associata di Oriolo) ha partecipato al “gran galà” delle eccellenze scolastiche calabresi. La manifestazione è stata promossa dalla Regione Calabria – assessorato alla Cultura, con la collaborazione dell’Ufficio scolastico Regionale e con l’adesione del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.L’evento si è tenuto sabato mattina a Lamezia Terme presso la sala convegni della Fondazione Mediterranea Terina, nel centro agroalimentare, è ha registrato la presenza di numerose scuole della Regione e di studenti che a vario titolo si sono distinti nell’ampio paniere del sapere, dell’innovazione tecnologica e nei settori sportivo, artistico, logico-matematico, letterario.

Ospiti d’onore della manifestazione sono stati gli “alfieri del lavoro” Paolo Paglianiti del Liceo “Vianeo” di Tropea, Rosamaria Pellegrini dell’Istituto superiore “Mortati” di Amantea e Francesca Congiusta dell’Istituto paritario “Maria Ausiliatrice” di Soverato, che sono stati premiati tra i più brillanti diplomati italiani al Quirinale il giorno della festa della Repubblica. E’ intervenuto anche lo studente sedicenne Marco Mammola dell’Istituto “Milano” di Polistena, il primo europeo vincitore della batteria Europa/Russia/Medio Oriente/Africa della Cisco Academy, tra le più importanti competizioni informatiche del mondo.

L’Alto Jonio è stato rappresentato dall’Istituto “Aletti”, guidato dalla dirigente scolastica Adriana Grispo, che ha ricevuto un attestato di merito per l’unico laboratorio crossmediale della provincia di Cosenza che si trova presso la sede di Oriolo ed è stato da poco attivato. Il laboratorio produrrà un web tv aperta alla società civile che racconterà il territorio con la voce dei ragazzi. A Lamezia era presente una delegazione della scuola composta dal vice preside Piero De Vita, dal project manager Vincenzo Santagada, dal direttore di Paese24.it Vincenzo La Camera (partner del progetto) e dagli alunni della sede associata dell’Istituto Commerciale di Oriolo, Maria La Torraca e Giuseppe Marino.

Alle spalle di queste eccellenze, come ha sottolineato l’assessore Caligiuri e come amava ripetere il compianto giudice Paolo Borsellino, c’è un esercito di docenti che lavora in silenzio. L’augurio è che il Governo possa garantire a questi educatori di continuare a svolgere il loro lavoro nella giusta serenità. La Calabria prova a voltare pagina, dunque. E lo fa sopratutto attraverso la scuola che deve sempre di più aprirsi al territorio e saper intercettare con progetti e finanziamenti alternative didattiche interessanti per i ragazzi, al fine di consentire loro un approccio al mondo del lavoro o a quello universitario portandosi in dote competenze importanti. Privilegi, se vogliamo, di cui i loro coetanei di qualche anno fa non hanno pututo godere. Da ciò, che ben venga la progettualità europea ma a patto che possa davvero diventare per gli studenti una palestra di innovazione e crescita culturale.

v.l.c.

 

Trebisacce-26/09/2013: Gherardo Colombo al Filangieri alle ore 11,00

Trebisacce-02/09/2013: Al Filangieri la festa di pensionamento per tre docenti e la nomina di due nuovi collaboratori

1167698_10200467255099923_647059550_n1174502_10200467639269527_1955012789_n1208567_10200467251259827_1325225885_n1209021_10200467638309503_313404448_n1241328_10200467254139899_1288893263_n

