Villapiana-29/05/2017: Si parte con il “Porta a Porta”

Anche a Villapiana il 05/06/2017 “a porta a porta” si parte con la raccolta differenziata. La diffusione della raccolta “porta a porta” è un elemento fondamentale di una strategia seria per mettere leggi »

Catanzaro-08/06/2017:MOBILITAZIONE COLDIRETTI: ILLUSTRATE LE MOTIVAZIONI E GLI ASPETTI ORGANIZZATIVI DELLA GRANDE INIZIATIVA DELL’8 GIUGNO P.V. ALLA CITTADELLA REGIONALE

MOBILITAZIONE COLDIRETTI: ILLUSTRATE LE MOTIVAZIONI E GLI ASPETTI ORGANIZZATIVI DELLA  GRANDE INIZIATIVA DELL’8 GIUGNO P.V. ALLA CITTADELLA REGIONALE   Molinaro: con Oliverio un franco incontro ma la mobilitazione continuerà fino al raggiungimento leggi »

Castrovillari-29/05/2017: ASPETTANDO LA MARATHON

ASPETTANDO LA MARATHON In bici o a piedi, accompagnati dalle guide ufficiali del Parco Nazionale del Pollino, per scoprire Castrovillari e le bellezze naturali e culturali del territorio  Non è un appuntamento leggi »

Trebisacce- 29/05/2017: Antonio Vincenzi vincitore finalista del Premio Troccoli

  Trebisacce: 29/05/2017   Antonio Vincenzi vincitore finalista del Premio Troccoli   Antonio Vincenzi, giovanissimo e talentuoso studente della terza media, Sezione C, “C. Alvaro” di Trebisacce, diretta dalla Prof.ssa Laura Gioia, leggi »

Amendolara-28/05/2017:PERICOLI DEL WEB. “PREMIO PAGANO” ACCOGLIE AD AMENDOLARA SCUOLE DELLA PROVINCIA. I VINCITORI DELLA V EDIZIONE

COMUNICATO STAMPA   PERICOLI DEL WEB. “PREMIO PAGANO” ACCOGLIE AD AMENDOLARA SCUOLE DELLA PROVINCIA. I VINCITORI DELLA V EDIZIONE Archiviata la quinta edizione del Premio Pagano, che come da prassi si è leggi »

Trebisacce-28/05/2017:TREBISACCE Al via nella cittadina jonica il Movimento dei Democratici e Progressisti

TREBISACCE Al via nella cittadina jonica il Movimento dei Democratici e Progressisti che provano a riorganizzare una Sinistra «non identitaria e con la vocazione a fare solo opposizione, ma come forza di leggi »

Trebisacce-28/05/2017: Mariasara Staffa vince la 17ma edizione del Premio Tersicore

Trebisacce:28/05/2017 Mariasara Staffa vince la 17ma edizione del Premio Tersicore   Si è svolta con successo di partecipazione e di contenuti educativi la XVII Edizione del Premio Letterario Nazionale “Tersicore”, riservato agli leggi »

 

Villapiana-29/05/2017: Si parte con il “Porta a Porta”

Anche a Villapiana il 05/06/2017 “a porta a porta” si parte con la raccolta differenziata. La diffusione della raccolta “porta a porta” è un elemento fondamentale di una strategia seria per mettere il nostro territorio al riparo da ogni emergenza, migliorare la qualità dell’ambiente, tutelare la salute e agevolare la vita di ogni cittadino. La raccolta differenziata è il modo migliore per preservare e mantenere le risorse naturali dell’ambiente in cui viviamo, ma soprattutto quello delle generazioni future. Si parla tanto di raccolta differenziata e la si indica come la via più efficace per raggiungere un ciclo industriale perfetto per lo smaltimento dei rifiuti. La BSV è in piena attività, diretta dall’amministratore Eduardo Lo Giudice. Al momento tutto il materiale acquistato è accatastato all’interno del capannone, pronto per essere distribuito alle famiglie da parte del personale. Riusare, riutilizzare e valorizzare i rifiuti come la carta, la plastica, il vetro, il legno, i medicinali, contribuisce a restituirci e conservare un ambiente più ricco. Anche la più comune azione può produrre inquinamento: ad esempio, leggere un giornale o bere un’aranciata sarebbe cosa di poco conto se non considerassimo che ogni giorno nel mondo vengono stampate milioni di pagine, costruite milioni di bottiglie in plastica o lattine in alluminio. Ecco perché è importante considerare ogni nostra singola azione! Una start up londinese ha messo a punto una bolla d’acqua potabile con involucro commestibile, completamente biodegrabile. Le bottiglie di plastica potrebbero essere solo un ricordo del passato. L’acqua verrà racchiusa in una specie di goccia dall’involucro commestibile e insapore. Lo scopo sarebbe quello di ridurre gli sprechi e di rendere l’imballo completamente biodegradabile. Piccoli gesti che non solo ci aiutano a vivere in mondo migliore, ma che spesso semplificano e rendono più comoda la nostra vita di ogni giorno.
Sarah Oliveti
2°A-Afm-Filangieri