Trebisacce:02/09/2013

Festa di pensionamento per tre docenti in occasione del primo collegio docenti per il nuovo anno scolastico 2013-2014 e nominati Rosetta Policastro (Matematica) e Peppino Giovazzino (Educazione Fisica) i due nuovi collaboratori della dirigente, a cui auguriamo buon lavoro.  Tra i diversi punti all’o.d.g. del primo Collegio Docenti la dirigente scolastica del “G. Filangieri”, Franca Domenica Staffa, ha inserito anche il meritato saluto ai tre docenti, Franco Lacanna e Leonardo Cataldi  (Economia Aziendale) e Giuseppina Speciale (Lingua Inglese) che hanno completato con onore il servizio e hanno raggiunto il traguardo del meritato pensionamento. Come già negli anni passati, il saluto sentito ed emozionante e ricco di parole di elogio della Dirigente Staffa e degli stessi docenti interessati è stato accompagnato da una piccola festa,  allo scopo di creare la giusta atmosfera, quella dell’allegria e della gioia, per allontanare la nostalgia dei tanti momenti vissuti insieme, che stringe la gola.  Tra parole di elogio, foto ricordo, abbracci, strette di mano e baci si è inserito un ricco buffet, nella Biblioteca della Scuola, annaffiato da buon spumante. Franco Lacanna e Leonardo Cataldi hanno rappresentato negli anni due pilastri determinanti del “G. Filangieri”. Si sono impegnati full time e con rigore e professionalità nell’insegnamento di una disciplina fondamentale e che caratterizza il corso di studio. Nonostante la gravosa responsabilità e l’enorme mole di lavoro svolto, nei loro sguardi si leggeva un normale velo di tristezza per il distacco, tipico di chi ha fatto dell’insegnamento un valore reale di vita. Punti di riferimento nei consigli di classe, nelle riunioni di dipartimento, fattivi collaboratori della dirigente,  rigorosi nel comportamento e nel contempo fratelli maggiori degli studenti. Delle figure complete sia da un punto di vista professionale che da quello umano, da tutta la comunità scolastica percepiti e riconosciuti. Giuseppina Speciale, poi, sempre pronta ad organizzare stage e corsi formativi per gli studenti. Determinata con gli studenti e solare e collaborativa con la dirigente, con i docenti e con il personale ata. E’ stata fino agli ultimi corsi di recupero estivi in prima linea e solo lontanamente lasciava intendere che stava per concludersi la sua prestigiosa carriera di docente stimata di lingua inglese. I tre docenti hanno trascorso praticamente un periodo abbastanza lungo della loro vita di docenti al Filangieri e sono anche tanti i momenti che li  legano  alla scuola e hanno fatto fatica ,dietro un cordiale sorriso, a nascondere la loro tristezza nel lasciare i colleghi e gli studenti che con loro sono cresciuti in conoscenza e competenza. Per il personale Ata conquista il meritato fine carriera anche la signora Anna Franca Amerise sempre presente in segreteria alunni a soddisfare le richieste di genitori e alunni con serietà, con educazione e rispetto verso tutti. Anche per la collaboratrice scolastica Anna Adduci è arrivato il distacco dalla scuola e il pensionamento dopo tanti anni che l’hanno vista attenta e vigile nell’osservare il comportamento degli studenti sui vari piani dove sono ubicate e aule e bisogna aggiungere i vari momenti che ha dovuto prestare particolare attenzione a qualche studentessa che ravvisava qualche temporaneo e fisiologico malore. Insomma una mamma anche a scuola, sorella maggiore, lavoratrice seria e attenta. E’ giusto per loro che sia arrivato il momento del distacco e del meritato riposo, ma è pur vero che la comunità scolastica si impoverisce perché perde tanta esperienza maturata sul campo, in un momento in cui puntare sulla qualità dell’insegnamento è di fondamentale necessità. Auguri a tutti per un futuro sereno e gioioso come il vostro cuore desidera.

Franco Lofrano

 

Trebisacce-15/05/2013:I CITTADINI, I VERI DATORI DI LAVORO

I CITTADINI, I VERI DATORI DI LAVORO

“Non è lecito concedersi determinate distrazioni quando si nota che la
propria gente, il proprio paese affonda, che i suicidi di imprenditori e padri
di famiglia sono sempre maggiori, che il femminicidio, il razzismo e l’omofobia
si diffonde sempre piu, come un cancro difficile da combattere. Non è facile
vedere un’Italia ormai senza dignità, cosi come non è facile e sopportabile
incontrare occhi tristi e disperati, sguardi speranzosi di bambini innocenti
che chiedono aiuto. Non è più possibile assistere a guerre intestine tra
partiti che fanno fallire il paese. Colpa sicuramente di una politica
balbettante,degenerata e irresponsabile, destra o sinistra che sia. Ma anche
colpa del popolo. E’ stato lasciato fare alle istituzioni e amministrazioni,
spesso incapaci di rappresentare e tutelare quest’ultimo, del loro peggio
acconsentendo con il vigliacco silenzio ogni imposta, invece di reagire e far
sentire l’entusiasmo. Sono i cittadini i veri datori di lavoro e se la massa si
organizzasse, avrebbe sicuramente un potere determinante e concreto sulle
istituzioni. Ecco perchè la partecipazione e la curiosità sono importanti,
anzi, fondamentali. Bisogna confidare ancora nella nobiltà della politica.
Quella politica seria, concreta, sensibile e coraggiosa. Quella politica
responsabile e consapevole che GOVERNARE significa anche SAPER SCEGLIERE.
Quella politica, per la quale, è sempre lieto servire. Quella politica, della
quale, i giovani si devono innamorare, dalla quale devono apprendere che certi
valori non vanno traditi. Bisogna credere ancora che la politica sia fonte di
speranza soprattutto in periodi aspri e delicati come questi. Non và
assolutamente dimenticato che i periodi di grande crisi hanno sempre portato a
delle terribili guerre, per cui è importante che i popoli si abbraccino e siano
persino tolleranti.”

Diana Mihaela Andone

IVA Tur.

Trebisacce-11/05/2013:Il “G. Filangieri” di Trebisacce al Salone internazionale del libro di Torino

gruppo

Saranno circa 1000 gli studenti calabresi che parteciperanno al Salone internazionale del libro in programma tra il 16 e il 20 maggio a Torino. Tra questi si distingueranno le hostess e gli stuart dell’Istituto Tecnico Statale settore Economico e Tecnologico “G. Filangieri” di Trebisacce diretto dalla Dott.ssa Domenica Franca Staffa che hanno aderito al progetto culturale Travel game: “le scuole calabresi in vetrina al Salone internazionale del libro di Torino” e hanno accolto con entusiasmo l’invito dell’associazione culturale La Movida che ha organizzato nella città capoluogo di regione piemontese delle attività specifiche riservate alle scuole le quali all’interno del Salone avranno la possibilità di visitare gratuitamente il padiglione della Regione Calabria, regione ospite d’onore del Salone: 350 mq con un bookshop, shopping dei sapori, area relax, mostra sulla tipografia storica calabrese XVI-XXVII secolo e tanto altro. Nella giornata conclusiva, il 20 maggio, è previsto un incontro con tutte le scuole calabresi. Ma non solo. “Gli alunni potranno socializzare – ha spiegato la presidente dell’associazione La Movida – conoscendo i loro coetanei provenienti da altre province calabresi; visiteranno la città di Torino ricca di musei e monumenti, in particolare nella giornata del 21 maggio saranno ospiti del palazzo reale e del Museo di Antichità Egizio che ringraziamo per la disponibilità avendo accolto tutti i ragazzi calabresi anche se numerosissimi. Il Museo di Antichità Egizio è il secondo museo egizio al mondo per importanza e numero di reperti dopo quello del Cairo; fondato nel 1824 da Carlo Felice con l’acquisizione della raccolta del console di Francia in Egitto, il piemontese Bernardino Drovetti, e successivamente arricchito dagli scavi di Ernesto Schiaparelli. Il museo consta di circa 30.000 pezzi e documenta la storia e la civiltà dell’Egitto, dal paleolitico all’epoca copta, con pezzi unici e raccolte organiche di oggetti d’arte e d’uso quotidiano e funerario”. Sabrina Accoti, Miriana Lungaretti, Lofrano Michele; Stamati Pietro; Maria De Marco; Miriana Cirigliano; Chiara Maritato, Antonia Amerise, Silvana Di Matteo e i loro compagni, coordinati dalle prof.sse Giuseppina Speciale e Maria Algieri, avranno l’opportunità di incontrare molti autori all’interno del Salone del Libro ponendo in evidenza le peculiarità del proprio corso di studi. I ragazzi alloggeranno al Villaggio Olimpico di Bardonecchia dove potranno mettere in pratica ciò che hanno appreso tra i banchi di scuola e con le loro divise da stuart e hostess lavoreranno presso il teatro dell’hotel dove sono in programma diverse attività culturali. Il Travel game è un particolare format di viaggio d’istruzione ideato dall’associazione La Movida e realizzato grazie alla collaborazione di Planet Multimedia, azienda leader nei sistemi multimediali per la didattica e la Keluar tour operator. Il Travel game vede la partecipazione di diverse scuole che viaggeranno contemporaneamente alla volta di Torino e saranno protagoniste di un emozionante confronto con domande concordate con i docenti e i vincitori della sfida culturale vinceranno i premi offerti tra i quali: i gioielli del maestro orafo Michele Affidato; i libri di Rubbettino Editore; i cioccolatini di Monardo; i soggiorni in Sila (Cz) presso il Faro; i vini di Senatore (cantina di Cirò).

 

Villapiana-13/04/2013: Villapiana e i suoi primi 150 anni.

Trebisacce-12/04/2013:Al “Franny” di Sibari la Festa dei 100 gg. dei ganzissimi studenti della VA Progr. del Filangieri