 

 

Trebisacce-04/06/2017: Notte Blu

Catanzaro-08/06/2017:MOBILITAZIONE COLDIRETTI: ILLUSTRATE LE MOTIVAZIONI E GLI ASPETTI ORGANIZZATIVI DELLA GRANDE INIZIATIVA DELL’8 GIUGNO P.V. ALLA CITTADELLA REGIONALE

MOBILITAZIONE COLDIRETTI: ILLUSTRATE LE MOTIVAZIONI E GLI ASPETTI ORGANIZZATIVI DELLA  GRANDE INIZIATIVA DELL’8 GIUGNO P.V. ALLA CITTADELLA REGIONALE

 

Molinaro: con Oliverio un franco incontro ma la mobilitazione continuerà fino al raggiungimento degli obiettivi

E’ confermata anzi confermatissima la mobilitazione indetta da Coldiretti Calabria e che avrà  il “momento clou” nella grande iniziativa di giovedì 8 giugno p.v. alla Cittadella Regionale a Catanzaro- sede della Giunta Regionale ma che continuerà fino al raggiungimento degli obiettivi. Nel corso dell’incontro con la stampa, sono stati presentati alla Camera di Commercio di Cosenza i dettagli dei contenuti della mobilitazione e le modalità organizzative dell’ iniziativa di piazza. Ad affiancare il presidente della Coldiretti Calabria Pietro Molinaro, una squadra combattiva composta da dirigenti dell’organizzazione e da Marsio Blaiotta Presidente dell’Urbi Calabria. “Il treno è partito già dal 28 aprile u.s., va veloce e non rallenta – ha affermato Molinaro – l’insoddisfazione e il malcontento sui territori è grande.  I numeri dell’iniziativa dell’8 giugno sono significativi: 5000 persone, circa 100 pullman, almeno 100 trattori, tanti amministratori comunali, rappresentanti delle istituzioni nazionali e regionali, associazioni culturali, di volontariato etc. e continuano a fioccare le adesioni.  Coldiretti  – ha continuato -in questi due anni e mezzo di presidenza Oliverio è sempre stata sul pezzo, mai fuori tempo massimo e lo testimoniano ben 65 lettere, tutte senza risposta  -chiosa  – che abbiamo inviato al Presidente della Regione; lettere documentate, che mai si sono caratterizzate per lamentele – non appartiene alla nostra cultura – ma che anticipando i tempi e le difficoltà che si intravedevano contenevano proposte e suggerimenti. Peccato che siano rimaste lettera morta perché poi, i problemi e le difficoltà che oggi qualcuno rincorre si sono appalesati in tutta la loro drammaticità tanto da farci affermare coldirettiaoliveriolaregionecosìnonva. Un lungo, dettagliato e argomentato elenco di disfunzioni e criticità quello illustrato che vanno dalla mancanza di interlocuzione politica, inefficace semplificazione amministrativa in particolare con il ruolo del Super-CAA, politiche di accesso al credito,  disimpegno e perdita di risorse sulla chiusura del PSR 2006-2013 e attuazione PSR 2014-2020 sul quale fino ad oggi  – sottolinea -non è stato emesso nessun decreto di finanziamento per investimenti nelle aziende Agricole e per l’insediamento dei giovani; poi che dire dei  pagamenti agli agricoltori da parte dell’organismo pagatore ARCEA con accumuli di ritardi ed inefficienze varie che in tempi non sospetti, ribadisce, avevamo segnalato; cosi come l’eradicazione delle epizozie che sta causando danni economici rilevanti al patrimonio zootecnico. La nostra ambizione ma anche volontà precisa – continua Molinaro – è che i nostri chiari temi interessano tutti i cittadini e hanno un impatto sull’economia dei territori e per questo non ci sfugge anche una visione ampia e coerente sull’utilizzo dei Fondi Comunitari come Por, Patto per la Calabria e strategia aree interne, nonché sulle riforme degli enti strumentali per liberare risorse e anche  l’approvazione di Progetti di Legge a costo zero (vedi anche cinghiali- banca della terra) che rimangano inspiegabilmente impantanati. Anche sui Consorzi di bonifica l’attenzione è massima – conferma Molinaro – c’è un buon lavoro fatto dai dirigenti Coldiretti che amministrano i Consorzi che dal 2010 ha impresso una svolta culturale rilevante nella gestione dei Consorzi di Bonifica con una progettualità spinta e che adesso, proprio per irrobustire l’agricoltura di qualità, hanno la necessità di chiedere alla Regione il dovuto (crediti forestazione) oltre ad una serie di interventi sulle reti irrigue e impianti che sono di proprietà regionale per permetter agli agricoltori di pagare meno il servizio irriguo. Insomma i titoli sono quelli giusti e dietro questi titoli ci sono molti dettagli importanti. “Se si fa tutto questo- ha affermato Molinaro  – l’economia può crescere più rapidamente e automaticamente genera più entrate e si ha meno bisogno di cassa integrazione, sussidi di disoccupazione e altre spese sociali e quindi più lavoro e benessere. “Dopo l’annuncio della mobilitazione da parte di Coldiretti, – riferisce – cogliamo almeno quattro  aspetti incoraggianti: l’approvazione dei Piani di Classifica, la lettera di Oliverio al Ministro Martina per eliminare le disfunzioni del sistema informatico e accelerare i pagamenti di Arcea, l’incontro nel quale è stato comunicato il pagamento dell’indennità compensativa e in ultimo il lungo incontro che il Presidente Oliverio  ha avuto il 22 maggio u.s. con Coldiretti e l’Urbi Calabria. A proposito dell’incontro,  Molinaro riferisce che è stato molto franco e vivace, durante il quale ognuno ha esposto con chiarezza i propri punti di vista. Il Presidente della Regione ha riconosciuto ed evidenziato il ruolo di Forza Sociale di Coldiretti che essendo la più rappresentativa Organizzazione agricola  è impegnata in modo forte e costante nella proposta nell’interesse della Calabria e degli agricoltori. Ha preso una serie di impegni sulle motivazioni alla base della mobilitazione che non si esclude possano essere da lui stesso illustrati ai partecipanti all’iniziativa regionale. Da subito per intanto ha garantito una maggiore e costante interlocuzione politica con il Dipartimento Agricoltura mediante il suo diretto coinvolgimento e quello del Direttore Generale del Dipartimento.

 

29.05.2017      Ufficio Stampa Coldiretti Calabria

Castrovillari-29/05/2017: ASPETTANDO LA MARATHON

ASPETTANDO LA MARATHON

In bici o a piedi, accompagnati dalle guide ufficiali del Parco Nazionale del Pollino, per scoprire Castrovillari e le bellezze naturali e culturali del territorio 

Non è un appuntamento solo per i bikers. La Marathon degli Aragonesi in programma domenica 11 giugno è una manifestazione sportiva che da sempre ha cercato di coniugare il turismo sportivo, la conoscenza del territorio, la promozione delle bellezze artistiche, culturali e paesaggistiche dei comuni coinvolti, Castrovillari, Frascineto e Civita, e valorizzare il contesto naturale del Parco Nazionale del Pollino.

Da sempre l’associazione sportiva dilettantistica Ciclistica Castrovillari – organizzatrice della gran fondo in mountain bike – presieduta da Antonio Limonti, ha intessuto rapporti di collaborazione con le guide ufficiali del Parco Nazionale del Pollino per permettere ai bikers in arrivo da tutta Italia e alle loro famiglie, di godere appieno della montagna del Sud, il Pollino.

Anche per l’edizione 2017 ricco di proposte è il programma delle attività collaterali che accompagnano la Marathon degli Aragonesi.

Aspettando la Marathon prenderà il via da sabato 10 giugno con la passeggiata, da fare in bici o a piedi, della green way che collega la città di Castrovillari Morano Calabro Borgo più bello d’Italia e Bandiera Arancione del Touring Club Italiano. La proposta è rivolta alle famiglie dei corridori, ma anche a tutti gli appassionati del turismo verde. Lungo i cinque kilometri della pista ciclabile realizzata con i fondi del Pisl 2017 – 2013 (frutto del progetto “Attraversando Natura” che è anche un portale turistico e di marketing territoriale finalista allo Smau di Napoli 2015) le guide ufficiali del Parco Nazionale del Pollino accompagneranno turisti e visitatori a scoprire gli ambienti ed i panorami che è possibile ammirare seguendo l’antico tracciato della ferrovia.

La partenza è prevista dal Villaggio Marathon (ubicato presso il parco giochi comunale in Via Polisportivo) alle ore 17.00. Lungo il percorso – nei pressi dell’ex casello ferroviario di località Crocefisso – si effettuerà una sosta nella quale si incontreranno i musicisti Francesco Gallavotti, Roberto Cherillo e Sasà Calabrese che racconteranno in musica suoni e paesaggi del Pollino. Poi la ripartenza con l’arrivo a Morano Calabro e ritorno previsto intorno alle 20.00.

Domenica 11 giugno, invece, dopo la partenza in attesa dei primi atleti sempre con le guide ufficiali del Parco nazionale del Pollino si potrà passeggiare alla scoperta del centro storico di Castrovillari, ammirando le bellezze dei palazzi storici, la chiesa madre nel cuore del salotto antico della Città, il Protoconvento Francescano, il Castello Aragonese. 

Sempre con le guide del Parco si potranno concordare appuntamenti di visita personalizzati per approfondire la conoscenza di Frascineto e Civita, due realtà della rete di comuni arbereshe del Parco.

Trebisacce- 29/05/2017: Antonio Vincenzi vincitore finalista del Premio Troccoli

Antonio VINCENZI

 

Trebisacce: 29/05/2017

 

Antonio Vincenzi vincitore finalista del Premio Troccoli

 

Antonio Vincenzi, giovanissimo e talentuoso studente della terza media, Sezione C, “C. Alvaro” di Trebisacce, diretta dalla Prof.ssa Laura Gioia, è risultato vincitore finalista al 31° Premio Nazionale “Troccoli Magna Graecia”  ”, di ricerca e promozione culturale, per la sezione: Scuola e promozione culturale. Seguito dalla Prof.ssa Maddalena Abate, di Italiano, il giovane si è misurato sul complesso tema del Turismo sostenibile sulle realtà locali e in particolare su Trebisacce. E’ il caso di sostenere che i giovani impegnati e motivati non finiscono mai di sorprenderci e in positivo. La manifestazione di premiazione si è svolta lo scorso 27 maggio 2017, presso il Teatro Comunale di Cassano All’Ionio, dove, salendo sul palco, il giovane Antonio ha ritirato l’ambito riconoscimento-attestato rilasciato a firma del Presidente del Premio Troccoli, Martino Zuccaro. Il giovane Antonio è figlio di Francesco (Architetto Libero Professionista) e della Signora Sveva Tucci (dipendente Asp di Trebisacce). Ad accompagnare il giovane Antonio per il ritiro della pergamena, oltre al papà, anche lo zio Lorenzo e il nonno Fausto Tucci che all’uscita dal Teatro, a fine manifestazione, seppure, visibilmente emozionati e gioiosi, hanno inteso ringraziare tutti gli organizzatori della riuscitissima manifestazione per aver saputo coinvolgere i giovani, che sono il futuro, in un tema di alto profilo e spessore culturale. Soddisfatti anche del fatto che il giovane Antonio, impegnandosi responsabilmente nello studio, abbia coronato con un bel Premio questa parte finale dell’anno scolastico. Un grazie corale lo hanno rivolto alla Prof.ssa Abate per aver seguito Antonio e alla dirigente scolastica Laura Gioia per aver sempre stimolato e curato i giovani lungo il loro percorso di crescita culturale e di formazione. L’evento è stato organizzato da Prospettive Meridionali e il Centro Studi Cresesm. Ai saluti di Martino Zuccaro, per conto della segreteria organizzativa del Premio, del sindaco, Gianni Papasso, e di Carlo Parisi, segretario generale aggiunto della Fnsi, hanno fatto seguito le testimonianze da parte di autorità civili, militari e religiose. “Raccontando i cinque fratelli nel Regno di Napoli” è stato, invece, il tema di approfondimento della conversazione con Pierfranco Bruni, Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo. Per la sezione “Saggistica” è stato premiato Vittorio Cappelli, docente Università della Calabria; per la sezione “Ricerca” Giuliano Volpe, rettore emerito Università di Foggia e presidente del Consiglio Superiore Beni culturali e paesaggistici del Mibact; la sezione “Targa F. Toscano” è stata conferita a Giuseppe Ferraro, dottore di ricerca mentre quella “Giornalismo” a Maria Gabriella Capparelli, giornalista Tg1 Rai. Sono stati assegnati premi anche per la sezione “Scuola e promozione culturale”. Inoltre, riconoscimenti speciali a: Francesco Filareto, storico e saggista; Coriolano Martirano, storico e saggista; Ottavio Olita, giornalista Tg2, TgR Sardegna, scrittore e docente Università di Cagliari.

Franco Lofrano

Amendolara-28/05/2017:PERICOLI DEL WEB. “PREMIO PAGANO” ACCOGLIE AD AMENDOLARA SCUOLE DELLA PROVINCIA. I VINCITORI DELLA V EDIZIONE

ipsia trebisacce

comprensivo amendolara

comprensivo sibari

dambruoso – pagano

liceo scientifico corigliano

scopelliti e dambruoso

COMUNICATO STAMPA

 

PERICOLI DEL WEB. “PREMIO PAGANO” ACCOGLIE AD AMENDOLARA SCUOLE DELLA PROVINCIA.

I VINCITORI DELLA V EDIZIONE

Archiviata la quinta edizione del Premio Pagano, che come da prassi si è svolta nella Chiesa di San Domenico ad Amendolara, che grazie a questo appuntamento mette in mostra tutto il suo splendore ai tanti ospiti che giungono da fuori.

E’ stata l’edizione della conferma per il concorso  fondato sui principi di legalità che in pochi anni è diventato punto di riferimento nel panorama scolastico provinciale. Ogni anno il Premio Pagano annovera tra i partecipanti sempre nuove scuole entusiaste di cimentarsi con le varie tematiche messe a bando. Quest’anno il tema è stato: Il linguaggio dell’odio su media e social network: conoscerlo per rifiutarlo. La mattinata di venerdì 26 maggio ha visto un interessante momento di confronto sul tema del concorso, al quale hanno partecipato, grati dell’accoglienza ricevuta ad Amendolara, l’onorevole Rosanna Scopelliti, membro della Commissione Antimafia presso la Camera dei Deputati e figlia del giudice Antonino ucciso dalla mafia; e il questore della Camera dei Deputati, onorevole Stefano Dambruoso. Il questore, già magistrato e pioniere delle inchieste contro il terrorismo islamico, ha rimarcato il rischio che gli adolescenti corrono navigando sul web con la possibilità di venire adescati dalla propaganda dell’Isis che si serve dei giochi online e dei social network per, addirittura, addestrare nuovi “soldati”. Questo fenomeno che rappresenta una vera violenza sulla rete può essere combattuto – ha sostenuto Dambruoso – con una corretta integrazione che non può che partire dalle scuole. «L’immigrato deve diventare consapevole dell’enorme fortuna di cui può godere. E cioè di quella libertà che nel suo paese di origine non hai mai conosciuto».

I lavori, moderati dal giornalista e direttore di Paese24.it, Vincenzo La Camera, sono stati introdotti del presidente dell’Associazione per lo Sviluppo dell’Alto Jonio, il consigliere parlamentare Antonio Pagano figlio del giudice Umberto, originario di Amendolara, a cui è dedicato il premio. Pagano, soddisfatto dell’interesse che cresce attorno alla manifestazione, ha sottolineato l’importanza di legare il Premio alle Istituzioni che grazie ad esso vengono stimolate ancora di più.

Ha carpito l’interesse della platea degli studenti presenti il video molto significativo presentato da Maria Luisa Scardina dell’Ufficio Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza. Nella breve clip si evidenzia l’assenza dei rapporti umani sostituiti dai selfie che portano ad un indifferenza verso l’altro. Nel video cartone animato, si vede una ragazzina su un cornicione che vorrebbe gettarsi di sotto. Mentre giù, sulla strada, è uno stillicidio di luci: sono gli smartphone dei curiosi che cercano di riprendere la scena con estrema freddezza verso la tragedia che si sta per consumare. Il Premio Pagano viene organizzato dall’Associazione per lo Sviluppo dell’Alto Jonio in collaborazione con l’Istituto Comprensivo di Amendolara che ha partecipato al dibattito con l’intervento della professoressa Francesca Napoli, la quale ha sottolineato l’importanza dell’apertura della scuola al territorio, del dialogo tra istituzioni e realtà sociali. Il sindaco di Amendolara, Antonello Ciminelli, ha evidenziato uno scollamento tra le istituzioni e le agenzie sociali, probabilmente ancora impreparate, legislativamente ed eticamente, ad affrontare queste nuove forme di violenze. L’onorevole Scopelliti, nel suo intervento, dopo una doverosa e applaudita parentesi sulla storia del padre morto per mano della mafia quando lei aveva appena sette anni, ha spiegato come, seppur spesso in silenzio, il Parlamento è impegnato a cercare di dare risposte serie a queste nuove emergenze sociali, come la legge sul cyberbullismo approvata di recente alla Camera dei Deputati per tutelare le vittime, insistendo però sulla necessità di partire dal basso, dalla scuole, con una formazione appropriata per gli insegnati che sono il primo avamposto di legalità, dopo i genitori, per un adolescente. Ma l’attore principale resta la persona, in questo caso l’adolescente che deve prendere coscienza – sottolinea anche la Scopelliti – di cosa è bene e di cosa è male, nella vita come su internet.

Nel pomeriggio spazio alle premiazioni, coordinate dal presidente Pagano e dalla professoressa Ersilia Granato. Quest’anno senza podio, ma tutti sullo stesso livello. Per la Scuola Secondaria di Primo Grado, la commissione ha premiato il fumetto in power point  della I A di Amendolara; il video delle III A, B, C dell’Istituto Comprensivo di Sibari e sempre un video della III F della Scuola Enrico De Nicola (Plesso Giustino Fortunato) di Castrovillari. Il lavoro della scuola di Castrovillari verrà regalato alla presidente della Camera dei Deputati, Laura Boldrini, in occasione della visita a Montecitorio alla quale tutti gli studenti vincitori del Premio Pagano 2017 parteciperanno il 2 giugno. A tal proposito a tutti i presenti in sala è stata consegnata una copia della Costituzione Italiana.

Per la Scuola Secondaria di Secondo Grado, invece, vincono il concorso: IV A del Liceo Scientifico di Corigliano con un originale videoclip “Spegni il computer, accendi la vita”; un elaborato dell’alunna Angela Drammis della I A dell’I.I.S. di San Marco Argentano (plesso Liceo Scientifico di Fagnano Castello); un disegno molto significativo di Maria Di Leo della I H dell’Istituto Professionale di Trebisacce; e la III C del Liceo Scientifico di Trebisacce con alcuni elaborati narrativi.

La manifestazione, nel ricordo anche del compianto ispettore del Miur Francesco Fusca, da sempre vicino al Premio Pagano, e che quest’anno ha visto il contributo anche delle associazioni Amigdala e Azione Verde, si è aperta con le voci del coro dell’Istituto Comprensivo di Amendolara e si è chiusa con le note della Banda Musicale di Nova Siri (Mt) che ha consegnato alle cronache la quinta edizione del Premio Pagano facendo risuonare l’inno nazionale nella splendida cornice della Chiesa del Convento di San Domenico.

Vincenzo La Camera, ufficio stampa

 

 

Trebisacce-28/05/2017:TREBISACCE Al via nella cittadina jonica il Movimento dei Democratici e Progressisti

dav

dav

TREBISACCE Al via nella cittadina jonica il Movimento dei Democratici e Progressisti che provano a riorganizzare una Sinistra «non identitaria e con la vocazione a fare solo opposizione, ma come forza di governo destinata a recuperare il consenso perduto da parte del Partito Democratico di Renzi che, affetto da strabismo politico e avendo tradito gli ideali di partito dei lavoratori, guarda solo a destra». E’ con questa premessa e per dare l’avvio a questo progetto che Gianpaolo Schiumerini, già dirigente provinciale  regionale dei Verdi e successivamente di SEL, ha deciso di aprire una “Sezione dei Democratici e Progressisti – Articolo Uno” e lo ha fatto promuovendo un incontro a cui hanno partecipato, oltre al sindaco Franco Mundo del PD, Berto Liguori già dirigente provinciale del PD, Armando Cirillo già responsabile nazionale del settore Turismo del Governo-Letta e l’ex consigliere regionale Mimmo Talarico. E’ stata l’occasione, per Gianpaolo Schiumerini, delegato all’Ambiente del Comune ed esponente politico di lungo corso, per chiarire le ragioni che lo hanno spinto a intraprendere questa iniziativa che, a suo dire, intende riprendere e dare continuità a un progetto politico che parte da lontano e varcando i confini municipali nei quali è impegnato a sostenere la Lista di Centrosinistra “Vivere Trebisacce” e ispirandosi ai valori dell’Articolo Uno della Costituzione, intende chiamare raccolta quanti non si riconoscono più in una politica caratterizzata dal leaderismo esasperato e poco democratico di Renzi. Già da oggi, secondo quanto ha dichiarato l’autore dell’iniziativa, partirà la campagna di tesseramento che comunque può già contare su una trentina di adesioni, soprattutto di giovani «che – ha dichiarato Schiumerini – non sono animati dal classico risentimento dei separati, ma che vogliono impegnarsi per il recupero dei valori della democrazia e della partecipazione». Da parte sua il sindaco Mundo, da esponente del PD, ha sottolineato la necessità di impegnarsi per ricomporre la frattura, al fine di dare risposte alle esigenze di tutta la società civile e di cercare tutti insieme di contrastare la deriva populistica che sta assumendo la politica nazionale. Anche gli altri ospiti, dopo aver rimarcato la qualità della politica ambientale del comune di Trebisacce, capace di portare a casa ben quattro Bandiere Blu, qualità che, secondo loro, andrebbe presa a modello, hanno apprezzato la bontà dell’iniziativa di Schiumerini incoraggiandolo ad andare avanti nel nome di valori e di ideali condivisi.

Pino La Rocca

Trebisacce-28/05/2017: Mariasara Staffa vince la 17ma edizione del Premio Tersicore

Trebisacce:28/05/2017

Mariasara Staffa vince la 17ma edizione del Premio Tersicore

 

Si è svolta con successo di partecipazione e di contenuti educativi la XVII Edizione del Premio Letterario Nazionale “Tersicore”, riservato agli alunni delle Scuole Superiori sul tema:” Si afferma da più parti che in una società “liquida” e globalizzata qual è la nostra, si sia attenuata l’istanza etica e intellettuale della centralità della persona: dall’uomo artefice all’uomo consumatore, dalle relazioni alle connessioni. Di qui la necessità di individuare rimedi efficaci, investendo nella qualità dei rapporti umani”. Il prestigioso evento della serata di Premiazione, è stato organizzato dalla Federazione Italiana Donne Arti Professioni Affari (Fidapa)-Sezione di Trebisacce, presieduta da Anna  Franca Amerise e si è svolto nella lussuosa Sala del Miramare Palace Hotel, lo scorso 27 maggio e ha visto la partecipazione di: Anna Franca Amerise (Presidente FIDAPA-Sezione di Trebisacce), Vincenzina Nappi (Presidente del Distretto Sud Ovest FIDAPA), di Francesco Mundo (Sindaco di Trebisacce), Andrea Mazzotta (Giornalista-Presidente Associazione “L’Arte delle Nuvole”, Pina Basile (Docente di Filologia Dantesca presso l’Università di Salerno), Antonio Natale (Scrittore, Poeta e Commediografo), Giuseppe Trebisacce (Docente di Storia della Pedagogia-Unical), Antonio Miniaci (Giornalista e Critico Letterario). Nel ruolo di moderatore-coordinatore Franco Maurella (Giornalista de “Il quotidiano del Sud” e Presidente del Club Unesco di Trebisacce). Nel corso della serata sono stati premiati i lavori scelti per la Sezione Speciale, di ultimo inserimento e arricchimento, “Fumetto e Illustrazione” curata dall’Associazione “L’Arte delle Nuvole”, presieduta da Andrea Mazzotta. L’intermezzo musicale è stato affidato alla pluriversatile Asia Madera, vincitrice del primo premio Tersicore nel 2019 e premio speciale, che ha cantato “Pensiero Stupendo” di Patty Pravo e “Dolcenera” di Frabrizio De Andrè, accompagnata al pianoforte dal M° Pasquale Valicenti. Asia Madera, ha ricordato il moderatore Maurella, che come giornalista collabora con la testata on line “Diritto di Cronaca” diretta da Emanuele Armentano, il mensile “Confronti” diretto da Pino La Rocca e il mensile “La Palestra” diretto da Franco Lofrano, oltre a cantare e ad insegnare Lingua Inglese in una scuola della Lombardia. La Presidente Amerise ha consegnato ad Asia Madera una targa ricordo. Il giornalista e Presidente dell’associazione “L’Arte delle Nuvole” Andrea Mazzotta ha spiegato, tra l’altro, che tutti i giovani partecipanti hanno presentato dei lavori pregevoli completi di analisi delle opere. Ha concluso: “I giovani riescono sempre a sorprenderci!”. La Prof.ssa Pina Basile ha spiegato per sintesi, la differenza tra il Latino, il Volgare e il Dialetto; il dialetto per difetto, diletto e dispetto. Infine ha fatto omaggio al Sindaco Mundo di una copia del suo libro sulla Divina Commedia destinato alla locale biblioteca Comunale. Antonio di Natale ha voluto precisare che si sente più Commediografo che poeta e scrittore, perché nella Commedia c’è la storia dell’uomo. Il Prof. Giuseppe Trebisacce ha sostenuto la tesi che usiamo troppo la tecnologia ma poco bene e poco diligentemente. La scuola-ha detto- ha il ruolo grande di formare delle menti pensanti. Per Antonio Miniaci il Premio Tersicore serve a sollecitare i giovani verso una Cultura di vita. E’ stato, oggi, rivoluzionato il sistema comunicativo. Soddisfatta, elegante e cordiale la Presidente Amerise che con gioia ha contribuito a premiare gli studenti talentuosi, supportata dalle sue care fidapine e Past President. Ed eccovi l’elenco dei premiati: Per la sezione Fumetto si sono classificati al 2° e 3° posto Hanza Falem (Classe IV A-Liceo Scientifico “Galileo Galilei” di Trebisacce e Costantino Garzillo (IV Liceo Scientifico “Orazio Flacco” di Venosa. Primi classificati (lavori di gruppo) Salvatore Ungaro e Caludio Martinelli (Classe II del Liceo Classico-“Orazio Flacco” di Venosa. Per la Sezione Illustrazione, prima classificata Maria Di Leo (Classe IIIA dell’IPSIA “Aletti” di Trebisacce e il secondo posto ex aequo a Matteo Gentile (IA-Liceo Scientifico “Galilei” di Trebisacce e Emanuele Gentile (IVB Liceo Scientifico-Trebisacce). Per la Sezione Premi Speciali della Giuria: Alicia (Alisia) Paolino (IVB-Liceo Classico “Alessi di Turi” di Trebisacce , Enrico Aurelio (VA-Liceo Scientifico “G. Galilei” di Trebisacce. Premiata per la sezione Menzione Speciale Francesca Albamonte (3°B-Liceo Classico “Colosimo” di Corigliano Calabro. Premio Tersicore 2017 ha visto al terzo posto Irene Fabrizio (IVA Corso Turismo-ITS “G. Filangieri di Trebisacce), al secondo posto Francesca Italiano (3°A-ITI-IPSIA “Aletti” di Trebisacce) e  Prima classificata per il Premio Tersicore 2017, Mariasara Staffa (IV A-Liceo Classico “Alessi di Turi” di Trebisacce.

Franco Lofrano

F1, MonacoGP: Raikkonen in pole: prima fila tutta Rossa, male Hamilton (14°)

Trebisacce-27/05/2017: Alcuni scatti sul Premio Tersicore 2017